Questa sera la notte bianca dei saldi a Milano

Condividi questo articolo su :

Balli, feste e shopping fino all’alba. Carrozze d’epoca, concerti, giochi per bambini. In via Spallanzani gara tra gli chef .

Oltre sette mila negozi aperti fino all’alba (permessi concessi fino alle 6) con i prezzi ribassati del 40, 50 per cento e oltre. Shopping scontato, musica, spettacoli, e sfide a colpi di risotto e cotolette: sono gli ingredienti della lunga notte dei saldi — evento unico in Europa di cui Comune e Unione del Commercio vanno fieri — che, sull’onda del successo della scorsa edizione, stasera torna ad animare la città. E non a caso.

Balli, feste e shopping fino all’alba. Carrozze d’epoca, concerti, giochi per bambini. In via Spallanzani gara tra gli chef .

Oltre sette mila negozi aperti fino all’alba (permessi concessi fino alle 6) con i prezzi ribassati del 40, 50 per cento e oltre. Shopping scontato, musica, spettacoli, e sfide a colpi di risotto e cotolette: sono gli ingredienti della lunga notte dei saldi — evento unico in Europa di cui Comune e Unione del Commercio vanno fieri — che, sull’onda del successo della scorsa edizione, stasera torna ad animare la città. E non a caso.

Il mercoledì è il giorno di fiacca degli acquisti, già colpiti da una crisi che solo a maggio ha fatto precipitare i consumi del 2,7%.
«Tentiamo di dare un’accelerata ai saldi, che a Milano vanno bene», annuncia Giorgio Montingelli, consigliere dell’Unione Commercio. Ma lo shopping scontato è un pretesto per far festa, nella speranza che i milanesi imparino a riappropriarsi della città anche oltre l’orario di lavoro, come accade ogni giorno nelle altre capitali europee. In via Solferino ci sarà una carrozza trainata da cavalli pronta ad offrire un giro sotto le stelle. La musica anima le vie, e per passare da un genere all’altro basta spostarsi di strada in strada, nel circuito chiuso al traffico. In corso Buenos Aires i bambini troveranno le giostre aperte fino alle 4 e un teatrino di burattini. In via Belfiore si balla il latino-americano, in via Marghera suonano i gruppi jazz, in via Borsieri ci sono gli artisti di strada sulle note dei Sixties. In Paolo Sarpi i commercianti offrono l’aperitivo sotto il gazebo. In corso Garibaldi un gruppo musicale accompagna i passanti. La musica classica si ascolta in piazza De Angeli.

Ma la meta per i golosi è via Spallanzani, dove gli allievi della scuola alberghiera affiancati da chef celebri si sfidano a colpi di minestrone, risotto e cotoletta e spiegano le ricette. A giudicarli palati esigenti tra cui Elio Fiorucci, Giorgio Forattini, Alfredo Zini, Tiziana Maiolo, Carlo Baroni, Paolo Gatti. Restano aperti anche la Rinascente e corso Vittorio Emanuele ma, anche questa volta, alla festa non partecipa il Quadrilatero. «Evidentemente le griffe non ne hanno bisogno», nota sconfortata Tiziana Maiolo: «E temo che anche ad agosto restino con le serrande abbassate perché i loro clienti a quel tempo saranno in barca. Ma qualche volta si dovrebbe pensare anche al bene della città».

Fonte: www.corriere.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: