Scambiare casa, un modo di viaggiare

Condividi questo articolo su :

Del couch surfing, ovvero lo scambia-divano, non si fa che parlare come l’ultima moda per i viaggiatori low budget. Attraverso un sito internet, si mettono, così, in contatto i proprietari di divani con i turisti fai da te. Ma per chi all’avventura preferisce il comfort e la tranquillità la nuova tendenza è l’Home Exchange lo scambia casa. Il che presuppone che si abbia una casa da offrire in cambio ovviamente di un’altra, una meta da scegliere e un po’ di abilità con Internet.

Del couch surfing, ovvero lo scambia-divano, non si fa che parlare come l’ultima moda per i viaggiatori low budget. Attraverso un sito internet, si mettono, così, in contatto i proprietari di divani con i turisti fai da te. Ma per chi all’avventura preferisce il comfort e la tranquillità la nuova tendenza è l’Home Exchange lo scambia casa. Il che presuppone che si abbia una casa da offrire in cambio ovviamente di un’altra, una meta da scegliere e un po’ di abilità con Internet.

La maggior parte delle offerte, infatti, arriva proprio dalla rete. La lista dei siti è lunga. E anche la professionalità che li accompagna. Per poter lasciare chiavi e casa nelle mani di qualcuno che non solo non la distruggerà, ma che la userà come fosse sua. Con amore e rispetto. La garanzia del resto risiede nella formula stessa. Il proprio appartamento non finisce nelle mani di una persona qualunque ma di chi mette in gioco anche il proprio focolare.

Il problema semmai è un altro. La propria casa di Roma o Firenze sarà magari all’altezza di una mega villa a Miami? Finora le statistiche dicono di sì. L’Italia è una delle mete più ambite. E dicono pure che lo scambio alla fine diventa anche culturale. Perché nell’abitazione che si sceglie, sia essa una baita nelle Alpi francesi o una casetta a Tahiti, si potrà usare tutto quello che capita a portata di mano. Come se fosse proprio. Dai libri ai cd, ai giocattoli se si hanno bambini. Alla fine del soggiorno a casa si porterà il ricordo di un’immersione completa in un mondo diverso. Aggiornarsi sulle offerte prima magari di mettere in giro la propria è facile. Basta un click e via.

Homelink, per esempio, è stata fondata nel 1953 ma è negli ultimi anni che è esplosa come fenomeno di tendenza, con circa 15 mila famiglie dislocate su 80 paesi del mondo. Qualche esempio? Per chi vuole farsi una vacanza nella lontanissima Nuova Caledonia un professore scambia la sua villetta a pochi minuti dalla capitale Nouméa. Per sentirsi a casa propria anche se così lontano.
Gli appassionati di Centro America e America Latina, invece, debbono cliccare su Intervac. Inutile dirlo che le destinazioni preferite in questo caso sono quelle marine, in alcune delle coste più belle del mondo. Su Home Exchange si può scegliere fino a 20 mila case e oltre alle vacanze lunghe è possibile optare anche per soggiorni brevi come per esempio i weekend. Insomma, il motto tu casa es mi casa. Non è mai stato così vero.

Fonte: www.panorama.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: