Serbia e Montenegro bloccano le importazioni dei turisti

Condividi questo articolo su :

Il Governo croato ha deciso di bloccare l’importazione dei turisti di carne, latte e di derivati. Infatti, secondo alcune Associazioni di agenzie turistiche, circa 800.000 turisti che hanno visitato l’Adriatico hanno portato dalle loro abitazioni il cibo necessario per la permanenza nei villaggi, evitando così di servirsi presso le strutture alberghiere.

Il Governo croato ha deciso di bloccare l’importazione dei turisti di carne, latte e di derivati. Infatti, secondo alcune Associazioni di agenzie turistiche, circa 800.000 turisti che hanno visitato l’Adriatico hanno portato dalle loro abitazioni il cibo necessario per la permanenza nei villaggi, evitando così di servirsi presso le strutture alberghiere. In seguito a tale decisione molti i turisti hanno già chiesto la cancellazione delle loro prenotazioni per l’estate in Croazia, e già si teme, tra gli operatori turistici, una possibile deviazione del flusso turistico verso altri luoghi.

La Croazia ha applicato tale regole, appartenenti al quadro della normativa comunitaria, a partire dal primo giugno anche nei confronti di paesi terzi, nonostante nessun Paese membro dell’UE abbia applicato tale normativa e nonostante la Croazia non sia ancora entrata a far parte del mercato comunitario. Allo stesso modo, anche il Montenegro limita l’importazione degli alimenti, come annunciato dal Ministro del Turismo, Predrag Neneziq. Secondo il nuovo regolamento, i viaggiatori diretti in Montenegro, potranno importare al massimo un chilo di frutta secca o verdure, 5 litri d’acqua, due litri di bevande analcoliche e un litro di bevande alcoliche.

Fonte: www.rinascitabalcanica.com

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social