Russia per principianti: cosa fare e non fare

Condividi questo articolo su :

Il Paese più grande del mondo seduce e affascina con la sua arte rinomata a livello mondiale, paesaggi spettacolari e una società poliedrica. Noterete anche come la determinazione e il senso dell’umorismo contribuiranno non poco ad arricchire il vostro primo viaggio in Russia. Ecco alcuni dei consigli dei nostri autori per evitare gli errori più comuni quando si visita la Russia.

La parata sulla prospettiva Nevsky durante la Festa della città di San Pietroburgo © Lou Jones / Getty Images

Fate domanda per il visto in anticipo e registratevi all’arrivo

Questo è un imperativo assoluto per tutti. Potete farlo all’ultimo momento, ma potrebbe costarvi una fortuna. Cominciate la procedura di richiesta almeno un mese prima del viaggio e prendete in considerazione di affidarvi a un’agenzia di viaggi per organizzare il visto e prenotare i trasporti fondamentali. Ogni visitatore in Russia dovrebbe farsi registrare il visto entro sette giorni dall’arrivo, esclusi i weekend e i giorni festivi. L’obbligo di registrarsi cade anche sul vostro hotel, ostello o padrone di casa e famiglia presso cui starete in una residenza privata.

Controllate il calendario degli eventi

Mosca e San Pietroburgo si svuotano durante le principali festività – la prima settimana di gennaio (tra Capodanno e il Natale ortodosso) e la prima e la seconda settimana di maggio (i giorni intorno al Primo Maggio, o la festa del Lavoro e il giorno della Vittoria). Nonostante ciò, entrambe le città sono in festa durante questi periodi con parate, concerti e altri eventi, ma i musei e altre istituzioni potrebbero avere orari ridotti o essere chiusi del tutto. Il periodo migliore per visitare San Pietroburgo va da maggio a settembre ma è a metà giugno che la città è irresistibile, quando la frenesia delle notti bianche raggiunge il picco.

Il teatro Bolshoi di sera ©Baturina Yuliya/Shutterstock

Fatevi belli per una notte in città

Non vi possiamo garantire che superiate il “controllo facciale” di Mosca (il termine viene dal fatto che gli abitanti del posto cercavano di “salvare la faccia” facendo entrare solamente i clienti che soddisfacevano i loro requisiti d’immagine) ma potrete aumentare le vostre possibilità di entrare nei migliori club facendo uno sforzo sartoriale– tacchi alti e gonne corte per le donne, tutto nero per gli uomini. I russi fanno anche uno sforzo quando vanno a teatro o in un ristorante elegante– dovreste cercate di fare lo stesso per integrarvi.

Imparate l’alfabeto cirillico

Sforzarsi per familiarizzare con l’alfabeto cirillico ripaga con gli interessi. La conoscenza dell’alfabeto vi aiuterà a decifrare i cartelli delle strade e della metro, mappe, calendari e menù, anche se non conoscete molte espressioni russe. Mentre strumenti digitali come l’app della metro russa e Google translate rendono più facile che mai visitare paesi dove non parlate o leggete la lingua, un’infarinatura prima di partire può ridurre la frustrazione e rendervi simpatici per i locali.

Servizi per condividere il tragitto come Taxovichkoff, Uber e Yandex Taxi hanno stravolto il settore dei taxi in Russia come in qualsiasi altro posto. Questo significa meno pressione per imparare frasi in russo qualora aveste bisogno di chiamare un taxi in strada, ma resta ancora un’idea saggia imparare frasi chiave in caso ci sia un problema con il percorso, come l’indirizzo del vostro hotel o l’incrocio su cui si trova il vostro appartamento in affitto.

Interno del centro commerciale GUM di Mosca © Image by Huw Jones / Getty Images

Aspettatevi di spendere un bel po’

Mosca è una delle città più costose del mondo e anche San Pietroburgo non è una meta economica; lo “shock da portafoglio vuoto” è frequente in molti ristoranti e hotel. Come stranieri vi ritroverete spesso a pagare più dei russi in alcuni musei – spesso anche dieci volte il prezzo dei russi. Se siete studenti, far vedere un documento può farvi risparmiare in musei e altre istituzioni.

Potrete spendere un po’ meno per mangiare fuori in diversi modi. Molti ristoranti offrono “pranzi aziendali” che sono convenienti e riempiono molto. Alcuni anni fa il trend degli “anti-cafes” è emerso nelle grandi città russe, ce ne sono ancora alcuni dove paghi caffè, biscotti e un po’ di WiFi al minuto.

L’ultima moda per mangiare, tuttavia, sono i mercati alimentari che combinano mercati ortofrutticoli e stand alimentari al coperto, spesso in edifici antichi importanti dal punto di vista architettonico. Potrete acquistare gli ingredienti per cucinare da soli o assaggiare cucine da tutto il mondo da diversi stand. Molti mercati alimentari sono meno costosi dei ristoranti e vi consentono di provare una varietà maggiore di piatti locali e internazionali.

Non chiedete una bevanda analcolica insieme alla vodka

Poche tradizioni sono sacre in Russia come il bere la vodka, e la strana idea di berla con succo d’arancia o acqua tonica è un anatema per il russo medio. Se avete bisogno di qualcosa per farla scendere, potrete farla seguire da una fetta di limone, un cetriolo o forse un bicchiere separato di acqua. La vodka viene bevuta con veloci shottini, non sorseggiata. È tradizione (e buon senso) mangiare qualcosa dopo ciascuno shottino, quindi ordinate anche degli snack per accompagnare la vodka.

Interno della Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato a San Pietroburgo ©Viacheslav Lopatin/Shutterstock

Non siate irrispettosi in una chiesa

Le chiese durante le celebrazioni sono aperte a tutti ma in quanto visitatori dovrete fare attenzione a non disturbare nessuna venerazione o offendere la sensibilità. Non c’è alcun controllo facciale, ma le donne dovrebbero coprire il capo e le spalle quando entrano in chiesa. In alcuni monasteri e chiese è inoltre necessario per le donne indossare una gonna –  scialli sono solitamente disponibili alla porta. Gli uomini dovrebbero togliersi il cappello in chiesa e non indossare pantaloncini.

Non scattate foto a edifici governativi

Fate molta attenzione quando fotografate stazioni, edifici dall’aspetto ufficiale o ogni tipo di struttura di sicurezza militare– se avete un dubbio non scattate! Diversi viaggiatori, incluso un autore Lonely Planet, sono stati arrestati e multati per un comportamento così innocente.

L’ingresso di una stazione lungo la Transiberiana, Russia © Annapurna Mellor via Getty Images

Non dimenticatevi di controllare gli orari dei treni

In tutta la Russia, gli orari per i treni a lunga percorrenza sono scritti secondo il fuso orario di Mosca. Le uniche eccezioni sono i servizi suburbani che seguono l’ora locale – ma non sempre, quindi ricontrollate. Gli orologi nelle stazioni nella maggior parte dei posti sono anch’essi impostati sul fuso di Mosca. Tenete a mente che Mosca e San Pietroburgo hanno lo stesso fuso orario.

Non sorprendetevi se venite fermati dalla polizia

Sebbene nel 2011 siano state approvate nuove leggi che hanno riconfigurato considerevolmente la polizia russa, è sempre saggio portare con sé una fotocopia del passaporto, visto e registrazione – per non parlare dei documenti di viaggio che indicano come e quando ritornerete a casa – e mostrateli quando un poliziotto richiede di vederli. Potrete anche notare una polizia turistica speciale vicino alle attrazioni principali come la Piazza Rossa, che ha un training apposito e abilità linguistiche per aiutare i viaggiatori.

Se venite multati, le autorità russe potrebbero aspettarsi un “pagamento ufficioso” per velocizzare il servizio sul posto, piuttosto che sbrigare la faccenda successivamente alla stazione. In ogni caso chiedete sempre una ricevuta ufficiale, e considerate di portarvi il numero della vostra ambasciata qualora le cose diventassero complicate.

Fonte articolo originale

[amazon_link asins=’8859247195,8893816776,1786573628,8836571093,8859245982,8836572197,8859245974,8836574726,8883636228′ template=’ProductCarousel’ store=’zonaviaggi-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1c4ba51a-feaa-472b-9e2f-c021a3312dfe’]

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: