Viaggio a Dresda

Condividi questo articolo su :

Dal romanzo Mattatoio n. 5 dello scrittore americano Kurt Vonnegut che la descriveva durante il terribile bombardamento del 1945 alla ricostruzione più completa- la Frauenkirche, la cattedrale simbolo ricostruita è stata inaugurata nel 2005. Dresda d’estate come d’inverno è tornata a ruggire, raccontando senza inibizioni ciò che è stata, nel bene e nel male. Tanto da meritare l’ambito appellativo di Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Dal romanzo Mattatoio n. 5 dello scrittore americano Kurt Vonnegut che la descriveva durante il terribile bombardamento del 1945 alla ricostruzione più completa- la Frauenkirche, la cattedrale simbolo ricostruita è stata inaugurata nel 2005. Dresda d’estate come d’inverno è tornata a ruggire, raccontando senza inibizioni ciò che è stata, nel bene e nel male. Tanto da meritare l’ambito appellativo di Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Dalla Germania come dal resto d’Europa un week end è d’obbligo, una settimana molto piacevole, gli itinerari flessibili. Qualsiasi sia la scelta si vedrà molto e quello che non si riesce a vedere si potrà rimandare ad un’altra visita ancora. Un giro nella Firenze dell’Elba, come è stata ribattezzata, non annoia mai e può spaziare dall’arte nelle sue forme più elaborate alle curiosità più vezzose. Un esempio? Basta prendere in considerazione i suoi due estremi. Da un lato la “Kunstkammer”, dall’altro la “Pfunds Molkerei”.

La “Kunstkammer” viene fondata nel sedicesimo secolo nel Castello Residenziale di Dresda dalla mente illuminata del Principe elettore Augusto. Il principio della “Kunstkammer” prevede un collezionismo secondo il gusto dei suoi proprietari: oggetti preziosi legati al mondo dell’ arte, della scienza e della tecnica e catalogati secondo parametri enciclopedici. Nel 1587 sono già 10.000, ulteriormente arricchiti dai figli e nipoti nel corso del XVII. Un patrimonio inestimabile, ancora oggi in esposizione nel Museo della Volta Verde e in molti musei della Città, tra cui quello della Collezione delle Porcellane.

Dalla “Kunstkammer” all’altro estremo, la Pfunds Molkerei, ovvero la latteria Pfunds, ancora oggi considerata la più bella latteria al mondo, al 79 della Bautzner Straße, fondata nel lontanissimo 1879 e salvatasi miracolosamente dai bombardamenti. Qui per la prima volta in Germania fu prodotto il latte condensato in un ambiente che è un piccolo capolavoro. Basta dare un’occhiata alle piastrelle. In stile neorinascimentale sono state disegnate dagli artisti più importanti della città.
Di curiosità in curiosità, Dresda racconta se stessa. E non nasconde il fatto di essere iscritta al Guinness dei primati come città di imprenditori-inventori. Proprio qui, infatti, furono inventati il collutorio, il dentifricio in tubetto, il reggiseno e la macchina fotografica panoramica. E fu prodotta la prima acqua minerale artificiale e installato il primo impianto di riscaldamento a gas pubblico della Germania. L’arte da queste parti, insomma, è anche arte del vivere.

Fonte: www.panorama.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: