New York: Apre il secondo Apple Store

Condividi questo articolo su :

Oggi apre il secondo Apple Store a New York (sulla 5th Avenue) ma gia da oggi si possono trovare in rete alcune immagini e dichiarazioni alla stampa da parte degli uomini di Cupertino.
Barbara di iPodJournal sarà sicuramente una fonte di informazioni più preziosa del sottoscritto al riguardo, ma un po di riflessioni (dal punto di vista strettamente retail) sono subito maturate appena letti i vari blog in rete che rimandavano a Appleinsider (il quale ha una ricca gallery fotografica da cui la foto che vedete è stata tratta).

Oggi apre il secondo Apple Store a New York (sulla 5th Avenue) ma gia da oggi si possono trovare in rete alcune immagini e dichiarazioni alla stampa da parte degli uomini di Cupertino.
Barbara di iPodJournal sarà sicuramente una fonte di informazioni più preziosa del sottoscritto al riguardo, ma un po di riflessioni (dal punto di vista strettamente retail) sono subito maturate appena letti i vari blog in rete che rimandavano a Appleinsider (il quale ha una ricca gallery fotografica da cui la foto che vedete è stata tratta).

Vediamo alcune caratteristiche:

DESIGN. Ovviamente non poteva che essere una delle principali caratteristiche di quello che si candida ad essere il principale flagship store (i negozi rappresentativi dei valori e del mood di un brand) di Apple. Colpisce l’ingresso (discendente sotto il piano stradale): un grosso cubo di vetro con la miic mela luminosa che sembraa essere sospesa a mezz’aria. Ma colpisce ancora di più l’interno: minimale, essenziale, basato sul contrasto fra il grigio e freddo acciaio delle struttur con i colori naturali dei "supporti" (definirli scaffali non mi sembra opportuno) e ancora ampi spazi, divani e niente a che vedere con un pdv tradizionale in termini di layout e strutture.

PERSONALE. Si parla di 300 persone fra Specialisti Mac, Mac Genius e Creativi. E quest’ultima parte è quella più interessante. I Creativi(!). Nel negozio ci sarà un area chiamata "The Studio" dove sperimentare la multimedialità con i prodotti Apple assistiti da esperti non soo in "tecnologie" ma soprattutto in "arte" digitale.

SERVIZIO. Aperto 24/7. Logica try&buy (ti faccio provare tutto e poi se vuoi te lo compri). Un unico desk di oltre 13 metri, in cui si  combinano Genius Bar, iPod Bar e The Studio.

ASSORTIMENTO. Praticamente tutto l’assortimento Apple (per capire di cosa parliamo basta pensare solo alla varietà degli accessori per iPod). E questa è una cosa rara per un qualsiasi negozio (fosse anche un flagship).

Costo di questo ben di Dio? 9 milioni di dollari. Non male, ma il ritorno in termini di immagine (e sicuramente di vendite) è più che assicurato. Ed è questo che ne fa un gran concept store. Solitamente si tratta di negozi altamente sperimentali che si trasformano in veri e propri "esercizi di stile", la cui mission principale (vendere i prodotti) è posta in secondo piano. Qui, invece, ci troviamo di fronte ad una vera è propria macchina da soldi concepita però con una serie di concetti che "evolvono" il classico negozio in un qualcosa di diverso. Il classico prodotto Apple, insomma.

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: