Omamori – I portafortuna tipici giapponesi

Sicuramente per chi guarda anime o ha avuto modo di andare in Giappone, avrà notato un piccolo Omamori attaccato a uno zaino, borsa, parate della casa.

Cos’è un Omamori?

Gli omamori (お守り) sono amuleti dedicati sia a particolari divinità Shinto, che a icone buddiste.

La parola giapponese mamori (守り), significa protezione mentre il prefisso onorifico o- dà alla parola un significato diverso ovvero “Tua protezione”.

Le caratteristiche dell’oggetto 

La copertura dell’amuleto è fatta solitamente con stoffa e racchiude al suo interno una preghiera scritta su un foglio di carta o un pezzo di legno. Solitamente la preghiera è di buon auspicio per il portatore in particolari occasioni, test o compiti.

Ma essi vengono utilizzati per scongiurare la sfortuna e vengono legati solitamente a zaini, borse, cellulari o nelle macchine per maggiore sicurezza.

Solitamente su un lato vi si può trovare l’area di fortuna o di protezione a cui sono destinati e, sull’altro lato, il nome del santuario o del tempio in cui sono prodotti.

L’Omamori non dovrebbe mai essere aperto, perderebbero la loro capacità di protezione. La sua validità è di un anno, dopo di che si dovrebbe restituire al tempio di appartenenza.

Tipologie di Omamori

  • Kanai Anzen – Per la buona salute e l’aiuto durante la malattia.
  • Koutsu Anzen – Protezione per i guidatori e i viaggiatori di tutti i tipi.
  • Enmusubi – Disponibile per single o coppie per garantire amore e matrimonio.
  • Anzan – Protezione per le donne in gravidanza e per garantire un sicuro e facile parto.
  • Gakugyojoju – Per studenti e scolari.
  • Shobaihanjo – Successo nel lavoro e negli affari.

Di recente nei negozi giapponesi sono diventati di moda e generici gli omamori che riportano famosi personaggi come TopolinoHello KittySnoopy, eccetera.

Fonte articolo originale

 

Condividi questo articolo su :
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: