Milano – Serate in Fonderia

Condividi questo articolo su :

Da fabbrica di campane alle Serefondenti tra jazz, poesia e palcoscenico. Appuntamento alla Fonderia Napoleonica Eugenia, che tra marzo e aprile propone un programma dedicato ai gourmant appassionati di storia.

Da fabbrica di campane a location per concerti jazz e spettacoli teatrali. L’atmosfera che si respira alla Fonderia Napoleonica Eugenia di Milano, nata nel 1806 come laboratorio artigianale per la lavorazione del bronzo, è carica di storia e, dal 3 marzo, anche di magia.

Da fabbrica di campane alle Serefondenti tra jazz, poesia e palcoscenico. Appuntamento alla Fonderia Napoleonica Eugenia, che tra marzo e aprile propone un programma dedicato ai gourmant appassionati di storia.

Da fabbrica di campane a location per concerti jazz e spettacoli teatrali. L’atmosfera che si respira alla Fonderia Napoleonica Eugenia di Milano, nata nel 1806 come laboratorio artigianale per la lavorazione del bronzo, è carica di storia e, dal 3 marzo, anche di magia.

Ogni primo giovedì del mese, infatti, alcuni tra i migliori prestigiatori italiani sbalordiranno il pubblico con le loro illusioni, girando tra i tavoli imbanditi per una cena dall’atmosfera surreale.

Si chiamano Serefondenti gli appuntamenti che si susseguiranno in Fonderia per tutto il 2011. Un mix tra cucina, teatro e musica jazz, da iniziare a gustare a partire da giovedì 24 febbraio con lo spettacolo del mimo napoletano Valentino Infuso: una curiosa rivisitazione del Piccolo Principe sottoforma di monologo teatrale. Gli stereotipi e i vizi degli adulti sono ridicolizzati dall’eroe di Saint-Exupèry, che osserva e dissacra ridendo la realtà. Un coinvolgente gioco teatrale che si ripete con il poema eroico-comico Micco Passaro ‘nnammurato di Giulio Cesare Cortese, il 17 marzo. Qui la narrazione segue il ritmo delle danze popolari, accompagnate dalle atmosfere etniche dei suoni del cajon, del bouzouki e del cumbus, sapientemente suonati da Roberto Zanisi. Spazio agli ottoni invece nei giovedì jazz, quando si esibiranno gruppi come i MAX 4tet (24 marzo) e i Frida (28 aprile) con brani originali e musiche scritte da grandi compositori del genere, del calibro di Monk, Mingus, Ellington, Porter e Davis.

Menù poetico è quello proposto il 31 marzo e il 14 aprile dal cantastorie Andrea Carabelli, nei panni di uno chef caduto in disgrazia che rischia di morir di fame. Per nutrirsi ricorre all’immaginazione, regalando al pubblico immagini tratte dal Pentolino Magico dei Fratelli Grimm, così come dal girone dei golosi di Dante, dalla "lode delle verdure" di Carlo Emilio Gadda e dalla Dispensa del Diavolo di Jim Crace. Venticinque autori in nove diverse lingue (dal greco al cileno, passando per latino, tedesco e francese) per un minestrone letterario imperdibile.

Infine per inguaribili gourmet c’è la serata del 10 marzo, durante la quale si potrà gustare la qualità dei prodotti dell’associazione FIORDISALE. Un menù a base di ravioli artigianali, formaggio Montebore (presidio Slow Food) e amaretti piemontesi di Gavi, accompagnato dai migliori vini dell’alessandrino, come il Minaia.

INFORMAZIONI
Fonderia Napoleonica Eugenia, via Thaon di Revel 21, Milano. L’appuntamento con le Serefondenti è tutti i giovedì dalle 19.30 alle 23.30, il programma completo è disponibile sul sito della Fonderia. Il costo di ogni serata con cena e spettacolo è di 30 euro. È possibile effettuare visite guidate della parte museale della Fonderia su prenotazione. Per informazioni e prenotazioni: tel. 393 0552272, [email protected] .

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: