Raggiungere l’apice sugli Alti Tatra in Slovacchia

Condividi questo articolo su :

Il più spettacolare parco nazionale della Slovacchia, quello degli Alti Tatra, nel 2019 compie 70 anni, ed è tempo che vi dirigiate verso questo luogo d’avventura unico. Le cime innevate e la pace di questo paradiso rendono queste montagne imperdibili; potrete scegliere di spiare gli animali selvatici più sorprendenti del continente oppure soddisfare la vostra sete di adrenalina sui versanti innevati e aspri.

Le bellezze della Slovacchia sono principalmente naturali e pochi potrebbero contestare il primato detenuto dagli Alti Tatra. Non solo si tratta dei monti più alti della nazione, ma anche dell’intera catena dei Carpazi (lunga 1500 km) e di tutta l'Europa orientale.

Escursionista in cima alla montagna che osserva l\'orizzonte nel parco nazione dei Tatra in Slovacchia Il parco nazionale dei Tatra in Slovacchia è un ambiente vertiginoso © kovop58 / Shutterstock

Detto questo, si tratta della catena montuosa meno estesa di questa altitudine nel mondo, solo 55 km, ma riesce a combinare ambienti naturali e un eclettico mix di attività all’aria aperta: escursioni di rifugio in rifugio, skijoring (sci di fondo trainati da cavalli o altri animali), slitte trainate da husky e rafting nelle gole sottostanti. Mentre nei tratti intermedi di foresta potrete prendere parte a un tour per osservare in sicurezza gli orsi bruni (brown bear-watching).

Diversità montana

Una delle caratteristiche che rendono questo parco così interessante è l’abbondanza di vette che raggiungono i 2500 metri, venticinque in tutto. Gli Alti Tatra sono uno dei rari luoghi in Europa, al di fuori delle Alpi, che mantengono le caratteristiche alpine e la gamma topografica che accoglie i potenziali visitatori è dinamica e si distribuisce in cinque scenari diversi.

Due escursionisti percorrono i sentieri nella foresta verde degli Alti Tatra in Slovacchia Gli Alti Tatra offrono una grande varietà di terreni da esplorare © Juraj Kamenicky / Shutterstock

Si possono distinguere rigogliose colline a 700-800 metri di altezza, foreste scure di faggi dei Carpazi o abeti che raggiungono i 1500 metri, distese verde pallido di kosodreviny o di pino nano a cavallo dei 1500-1700 metri, praterie d'alta quota conosciute come luky che possono raggiungere i 2000 metri, mentre dai 2000 metri fino alla cima si trova una fascia, ricca di laghetti di montagna, chiamata tatry, un terreno brullo e roccioso dal quale si pensa che derivi la parola “tatra”.

Grazie alla prossimità di queste diverse zone, ogni panorama può comprendere il grigio, il bianco e il nero della tatry, il profondo blu dei laghi alpini, le attraenti sfumature del luky, del kosodreviny e della foresta sottostante. Una singola camminata può catapultarvi attraverso tutti e cinque gli ecosistemi in poche ore.

La diversità del paesaggio da una parte spinge gli essere umani ad esplorare queste zone, dall’altra attira numerosi animali selvatici, incluse tre delle cinque specie principali europee: l’orso bruno, il lupo e la lince euroasiatica, che potrebbero fare capolino nella vostra giornata d’avventura.

Un lupo europeo selvatico dal pelo grigio e marrone discende una collina Il lupo europeo è uno dei predatori più pericolosi negli Alti Tatra © Marek Rybar / Shutterstock

La salvaguardia a lungo termine ha preservato in modo impeccabile l’ambiente, infatti le autorità, sia dal versante slovacco che polacco della montagna, hanno collaborato fin dai primi anni Cinquanta per formare qui la prima regione protetta transnazionale.

Escursionismo e arrampicata

Nulla può mostrarvi le bellezze degli Alti Tatra come un’escursione. Ci sono percorsi di ogni tipo: rossi (difficoltosi o lunghi), blu (intermedi) o verdi e gialli (collegamenti) che serpeggiano lungo i versanti. Inoltre è possibile organizzare trekking di più giorni grazie alla presenza di rifugi ad intervalli di circa una giornata di cammino. In questi viene servito cibo tradizionale e la sistemazione può essere sorprendentemente sofisticata considerato che questi rifugi si trovano in mezzo alla natura. Dormire tra le montagne, invece che dover ritornare alla base a valle per la notte, è una prospettiva molto invitante. Per gli appassionati la vera esperienza è la Tatraská Magistrala, un percorso lungo 45 km che richiede tre giorni interi di cammino lungo l’intera catena montuosa al di sotto delle più alte cime tra i 1200 e i 2000 m.

Il percorso della Tatraská Magistrala che procede lungo la valle tra i pendii con qualche chiazza di neve intorno in Slovacchia L’inizio della Tatraská Magistrala (65km), il lungo sentiero principale degli Alti Tatra © Luke Waterson / Lonely Planet

Coloro che non hanno né il tempo né l’inclinazione per completare l’intero cammino possono provare invece una delle sue parti più spettacolari: Štrbské pleso, un lago di 20 ettari molto spesso segnalato nella lista dei luoghi più belli nel mondo, offre un percorso di tre ore di andata e ritorno che emerge dal bosco per poi passeggiare intorno al lago Popradské pleso, che è ancora più sorprendente. Qui un rifugio vi potrà offrire un piacevole e meritato ristoro, mentre lo sperone naturale si arrampica sul Sedlo pod ostrvou che incombe dall’alto. Tornate indietro passando dal toccante simbolický cintorin, un memoriale dedicato a coloro che hanno perso la vita tra queste montagne.

Alcuni dei sentieri più lunghi comprendono anche passaggi di arrampicata impegnativa, e se volete alzare la posta e tentare una seria scalata, ci sono delle pendenze interessanti da affrontare. Per le salite più difficili è obbligatorio essere accompagnati da una guida oppure registrarsi prima con la Slovak Mountaineering Association.

Animali magici

Potreste essere abbastanza fortunati da avere un incontro casuale con uno degli ultimi grandi carnivori europei che vagano selvaggi in queste zone, ma è più sicuro (e la possibilità di vederli è ancora più alta) optare per un’avventura guidata.

Un orso bruno sulla cima di uno strapiombo tra le montagne degli Alti Tatra in Slovacchia I visitatori possono riuscire a vedere più facilmente un orso bruno con una guida esperta © Vaclav Volrab / Shutterstock

Adventoura organizza tra giugno e ottobre escursioni apposite per osservare gli orsi bruni, ma anche altre attività come tour in slitta da dicembre a marzo, nei quali potrete coccolare la vostra muta di husky e skijoring, dove sarete trainati sugli sci da un cavallo.

Altre creature interessanti da osservare nella zona sono il camoscio dei Tatra, con le distintive corna ricurve, la marmotta alpina e adorabili scoiattoli di montagna che riempiono l’aria con l’eco dei loro versi.

Nelle profondità della terra

Se vi doveste stancare delle vertiginose e innevate cime, la regione offre anche un’interessante dimensione a un livello inferiore. La grotta di Belianska, a poca distanza da Tatranská Kotlina, offre emozioni sotterranee grazie alle sue pareti ricche di stalattiti. Approfittate del tour di 1,5 km per esplorare la sua conformazione e i suoi laghi nascosti.

La grotta di Belianska illuminata dai fari presenta stalattiti, stalagmiti e laghi sotterranei. L’interno della grotta di Belianska, un’intrigante attrazione sotterranea © Martin Valigursky / Shutterstock

Dal confine orientale degli Alti Tatra basta un viaggio di 30 km per essere nel cuore di un altro parco nazionale, questa volta quello di Pieniny. In questo splendido luogo potrete provare una delle attività più particolari della regione: dal villaggio di Červený Kláštore potrete discendere il fiume a bordo di zattere in legno dal fondo piatto, spinte da pertiche e accompagnati da guide in costumi tradizionali.

Idiosincrasia culturale

Franz Kafka forse in passato potrebbe aver soggiornato qui, ma oggi gli abitanti più interessanti degli Alti Tatra sono i Gorali. Questa popolazione è rimasta fortemente ancorata alle sue tradizioni pastorali e alle sue comunità, come quelle a Ždiar, che sono famose per i loro cottage in legno decorati, la loro cultura musicale e i loro vestiti preziosamente ricamati.

Come raggiungere gli Alti Tatra

L'accessibilità degli Alti Tatra è uno dei suoi punti forti. Poprad, la città alla base delle montagne, ha voli internazionali con Londra ed è connessa via treno con Bratislava, che si trova a 330 km sudovest. Da Poprad, una combinazione di ferrovie montane, funicolari e cabinovie possono portare comodamente i viaggiatori verso i rilievi in 30-90 minuti, a seconda dell’altitudine che si vuole raggiungere.

Fonte articolo originale

Guida Slovacchia

OffertaBestseller No. 1 Slovacchia 18,90 EUR
OffertaBestseller No. 2 Slovacchia. Ediz. illustrata 12,00 EUR
Bestseller No. 3 Slovacchia (Guide Verdi d'Europa Vol. 25) 12,99 EUR
Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: