Un nuovo libro di ricette americane

Condividi questo articolo su :

Prende per la gola questo manuale di cucina unico nel suo genere, che potrebbe diventare anche un bel regalo di Natale. È appena uscito in libreria Buon appetito America! Ricette e ricordi di un’americana in cucina, scritto da Laurel Evans (Guido Tomasi Editore, pp. 184, 25 €), al suo esordio come scrittrice ma cuoca già affermata.

Il libro promette già dalla copertina: un grembiule a stelle e strisce su cui troneggia l’apple pie, piatto simbolo che sa di vecchi tempi, la torta nazionale per definizione. Sembra di sentire il profumo delle mele e la fragranza della crostata, un invito a sedersi tavola e scoprire, accantonando i pregiudizi, cosa ha da offrirci la cucina d’America.

Prende per la gola questo manuale di cucina unico nel suo genere, che potrebbe diventare anche un bel regalo di Natale. È appena uscito in libreria Buon appetito America! Ricette e ricordi di un’americana in cucina, scritto da Laurel Evans (Guido Tomasi Editore, pp. 184, 25 €), al suo esordio come scrittrice ma cuoca già affermata.

Il libro promette già dalla copertina: un grembiule a stelle e strisce su cui troneggia l’apple pie, piatto simbolo che sa di vecchi tempi, la torta nazionale per definizione. Sembra di sentire il profumo delle mele e la fragranza della crostata, un invito a sedersi tavola e scoprire, accantonando i pregiudizi, cosa ha da offrirci la cucina d’America.

Laurel, la texana arrivata nel capoluogo meneghino per amore, è andata a caccia delle chiavi della sua identità di americana e ha trasformato la passione per i fornelli in un viaggio verso le origini culinarie d’Oltreoceano. Ha percorso gli States in lungo e in largo, dalla West alla East Coast, ha raccolto aneddoti e ricette, ha carpito i segreti delle nonne e, alla fine, ha scoperto che l’America ha una tradizione a tavola, sconosciuta ai più, che merita di essere raccontata. È nato così Buon appetito America! che è un libro di cucina, certo, ma è soprattutto la scoperta di un’America totalmente inedita.

Sette capitoli per cimentarsi ai fornelli in ogni occasione, dal brunch domenicale ai pantagruelici menu delle grandi feste nazionali, Thanksgiving e 4 luglio in testa. Un’esaustiva rassegna di piatti "fai da te" dove nulla è lasciato al caso perché Laurel, da brava chef, spiega tutto nei minimi dettagli: ingredienti (quali e dove trovarli), tempi di cottura, variazioni e suggerimenti per fare bella figura. È difficile credere che possano esserci tanti spunti sfiziosi provenienti dalla "terra dei fast food", ma bisogna ricredersi. Ogni pagina stuzzica l’appetito. Sfilano zuppe – di zucca e pere, zucca e cocco, di vongole o pollo -, sandwich, dolci e insalate talmente ricche da saziare un reggimento.

Un posto d’onore lo occupa il cibo più famoso d’America, l’hamburger. Un pezzo di carne in apparenza facilissimo da cucinare che richiede invece molta abilità e ingredienti di prima scelta. Senza considerare la quantità infinita di varianti: pancetta e gorgonzola, vegetariano con fagioli neri, al tonno scottato con wasabi o al salmone con spinaci. Oltre all’hamburger, nel libro c’è anche tutto ciò che serve sapere per il barbecue.

Fin qui, le ricette. Ma la ri-scoperta dell’America è anche un viaggio fotografico. Ogni piatto è immortalato in una posa da acquolina in bocca, ogni luogo è evocato attraverso un’immagine. Gli scatti sono di Emilio Scoti, l’italiano che Laurel ha preso per la gola e ha sposato nel 2006: un fotografo di professione che segue la moglie attraverso gli Stati Uniti per catturare l’anima della gente in cucina è un’altra storia che vale la pena raccontare. Magari seduti a tavola, davanti a un tacchino ripieno e a un’apple pie.

Fonte: www.corriere.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: