Matisse a Stoccarda

Condividi questo articolo su :

Nelle sale della Staatsgalerie di Stoccarda sarà possibile ammirare fino all’11 gennaio 2009, 80 opere fra oli, disegni e sculture con protagonista assoluta, l’arte ritrattistica di Matisse. L’occasione vale una passeggiata nel centro storico della cittadina tedesca, che equivale a percorrere la storia dell’architettura.

Nelle sale della Staatsgalerie di Stoccarda sarà possibile ammirare fino all’11 gennaio 2009, 80 opere fra oli, disegni e sculture con protagonista assoluta, l’arte ritrattistica di Matisse. L’occasione vale una passeggiata nel centro storico della cittadina tedesca, che equivale a percorrere la storia dell’architettura.

"Cogliere il carattere di un certo viso e dare vita a quello che si può essere chiamato un vero ritratto", è – come sosteneva Matisse – una grande e stimolante sfida. Una sfida che l’artista francese decise di raccogliere, e i risultati possono essere ammirati a Stoccarda nell’ambito della mostra "Matisse, persone, maschere, modelli". Fino al prossimo 11 gennaio, nelle sale della Staatsgalerie sarà possibile ammirare infatti, circa 40 tele ad olio, ma anche numerosi disegni e sculture provenienti da tutto il mondo.

Attraverso una selezione concisa e mirata di opere dei vari periodi, la mostra si propone di illustrare l’originale percorso attraverso il quale l’autore giunge al prodotto finale del "ritratto reale". Un’analisi che Matisse svolgeva meticolosamente, ripetendola ad ogni posa, sondando e studiando gli impulsi trasmessi dal modello fino alla produzione di un’immagine che lo soddisfacesse. Questo tipo di approccio analitico non é affatto raro nell’autore, soprattutto negli ultimi anni della sua produzione e lo si ritrova anche in una serie di schizzi che Matisse considerava vere e proprie "illustrazioni rivelatrici" paragonabili ai ritratti e alle sculture.

La mostra si sofferma sui primi ritratti degli amici dell’artista appartenenti al movimento dei Fauves. Molti anche i quadri di donne e bambini ed i ritratti di soggetti e d’interni, quasi tutti del periodo trascorso a Nizza. In tutto la mostra comprende un’ottantina di opere. Quelle messe a disposizione da privati, sono di livello straordinario e provengono da collezionisti di tutto il mondo, ma soprattutto Russia, Francia, e Stati Uniti. Gli appassionati d’arte, rimarranno quindi sicuramente soddisfatti da questa esposizione.

Per conoscere la città
Ma una volta giunti a Stoccarda, in una visita alla città non può mancare. Sede di due università, centro dell’industria automobilistica tedesca (Mercedes-Benz e Porsche), vanta anche un balletto e un’orchestra da camera famosi in tutto il mondo. E non è tutto: vigneti che giungono fino al centro città, parchi, foreste e frutteti ricoprono più della metà degli 11.000 ettari di territorio comunale, e hanno fatto guadagnare a Stoccarda la fama di una delle città europee dalla posizione migliore. Fare una passeggiata attraverso il centro di Stoccarda equivale a percorrere la storia dell’architettura.

Da non perdere, la piazza del castello di Stoccarda con il "Castello nuovo", ma anche il castello vecchio. Un terzo castello ("Solitude") si trova invece sulle colline a ovest del centro. Il Museo statale del Württemberg nel Castello Vecchio illustra ampiamente arte e storia del Württemberg. Nel museo di storia "Haus der Geschichte" ci si immerge nella storia politica della Germania sud-occidentale, mentre il museo etnologico Linden Museum è uno delle istituzioni più importanti del suo genere. Da un punto di vista strettamente folcloristico, a settembre si tiene a Stoccarda una festa della birra (la "Cannstatter Wasen") che, come importanza e notorietà, fa concorrenza a quella di Monaco e in dicembre si può visitare il più grande mercato natalizio della Germania!

"Matisse – Persone, maschere e modelli"
Staatsgalerie, Konrad-Adenauer-Str. 30-32
Tel: 0049/ 711 470400
[email protected]  

Fonte: www.ilsole24ore.com

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: