Noleggiare un’auto in viaggio: consigli per risparmiare e viaggiare sicuri

Noleggiare un’auto per un viaggio non è una cosa così semplice come sembra. È una scelta importante, e per farla bisogna innanzitutto tenere conto della sicurezza, poi del risparmio. Ci sono molte informazioni che è bene sapere prima, per evitare spiacevoli inconvenienti e per garantirsi il miglior viaggio in auto possibile, che io stessa non sapevo e che ho imparato con l’esperienza. Così ho scritto questa mini guida per noleggiare un’auto in viaggio, piena di consigli frutto di quello che ho imparato in tanti viaggi in macchina.

Noleggiare un’auto in viaggio: consigli per risparmiare e viaggiare sicuri

Perché noleggiare un’auto in viaggio

Il motivo principale è perché permette maggior flessibilità e libertà negli spostamenti e nelle tappe. Con un’auto a noleggio puoi fare un on the road, attraversare luoghi e paesaggi potendoti fermare quando e dove vuoi. Puoi anche pensare di partire all’avventura senza un itinerario prestabilito, o programmare solo alcune tappe e lasciare al momento la decisione di quanto tempo passare in ogni luogo.

Dopo tutte queste belle parole su quanto sia bella la flessibilità data dal viaggiare con una macchina, ammetto che io non amo affatto guidare e lo faccio solo se proprio sono costretta. L’altro (ottimo) motivo per cui noleggiare un’auto in viaggio è che spesso è l’unico modo per raggiungere luoghi e zone che non potresti visitare altrimenti. Per me è stato il caso del viaggio negli Stati Uniti del Sud on the road, dove i trasporti pubblici raggiungono solo i grandi centri, ma il vero bello è proprio fuori città. Oppure alle San Juan Islands, che ho visitato spostandomi da un’isola all’altra con la combinazione macchina + traghetti. Ma anche a Fuerteventura, dove un mezzo proprio è essenziale per raggiungere le spiagge più belle, e dove le strade spesso sono sterrate o ricoperte di sabbia, per cui un motorino sarebbe pericoloso.

Noleggio auto in viaggio: da sapere prima

Per noleggiare un’auto è necessaria una carta di credito con numeri in rilievo (non una carta di credito prepagata, per intenderci), anche nel caso in cui si paghi in contanti. È richiesta obbligatoriamente per motivi di sicurezza, niente carta niente macchina, punto. Se noleggi un’auto online e paghi con la carta di credito, poi al momento del ritiro del mezzo devi avere con te la stessa carta di credito con la quale hai effettuato il pagamento. Un’informazione che per i viaggiatori più esperti potrà sembrare scontata ma che ha fregato più di una persona che conosco, quindi è importante sottolinearla.

Noleggiare un’auto in viaggio: come risparmiare

Per trovare i prezzi migliori ti consiglio di utilizzare Rentalcars: è un comparatore dei prezzi dei principali autonoleggi di tutto il mondo, e trova per te le compagnie che offrono una tariffa migliore per il periodo e il luogo richiesti. Le compagnie sono verificate e affidabili (parliamo di Herz, Alamo, Avis, ecc.), e spesso la piattaforma offre gratuitamente servizi extra come un secondo guidatore o l’assicurazione. Per cercare la tua auto puoi anche utilizzare il box di ricerca qui sotto:





Drop off

Quando decidi un itinerario da fare in auto tieni conto della tassa di drop off: se lasci la macchina in una località diversa da dove l’hai ritirata, molto probabilmente dovrai pagare una tassa per questo. E spesso è anche molto salata. Quindi è sempre bene cercare di costruire itinerari ad anello, ritornando da dove si è partiti. Se non è possibile ti consiglio di fare molte prove e di confrontare le tasse di drop off di diverse compagnie di autonoleggio.

Servizi Extra

Qualsiasi servizio extra si paga: il gps, un guidatore extra registrato o un’assicurazione contro i danni o il furto. Se alcuni sono decisamente utili altri invece, come il gps, sono tranquillamente evitabili, perché il costo giornaliero è di diversi euro e tanto ormai tutti abbiamo google maps nel cellulare.

Noleggiare un’auto in viaggio: sicurezza

Assicurazione

L’assicurazione è indispensabile per evitare qualsiasi problema. Io faccio un’assicurazione completa contro i danni, non voglio sentire discorsi al momento della riconsegna tipo “questo graffio prima non c’era, ti costerà 200 euro per sistemarlo”. Ti consiglio di farla al momento del ritiro, nella sede dell’autonoleggio, perché di solito offrono maggiori coperture e prezzi inferiori.

Patente internazionale

Quando viaggi al di fuori dei confini dell’Unione Europea informati bene sulla validità della patente italiana nel paese dove andrai. Non tutti gli stati la riconoscono come valida e richiedono invece la patente internazionale, che si può ottenere facendo richiesta alla motorizzazione del tuo comune e costa circa 60 euro.

Se è richiesta la patente internazionale ti consiglio vivamente di farla, anche se molti (blogger compresi) dicono che non è realmente necessaria, che tanto non viene realmente richiesta al momento dei controlli, eccetera. C’è confusione soprattutto sugli Stati Uniti, perché alcuni stati la richiedono e altri no, e negli Stati dove è prevista spesso i poliziotti poi non la verificano (ma questo discorso vale per qualsiasi paese del mondo). Io l’ho sempre fatta – come consiglia di fare il ministero degli Esteri italiano – perché non voglio che il mio viaggio dipenda dalla pignoleria di un poliziotto americano: se non hai la patente valida ti ritirano l’auto e il viaggio è rovinato (per non parlare delle conseguenze della guida senza patente). Inoltre, in caso di incidente, l’assicurazione non paga proprio un bel nulla se non hai una patente valida per le leggi locali.

Noleggio auto in viaggio: scegliere la macchina giusta

La scelta del modello è davvero importante e l’ho imparato a mie spese qualche anno fa, quando ho fatto un viaggio on the road nell’Illinois più rurale, iniziato e finito a Chicago. Per risparmiare qualche decina di euro ho preso il modello minimo e mi sono ritrovata con una Fiat 500 grande la metà di una macchina americana (momenti di panico sulle highways a 6 corsie di Chicago, dove tutti erano più grossi e veloci di me), inadeguata a guidare su strade ghiacciate di campagna e piccola abbastanza da finire per intero in un fosso. È stata una scelta decisamente sbagliata ma ho imparato la lezione.

Quando noleggi un’auto devi sceglierne una adatta al tipo di viaggio che vuoi affrontare: in America è meglio avere una macchina grossa, in Namibia l’importante è che sia 4×4 e adatta ad affrontare strade sterrate e piene di sassi. Analizza le tue necessità e non fare il tirchio come ho fatto io, spendi qualcosa di più per la macchina giusta.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: