Oktoberfest 2008

Condividi questo articolo su :

Fiumi di ‘bionda’ e quintali di cibo attendono i milioni di turisti che prenderanno d’assalto Monaco di Baviera per la festa più grande del mondo
O’zapft is!" è la formula rituale in dialetto bavarese che il sindaco della città di Monaco di Baviera pronuncia subito dopo aver conficcato, con energici colpi di martello, il rubinetto nella prima botte di birra. Comincia così ogni anno l’Oktoberfest.

Fiumi di ‘bionda’ e quintali di cibo attendono i milioni di turisti che prenderanno d’assalto Monaco di Baviera per la festa più grande del mondo
O’zapft is!" è la formula rituale in dialetto bavarese che il sindaco della città di Monaco di Baviera pronuncia subito dopo aver conficcato, con energici colpi di martello, il rubinetto nella prima botte di birra. Comincia così ogni anno l’Oktoberfest.

È la festa popolare più grande del mondo. Quest’anno la data di inizio per la 175esima edizione è fissata per sabato 20 settembre, per concludersi domenica 5 ottobre. Arriveranno qui come in pellegrinaggio migliaia di turisti (attesi oltre sei milioni) e amanti della birra bavarese. Soprattutto delle etichette storiche, le più amate, come Löwenbräu, Hofbräu (la più famosa del mondo), Paulaner, Spaten, Hacker-Pschorr e Augustiner, ottime per affogare wurstel e crauti.

Nel 1810 tutta la città partecipò ai festeggiamenti per le nozze di Ludwig I di Baviera con Teresa di Sassonia. In onore della sposa il campo in cui si svolsero le libagioni venne chiamato Theresienwiesen, Wiesn in dialetto bavarese . È cominciata così una tradizione che si è modificata di anno in anno fino a diventare, soprattutto grazie all’iniziativa degli intraprendenti osti e delle fabbriche di birra, una festa famosa in tutto il mondo.

Gli allegri bevitori dell’Oktoberfest sono ospitati dentro enormi capannoni in legno e muratura. Qui le dimensioni sono importanti. E allora la birra sarà servita in boccali da un litro (prezzo 8 euro circa, quelli da mezzo ci sono ma il numero tondo qui è buona prassi) da procaci cameriere vestite dell’abito tradizionale. Capelli biondi e braccia possenti, in grado di portare anche dieci boccali per volta.

L’appuntamento dell’Oktoberfest per molti diventa una sorta di pellegrinaggio da compiere ogni anno. È facile dunque trovare, tra le varie offerte delle agenzie di viaggio o annunci nelle bacheche digitali, alcuni siti (soprattutto blog) allestiti da appassionati birraioli che organizzano viaggi da tutta Italia verso Monaco di Baviera in occasione della festa.

C’è chi, come gli organizzatori di Oktoberfestitalia, è partito con gli amici alcuni anni fa per Monaco. Erano 48 nel 2001, 1850 nel 2007. E quest’anno? I Birramaniaci sono un’associazione no-profit che organizza quelli che chiamano “appuntamenti culturali birrari”. Tra cuore e fegato la Bandagastrica accetta adesioni per la sesta edizione del loro “Barcollo ma non crollo”, blitz all’Oktoberfest. C’è poi chi della passione per la birra e i viaggi ne ha fatto un vero e proprio lavoro. È stato così per due amici, Cesare e Marco, diventati tour operator col sito Oktoberfestravel.

Il sito del Consolato italiano in Baviera contiene consigli utili per non passare dei guai dopo aver bevuto qualche boccale di troppo. In particolare si avverte che la gradazione alcolica è più alta rispetto alla birra italiana e si consiglia di non mettersi alla guida dopo aver bevuto, anche perché la Germania ha leggi molto dure in fatto di guida in stato di ebbrezza.

INFORMAZIONI GENERALI
Orari di apertura: tutti i giorni dalle 10 alle 23:30. La birra viene servita fino alle 22:30. Fanno eccezione gli stand "Käfers Wiesnschänke" e "Weinzelt", i più eleganti e frequentati dai vip, che rimangono aperti fino all’una. La birra qui viene servita fino alle 0.15

Il sito web ufficiale in inglese e tedesco

Giornate della famiglia: particolari giornate dedicate alla famiglia con prezzi ridotti. Martedì 23 e 30 settembre.

Dal sito della città di Monaco è possibile prenotare stanze d’albergo o bed & breakfast per il periodo della festa. In questo caso è bene organizzarsi per tempo, già due settimane prima dell’inizio, infatti, un avviso avverte che i posti sono tutti esauriti.

Stesso discorso vale per i posti negli stand. È consigliabile prenotare prima telefonando alle singole birrerie. In ogni capannone una parte dei posti a sedere è comunque libera da prenotazione.

Sono in tanti quelli che arrivano a Monaco per la festa di ottobre in camper o in auto. La città di Monaco, invasa ogni anno da centinaia di questi mezzi, ha organizzato due parcheggi per camper in città e diversi parcheggi per auto serviti da autobus e metropolitane. AUTO E CAMPER: LA MAPPA DEI PARCHEGGI

Fonte: www.corriere.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: