New York – L’ aria condizionata

Condividi questo articolo su :

Chiunque sia passato d’estate per New York – o per qualsiasi posto negli Stati Uniti – sa che l’aria condizionata funziona a tutto spiano. Sparate d’aria gelida dappertutto: grandi magazzini, taxi, ristoranti, banche, E ancora metropolitana, supermercati, autobus. Ovunque si vada i condizionatori vanno a pieno regime anche quando l’aria all’esterno non è poi così rovente. E’ così che piace ai newyorkesi che appena, appena fa un filo caldo corrono davanti al getto gelido dell’air conditioner.

Chiunque sia passato d’estate per New York – o per qualsiasi posto negli Stati Uniti – sa che l’aria condizionata funziona a tutto spiano. Sparate d’aria gelida dappertutto: grandi magazzini, taxi, ristoranti, banche, E ancora metropolitana, supermercati, autobus. Ovunque si vada i condizionatori vanno a pieno regime anche quando l’aria all’esterno non è poi così rovente. E’ così che piace ai newyorkesi che appena, appena fa un filo caldo corrono davanti al getto gelido dell’air conditioner.

Sorprende dunque  di scoprire che ci sono situazioni in cui perfino a New York l’aria condizionata è troppa. E a dimostrarlo sono multe da 200 dollari che sono state affibbiate a chi dell’aria condizionata se ne stava approfittando.

Ha fatto un caldo tremendo nei giorni scorsi e alcuni negozi hanno deciso di attirare potenziali clienti aprendo le porte e lasciando filtrare all’estero deliziosa aria fredda.

Peccato che questo modo per invogliare il pubblico sia proibito per legge nella città di New York. All’interno si può tenere il condizionatore a temperature bassissime ma non sia mai che il gelo scappi all’estero. Quello è considerato uno “spreco”. A fare i conti con la legge di New York sono stati nove negozi che giovedì 8 luglio, giornata torrida, hanno spalancato le porte facendo l’occhiolino con l’aria condizionata ai passanti grondanti di sudore. Quattro dei negozi in questione sono nel Bronx e cinque a Manhattan e uno di questi è nientemeno che Armani Exchange al 129 di Fifth Avenue.

E’ il primo anno che il Department of Consumer Affairs si prende la briga di multare chi lascia aperte le porte di locali condizionati, in base a una nuova legge che fu approvata nel 2008. Lo scorso anno erano state fatte solamente diffide di multa in caso di violazioni successive, ma quest’anno il dipartimento per le Questioni d’Interesse Pubblico ha deciso di agire. Ha sguinzagliato un numero di ispettori in borghese che hanno emesso 26 diffide e 9 multe. La prima volta che un locale viene multato deve pagare 200 dollari ma se dovesse succedere una seconda volta la multa raddoppia a 400 dollari. Non credo che 200 o anche 400 dollari facciano nè caldo nè freddo ad Armani!

Fonte: http://visconti.blogautore.espresso.repubblica.it

Condividi questo articolo su :

Lascia un commento

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: