Londra : a Gatwick apre il primo Yotel

Condividi questo articolo su :

Sbarca questa settimana all’aeroporto di Gatwick, terminal sud, il primo Yotel. Cioè la versione minimal-chic in taglia extra small degli alberghi a ore di una volta, destinati ai viaggiatori in transito, a chi ha voli all’alba o a quanti vogliono prendersi una breve pausa di relax senza spendere una fortuna.

Sbarca questa settimana all’aeroporto di Gatwick, terminal sud, il primo Yotel. Cioè la versione minimal-chic in taglia extra small degli alberghi a ore di una volta, destinati ai viaggiatori in transito, a chi ha voli all’alba o a quanti vogliono prendersi una breve pausa di relax senza spendere una fortuna.

Per la verità, in Giappone questi futuristici cubicoli spopolano come “love hotel” sul vecchio modello occidentale e non è escluso che anche questo nuovo Yotel possa servire allo scopo originario, soprattutto visto che la privacy è garantita dal check-in automatico e anonimo e che le prenotazioni avvengono esclusivamente online .
 
SPAZI MINIMI – Seppur in spazi miniaturizzati le 46 «cellette» di questo «capsule hotel» non hanno finestre (anche se un sofisticato sistema di specchi riflette la luce naturale) e si ispirano alle cabine di prima classe degli aerei della British Airways o a quelle dei mega-yacht. E sono dotate di confort paragonabili a quelli di un 4 o 5 stelle, come aria condizionata, collegamento wi-fi, televisore al plasma con più di 100 film a disposizione, impianto radio da 80 canali personalizzabili e bagno super accessoriato con doccia a pioggia. 

LUSSO E SUSHI – Questi gioielli di lusso e design in formato mignon sono nati da un’idea di Simon Woodroffe, l’uomo d’affari inglese che ha fatto i soldi con gli Yo! Sushi, risto-suhi bar dai prezzi abbordabili, dove il cibo viaggia ininterrottamente su nastri trasportatori e la gente fa la fila per trovare un tavolo libero, magari uno di quelli con il dock per l’iPod, così si mangia ascoltando la propria compilation preferita. «Nel XXI secolo il lusso sarà a disposizione di tutti al giusto prezzo – ha spiegato Woodroffe – e i nostri Yotel sono un assaggio di quel futuro. Talvolta, viaggiare può essere un’esperienza irritante, ma noi cerchiamo di renderla il più piacevole possibile per i nostri clienti».

STANZE – Due, per ora, le «taglie» disponibili per le microstanze, tutte però con bagno personale: standard, 7 metri quadri, con prezzi che variano dalle 25 alle 55 sterline (ovvero dai 32 agli 81 euro) a seconda che il soggiorno sia di 4 ore o di un’intera notte; e premium, 10 metri quadri raggiunti anche grazie al letto «rotante» che permette di guadagnare centimetri vitali e prezzi che oscillano dalla 40 alle 80 sterline (59-118 euro), in base al tempo di permanenza. Dopo l’apertura di Gatwick, entro l’anno toccherà all’aeroporto di Heatrow, mentre Stansted seguirà subito dopo, insieme ad altri importanti scali nelle maggiori città del mondo.

 

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: