Vicenza, vietato bere per strada

Condividi questo articolo su :

Contro il consumo di alcolici per strada a Vicenza scende in campo il sindaco che firma un’ordinanza che sicuramente farà discutere: vietato bere per strada. Per i trasgressori è prevista una multa che va da 25 ai 500 euro. Un provvedimento a difesa del decoro e pensato per combattere i bivacchi nel centro storico e nei giardini cittadini.

Contro il consumo di alcolici per strada a Vicenza scende in campo il sindaco che firma un’ordinanza che sicuramente farà discutere: vietato bere per strada. Per i trasgressori è prevista una multa che va da 25 ai 500 euro. Un provvedimento a difesa del decoro e pensato per combattere i bivacchi nel centro storico e nei giardini cittadini.

La firma sull’ordinanza, come racconta La Stampa, è del sindaco Enrico Hullweck. Nell’intero territorio comunale sarà vietato possedere e consumare alcolici. Uniche eccezioni saranno alcune zone autorizzate e gli spazi davanti ai bar e ai locali. In questo caso, però, saranno i gestori a vigilare che chi abbia comprato una bottiglia di vodka non se la scoli sul marciapiede.

Tolleranza zero
Per chi fa la spesa al supermercato e vuole comprare alcolici? Può farlo, ovviamente, purché la bottiglia venga aperta a casa. Tolleranza zero, dunque, un po’ come ai tempi del proibizionismo negli anni Trenta a Chicago, quando era vietata la vendita di alcol.

Il provvedimento nasce per contrastare il degrado, si legge nell’ordinanza, " di persone, spesso senza fissa dimora, dedite all’assunzione di bevande alcoliche in luoghi pubblici come parchi, aree verdi e parcheggi". Una campagna a tutela del decoro della città che non colpisce solo le persone più disagiate. E’ sempre più abitudine dei giovani, visto il costo proibitivo di aperitivi, comprare ai discount le bevande alcoliche per poi consumarle prima di entrare nei locali. Un fenomeno che ha conseguenze non da poco sulla sicurezza stradale e l’ordine pubblico. La misura sembra non dispiacere i vicentini e neanche ai Comuni limitrofi, intenzionati ad adottare nel giro di pochi mesi lo stesso provvedimento.

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: