Weekend a Saint Tropez

Condividi questo articolo su :

Spiagge, tornei di pétanque con aperitivo e hotel al top. Fuga di prima estate in Costa Azzurra,.mettendo in agenda anche la regata più ambita, la Giraglia Rolex Cup, dal 18 giugno.

Prima di tutto, un croissant da Sénéquier, di fronte al porto più ambito del Mediterraneo: è il modo migliore per presentarsi alla più celebre e ambita delle regate (si tiene da 59 anni), la Giraglia Rolex Cup, 245 miglia con partenza da Saint-Tropez, doppiaggio della Giraglia, una formazione rocciosa al largo di Capo Corso, poi prua verso Genova.

Spiagge, tornei di pétanque con aperitivo e hotel al top. Fuga di prima estate in Costa Azzurra,.mettendo in agenda anche la regata più ambita, la Giraglia Rolex Cup, dal 18 giugno.

Prima di tutto, un croissant da Sénéquier, di fronte al porto più ambito del Mediterraneo: è il modo migliore per presentarsi alla più celebre e ambita delle regate (si tiene da 59 anni), la Giraglia Rolex Cup, 245 miglia con partenza da Saint-Tropez, doppiaggio della Giraglia, una formazione rocciosa al largo di Capo Corso, poi prua verso Genova.

A questa edizione, in programma dal 18 al 25 giugno, partecipano oltre 200 imbarcazioni: i primi scafi dovranno tagliare la linea d’arrivo a Genova dopo una ventina di ore di navigazione tutta tattica ed esperienza.

Cornice di questo appuntamento, mondanissimo e sportivo, Saint-Tropez e la sua costa. Saint-Tropez è estremamente vivibile in questo periodo. A cominciare dal mercato di place des Lices, dove curiosare tra bancarelle di abitini di chiffon, mazzi di lavanda e brocantes. Sono passati quasi cinquant’anni, ma il lifestyle St-Tropez mantiene intatto il suo fascino. Parecchi gli indirizzi da segnarsi in agenda: Le Café, sempre in Place des Lices, di fronte al campo di pétanque, il tradizionale gioco di bocce, dove gustare cucina provenzale e magari iscriversi a un minitorneo di bocce con aperitivo (tel. 0033.4.94.97.44.69, da 45 €). A pochi minuti d’auto dalla piazza, in direzione delle spiagge, un vecchio albergo ha cambiato look: ora è Villa Cosy, con piscina riscaldata e camere immacolate di sobria eleganza.

Per lo shopping, all’arcinoto atelier Rondini (16, rue G. Clemenceau, tel. 0033.4.94.97.19.55) si fa scorta di sandali su misura, tra cui i famosi salomé, infradito semplici, ma molto chic (da 150 €). Gli contende il primato K. Jacques (25, rue Allard, tel. 0033.4.94.97.41.50), che li propone anche in suede colorato e in pitone (da 180 €). Un’altra sosta d’obbligo è in Place de la Garonne, dove spiccano Gas Bijoux, il cui inconfondibile stile strizza un occhio all’etnico (tel. 0033.4.94.97.26.52), e Vilebrequin (tel. 0033.4.94.43.33.46): i suoi short da mare piacciono a Hugh Grant e Russell Crowe.

L’aperitivo è al lounge bar del Pan Deï Palais, un hotel nel centro storico con piccola spa, hammam e tè pomeridiano in biblioteca. Un’ospitalità di sapore esotico ricavata dall’antica dimora del generale Allard, costruita come omaggio per la moglie indiana: le camere si affacciano sul giardino di essenze tropicali e sulla piscina dove si servono piatti ispirati alla cucina del Sol Levante: lo chef è Sato, allievo di Ducasse e di Maximin (52, rue Gambetta, tel. 0033.4.94.17.71.71, www.pandei.com, doppia da 195 €).

Affascinante la campagna poco fuori dal borgo, dove è stato aperto l’Hôtel Muse: suite con giardinetto e piscina privata. Un’oasi di relax in un parco ecologico profumato di timo e lavanda, con spa (route des Marres, Ramatuelle, tel. 0033.4.94.43.04.40, www.muse-hotels.com, doppia da 350 €). Nel verde anche La Table du Polo, ristorante annesso al Polo Club di St-Tropez, uno dei migliori del mondo. Si gusta una cucina mediterranea a bordo campo e si visitano le scuderie (route du Bourrian Gassin, tel. 0033.4.94.55.22, www.polo-st-tropez.com, da 50 €).

Le spiagge più branchées si trovano quasi tutte nella baia di Pampelonne: Key West, con vivaio di aragoste (bd. Patch, tel. 0033.4.94.79.86.58); Club 55, il preferito dai vip (bd. Patch, tel. 0033.94.55.55.55); meno modaiola, ma altrettanto bella, quella di Les Salins, dall’altra parte del Golfo. Nelle vicinanze è stato inaugurato il Sezz, design hotel con giardino, spa, camere, piscina. Si cena al ristorante Colette: menu a base di prodotti locali (route des Salins, tel. 0033.4.94.55.31.55, www.sezz.com, doppia da 400 €). Molto più economico, a 150 metri dalla spiaggia di Canoubier, c’è una bella casa in stile provenzale con piscina in giardino: è il b&b Villa La Begude. L’unico neo? Difficilissimo trovare posto: le stanze sono solo cinque e le ottime tariffe hanno generato un passaparola fra i clienti (route des Salins, tel. 0033.4.94.43.77.74, www.villalabegude.com, doppia b&b da 150 €).
 
Quest’anno poi, chi si spinge fino a Cannes, Vallauris, Antibes, Nizza, può lasciarsi attrarre dalla straordinaria rassegna L’art contemporain et la Côte d’Azur. Un territoire pour l’expérimentation 1951-2011, che coinvolge, fino a novembre, oltre trenta istituzioni, tra musei e gallerie, offrendo un panorama dell’arte dal 1951 a oggi. Tra le numerose sedi, anche Nizza: dal 25 giugno al 27 novembre ospita la mostra La couleur en avant, tutta dedicata all’elemento fondamentale per l’espressione artistica (www.artcontemporainetcotedazur.com).

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: