Trinidad e Tobago: il paradiso per chi l’avventura se la va a pendere

Condividi questo articolo su :

Trinidad e Tobago sono isole piacevolmente ricche di contraddizioni. A Trinidad incontaminate paludi di mangrovie e colline ammantate di foresta pluviale coesistono le raffinerie di petrolio e aree industriali. Tobago ha tutto ciò che ci si può aspettare da un’isola caraibica, con tanto di palme e sabbia bianca, eppure l’industria turistica non l’ha quasi toccata. La minuscola repubblica formata da queste due isole gemelle offre ottimi siti di immersioni e lussureggianti foreste pluviali, ideali per fare escursioni a piedi e in bicicletta e nuotare sotto le cascate, e vanta una vivace vita notturna che culmina in occasione del suo favoloso carnevale, probabilmente la più grande e la più bella festa della regione.

Port of Spain Affacciata sul Gulf of Paria, a Trinidad © Homo Cosmicos

Però non aspettatevi di essere condotti per mano. Grazie allo sviluppo dell’industria del petrolio e del gas, qui il turismo non viene considerato una priorità, per cui starà a voi prendere l’iniziativa e godervi le bellezze delle isole. Fate un respiro profondo e tuffatevi.

1 Port of Spain

Affacciata sul Gulf of Paria e incorniciata dalle pendici della Northern Range, Port of Spain è un ricca di contraddizioni, con la verde distesa del Queen’s Park Savannah e una serie di splendidi edifici dalle elaborate decorazioni in legno che contrastano con la frenetica zona centrale e il lungomare, quasi nascosto dietro un complesso industriale. Lo sviluppo esplosivo della città ha creato una frizzante atmosfera metropolitana, che rende Port of Spain molto diversa dalle classiche capitali caraibiche. Non è un posto dove ci si inchina davanti ai dollari dei turisti, e questo aspetto contribuisce al suo fascino. I siti turistici tradizionali saranno anche pochi, ma il centro è ricco di atmosfera, con le sue bancarelle del mercato e le piazze ombreggiate, mentre il quartiere decentrato di Woodbrook offre una gran quantità di ristoranti, bar e locali sempre vivaci e affollati. Durante il carnevale in ogni angolo della città si svolgono grandi feste all’aperto, l’aria si riempie di musica e l’atmosfera si fa elettrica. Unitevi ai festeggiamenti del più pittoresco carnevale dei Caraibi e godetevi la musica dal vivo, dalle steel band alla soca e al calypso .

Le famose Paria Falls a Trinidad © Brendan Delzin

2 Northern Range

Nel cuore della lussureggiante foresta pluviale che ammanta i monti della Northern Range, Brasso Seco è un tranquillo villaggio che in passato viveva di agricoltura (cacao e altre colture). Oggi si è reinventato come località turistica alla buona per amanti della natura che desiderano fare escursioni a piedi o partecipare a uscite di birdwatching e ai tour delle coltivazioni di cacao, oppure semplicemente sperimentare da vicino i ritmi lenti della vita nella Trinidad rurale.

Da Brasso Seco si possono fare spettacolari escursioni a piedi di un giorno ad alcune cascate: le Double River Waterfalls, le Madamas Falls e le Sobo Falls. L’escursione di 13 chilometri da Brasso Seco a Paria Bay è una delle più belle di Trinidad e passa dalle famose Paria Falls. Volendo la si può trasformare in un magnifico trekking di due giorni, proseguendo verso est fino a Matelot e campeggiando in splendide baie. Se siete buoni camminatori, potrete inerpicarvi sul Cerro del Aripo, la montagna più alta di Trinidad.

3 Immersioni a Speyside

Il piccolo villaggio di pescatori di Speyside si trova di fronte a Tyrrel’s Bay ed è frequentato da sub e da appassionati di birdwatching. Le acque protette, la grande visibilità, l’abbondanza di coralli e la varietà della vita marina fanno di Speyside una località perfetta per le immersioni, tanto che è considerata uno dei siti migliori di tutti i Caraibi. Nel villaggio ci sono diversi operatori del settore, e quasi tutti i turisti soggiornano in alberghi rivolti espressamente agli appassionati di immersioni. Chi non si immerge potrà partecipare a uscite di snorkelling e fare escursioni a Little Tobago a bordo di barche con il fondo trasparente.

A Speyside si respira un’atmosfera tranquilla da ultimo villaggio alla fine della strada. Una pista porta sopra il centro abitato e raggiunge un belvedere da cui si possono ammirare le isole e le acque disseminate di barriere coralline.

Pigeon Point, Tobago © Peter Krocka

4 Pigeon Point

Bisogna pagare per accedere a Pigeon Point, la più esclusiva delle spiagge di Tobago, con giardini curati, bar, ristoranti, servizi igienici e docce sparsi lungo buona parte del lungomare. La spiaggia è di una bellezza da cartolina, con tanto di cornice di palme, soffice sabbia bianca e acque limpidissime; le acque mosse intorno al promontorio sono ideali per praticare il windsurf e il kitesurf con Radical Watersports.

Una tartaruga sulla spiaggia della Grande Rivière, Trinidad © William Farah

5 Grande Riviere

La lunga e ampia spiaggia di Grande Rivière è delimitata alle due estremità da promontori ammantati da foreste lussureggianti. A est si trova una laguna dai confini variegati formata dal fiume che dà nome al villaggio, dove si può fare il bagno in calme acque dolci. La sabbia grezza di colore giallo scuro è disseminata tutto l’anno dei gusci rotti delle uova delle tartarughe liuto. La spiaggia digrada rapidamente e le acque sono turbolente, per cui è consigliabile che soltanto i nuotatori più esperti si avventurino a fare il bagno.

6 Gite in barca

Mentre a Trinidad l’industria prospera e si fa festa tutta la notte, la minuscola Tobago (a soli 42 chilometri di distanza) è più tranquilla, e invita a rilassarsi su una sdraio con una birra in mano osservando le acque cristalline che brillano sotto il raggi del sole. Per quanto vada fiera delle sue foreste pluviali, dei magnifici siti per le immersioni, delle stupende baie color acquamarina e delle riserve naturali, Tobago è ben felice di non essere citata in alcuna canzone dei Beach Boys. I turisti, accettati senza entusiasmo e quasi con indifferenza, possono scegliere tra lussuosi alberghi sull’oceano o minuscole guesthouse nei villaggi, dove è possibile raggiungere l’unico bar all’aperto a piedi nudi e si ride con la gente del posto davanti a un bicchiere di rum.

Navigate lungo la costa caraibica, fate snorkelling in calette nascoste e gustate pesce fresco alla griglia in spiaggia

Quando andare

Febbraio – marzo È alta stagione, e orde di turisti arrivano per il carnevale; altri periodi affollati sono l’estate (luglio e agosto), Pasqua e le vacanze natalizie.

Ottobre-metà dicembre e aprile-giugno Nei periodi di media stagione c’è meno folla e le tariffe degli alloggi sono più basse, però è probabile incappare in un po’ di pioggia.

Grazie alla posizione geografica, a Trinidad e Tobago le temperature sono costanti tutto l’anno, con una media diurna di 27°C. Le principali variazioni climatiche sono dovute all’alternarsi tra stagione delle piogge (da giugno a novembre) e stagione secca (da dicembre a maggio). Dal momento che le isole si trovano al di fuori della fascia degli uragani, le tempeste sono molto rare.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: