New York – 27 milioni di dollari per cambiare i cartelli

Condividi questo articolo su :

Ecco come buttiamo via i soldi a New York: l’amministrazione Bloomberg spenderà 27 milioni di dollari per cambiare ogni singolo cartello che indica il nome, o più precisamente il numero delle strade (visto che la maggior parte delle street sono numeri progressivi).

27 milioni di dollari per passare da lettere tutte maiuscole a iniziale maiuscola seguita dagli altri caratteri minuscoli. Giuro che ‘ una notizia confermata! Dovranno scomparire quelle lettere bianche in campo verde dove c’è scritto per esempio PARK AVE. perchè i nuovi cartelli dovranno leggere P maiuscola e ark minuscola seguito da A maiuscola seguito da ve minuscola.

Ecco come buttiamo via i soldi a New York: l’amministrazione Bloomberg spenderà 27 milioni di dollari per cambiare ogni singolo cartello che indica il nome, o più precisamente il numero delle strade (visto che la maggior parte delle street sono numeri progressivi).

27 milioni di dollari per passare da lettere tutte maiuscole a iniziale maiuscola seguita dagli altri caratteri minuscoli. Giuro che ‘ una notizia confermata! Dovranno scomparire quelle lettere bianche in campo verde dove c’è scritto per esempio PARK AVE. perchè i nuovi cartelli dovranno leggere P maiuscola e ark minuscola seguito da A maiuscola seguito da ve minuscola.

Una scemenza del sindaco Bloomberg e del suo consiglio comunale? No, un’idiozia del governo federale.

Il dipartimento del governo di Washington dove risiedono gli illustri cervelli che hanno determinato la necessità di imporre cartelli con lettere maiuscole e minuscole si chiama Federal Highway Administration (FHA). E’ un ministero che fu creato nel 1966 e che si occupa della manutenzione e sicurezza della rete autostradale americana. Sotto la direzione di Ray LaHood (foto), che Obama nominò segretario del FHA il 23 gennaio 2009, il dipartimento ha stabilito che gli automobilisti fanno più fatica a leggere cartelli con caratteri tutti maiuscoli che non un misto di maiuscoli e minuscoli. E quella frazione di seecondo in più distrae e può provocare incidenti. Giuro che non me la sto inventando!

Ecco che allora il governo federale impone a New York di cambiare ogni singolo cartello col nome delle vie, cioè 250.900 cartelli. Stampare e installare quelli nuovi e rimuovere quelli vecchi costerà $110 ognuno. Fatte le moltiplicazioni si tratta di un investimento di 27,6 milioni di dollari. Il tutto mentre si stanno tagliando fondi alle scuole pubbliche, chiudendo biblioteche, riducendo i servizi medici essenziali.

Ma sono veramente solo spiccioli 27 milioni di dollari a New York? Sono andato a vedere a che cosa equivale questa cifra in altri settori. 27 milioni è la somma che è costato a New York ripulire i gravissimi danni provocati alla città da due tornado che si erano abbattuti sulla Grande Mela a metà settembre. 27 milioni è anche la cifra equivalente a quanti teppisti newyorkesi in un anno non pagano sui mezzi pubblici quando viaggiano di straforo.

27 milioni di dollari è anche la somma pagata in luglio dal finanziere Charles Schwab (foto) per l’appartamento che ha comprato sulla Fifth Avenue. E 27 milioni sono anche i soldi che l’amministrazione Obama mette a disposizione di un programma speciale di assistenza a ragazze-madri indigenti.

Non so, ditemi voi…sono spiccioli 27 milioni di dollari o sono soldi con cui si potrebbe fare di meglio che non cambiare l’indirizzo di Mr. Schwab da FIFTH AVENUE a Fifth Avenue?

Fonte: http://visconti.blogautore.espresso.repubblica.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: