Termoli: Apre il primo junior restaurant

Condividi questo articolo su :

Mini tavoli azzurri con intorno piccole sedie rosse, verdi e blu, posate variopinte: è il primo Junior Restaurant della città, ed è stato aperto domenica 17 giugno, nel segno di un turismo sempre più a misura di bambino.
 

Mini tavoli azzurri con intorno piccole sedie rosse, verdi e blu, posate variopinte: è il primo Junior Restaurant della città, ed è stato aperto domenica 17 giugno, nel segno di un turismo sempre più a misura di bambino.
 
La sala da pranzo ‘baby’ si apre al lato del ristorante per adulti nell’hotel Garim, la struttura ricettiva del lungomare nord. Accoglie i piccoli di età compresa tra i 4 e i 9 anni. «L’idea ci è venuta perché la vacanza deve essere piacevole non solo per i più grandi – spiega la direttrice dell’albergo Anna Vaccaro – i pasti diventano un modo per scaricarsi: i piccoli vedono anche i dvd durante il pranzo e la cena e sono seguiti dagli animatori, che li aiutano a mangiare facendoli divertire. Stiamo cercando di impegnarci per proporre sempre più servizi, perché non si può pensare di affittare solo la camera e di offrire i pasti».
 
Il menù varia ogni giorno e non si può dire che non sia fantasioso, visto che porta il nome dei beniamini dei bambini, i personaggi dei cartoni animati: vengono serviti a tavola, per fare qualche esempio, dalla Fiamma di Bloom (pasta al ragù), alle bugie delle Trix (pastina con piselli e prosciutto), ai segreti delle Winx (emmenthal affettato), ai muscoli di Sky (bastoncini di pesce). Il ristorante dei piccoli rientra nelle iniziative messe a punto dopo la partecipazione al progetto transfrontaliero “Dijetus”, avviato dalla scorsa amministrazione e concluso a dicembre del 2006, proprio per la promozione del segmento turistico legato alla famiglia nel territorio costiero. Al termine del programma, 11 operatori della costa hanno deciso di fondare l’associazione “Family for fun”: si riuniscono mensilmente per pianificare le attività di marketing e hanno anche preso parte  alla rassegna “Bimbi in Fiera” a Roma. Hanno anche pubblicato un catalogo per pubblicizzare il loro prodotto. Del gruppo fanno parte solo due attività termolesi, il “Garim” e il “Majestic”, mentre gli altri ristoranti, residence, lidi e alberghi si trovano a Petacciato e Campomarino.
 
«Durante l’attuazione del progetto abbiamo seguito dei corsi di formazione degli operatori della società Team Work di Rimini. Dagli studi svolti è emerso che Termoli può specializzarsi solo ed esclusivamente in un turismo rivolto alla nicchia di mercato delle famiglie – aggiunge la direttrice del ‘Garim’ – e ai vacanzieri della terza età. Ci sono tutti i presupposti: il fondale marino è basso e la spiaggia si adatta ai bambini, ed è anche un posto vivibile dal punto di vista ambientale. E’ inutile pensare che possano soggiornare in città i giovani, in quanto non ci sono le attrattive adeguate».

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social