Mancano 48 ore all’ introduzione dell’ Ecopass a Milano

Condividi questo articolo su :

Mancano 48 ore all’introduzione di Ecopass, il ticket antismog per chi entra nel centro di Milano con una vettura inquinante. Se i residenti sono stati informati da 765 mila lettere scritte e firmate da Letizia Moratti, chi arriva da fuori rischia di saperne poco o niente. Ecco le istruzioni per l’uso. Intanto il sindaco rivendica con orgoglio la nascita di Ecopass: «È mio dovere sperimentare strade nuove se le altre non hanno funzionato.

Mancano 48 ore all’introduzione di Ecopass, il ticket antismog per chi entra nel centro di Milano con una vettura inquinante. Se i residenti sono stati informati da 765 mila lettere scritte e firmate da Letizia Moratti, chi arriva da fuori rischia di saperne poco o niente. Ecco le istruzioni per l’uso. Intanto il sindaco rivendica con orgoglio la nascita di Ecopass: «È mio dovere sperimentare strade nuove se le altre non hanno funzionato.

Siamo all’avanguardia nella lotta all’inquinamento non solo in Italia, ma nel mondo. Stiamo investendo oltre 2 miliardi di euro. Londra sta passando dalla congestion charge alla pollution charge, New York ci sta provando. Noi partiamo». E aggiunge: «Sono orgogliosa che l’assemblea dell’Onu mi abbia invitato a febbraio per raccontare l’esperienza di Milano nella sua lotta contro l’inquinamento».

In autostrada
I primi dubbi che qualcosa sta per cambiare arrivano in prossimità dei caselli autostradali di ingresso a Milano. Prima della barriera compare un pannello a messaggio variabile con una scritta abbastanza laconica: dal 2 gennaio Ecopass in centro a Milano, infoline 020202. Traduzione: chi dal 2 gennaio vuole entrare in auto nella Cerchia dei Bastioni, il centro allargato di Milano, se ha un mezzo inquinante dovrà pagare 2, 5 o 10 euro in base alla classe di inquinamento della vettura. Si paga dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30. Esclusi sabato e domenica. Come fare a conoscere la classe di inquinamento? La cosa più semplice è chiamare il call center del Comune 020202, fornire il numero di targa e chiedere tutte le informazioni necessarie. Meglio telefonare prima dell’uscita dell’autostrada.
La scelta tra auto e metrò
Una volta capito se la propria vettura paga o meno, si può decidere. O attivare e pagare il ticket o lasciare l’auto in uno dei parcheggi di interscambio ai confini della città e prendere il metrò: Cascina Gobba e Cologno Nord per chi viene dall’A4 VeneziaMilano; Famagosta per chi arriva dall’A7 GenovaMilano; Molino Dorino per chi arriva dall’Autolaghi e dall’A4 Torino-Milano; San Donato 1 e 2 per chi arriva dall’A1 BolognaMilano.

L’acquisto del ticket
Se non si rientra nelle classi che inquinano, nessun problema. Se invece si ha un’auto inquinante e si deve raggiungere per forza il centro bisogna fornirsi del ticket giornaliero — gratta e passa — da 2, 5 o 10 euro. C’è anche la possibilità per chi deve entrare più volte in un anno di acquistare un primo carnet di 50 ingressi scontati al 50 per cento e uno successivo scontato al 40 per cento. Ma — attenzione — non è necessario farlo subito. Si può rimandare acquisto, pagamento e attivazione entro le 24 del giorno dopo. Più ci si avvicina alla Cerchia e ai 43 varchi controllati dalle telecamere e più pressante è l’informazione. Cartelloni fissi e a messaggio variabile. Ogni varco ha una via di fuga per permettere di tornare indietro ed evitare l’entrata nella zona rossa.

La conoscenza della classe
Pagano auto e veicoli merci a benzina Euro 0, 1 e 2; auto diesel Euro 1, 2, e 3; merci diesel Euro 3 e 4; autobus diesel Euro 4 e 5; auto diesel Euro 0; merci diesel Euro 0, 1 e 2; autobus diesel Euro 0, 1, 2 e 3. Non pagano veicoli Gpl, a metano, elettrici, ibridi; auto e veicoli merci a benzina Euro 3 e Euro 4, o più recenti; auto e veicoli merci diesel Euro 4 o più recenti con filtro antiparticolato omologato; auto e merci diesel Euro 4 senza filtro antiparticolato (esentati per 3 mesi a partire dal 2 gennaio 2008). Esentate anche le moto e i ciclomotori.

L’attivazione
Esistono diverse forme di pagamento: i «gratta e passa» per un solo giorno; i «gratta e passa» da 20, 50 o 100 euro per più ingressi (senza sconto); pacchetti scontati per i primi cento ingressi; abbonamenti per i residenti all’interno della Cerchia. I «gratta e passa» giornalieri e i pacchetti di ingressi multipli si acquistano nelle tabaccherie, edicole, Atm point; sul sito Internet del Comune alla sezione Ecopass, con carta di credito; al numero verde 800.437.437, attivo dalle 7 alle 20, dal lunedì al sabato (per tutto gennaio anche di domenica, con carta di credito); agli sportelli bancomat di Intesa-San Paolo, da gennaio. Il «gratta e passa» singolo va attivato il giorno dell’ingresso o entro le 24 del giorno successivo. Si gratta il rettangolo argentato e si scopre il pin, che va comunicato con la targa al numero verde 800.437.437, o al sito del Comune, o con un sms al 339.9940437. Se non si paga entro le 24 del giorno dopo la multa è di 70 euro, più 11 di spese di notifica. Buona fortuna.

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: