Le migliori trappole per turisti in giro per l’Europa

Condividi questo articolo su :

A volte geniali, a volte semplicissime nella loro banalità, e per questo ancora più insidiose. Parliamo di trappole per turisti, spesso l’unico aspetto sgradevole di un viaggio meraviglioso.

Tallinn, quel taxi così invitante…

Di per sé viaggiare in taxi a Tallinn è conveniente. Tuttavia, soprattutto tra l’aeroporto e la città, può capitare che alcuni tassisti cerchino di intascare qualcosa in più. La corsa non dovrebbe costare più di €10. Meglio discutere il prezzo prima di partire.

 

Corfù, pesce a peso d’oro?

Corfù, invito a cena?

Vi capiamo perfettamente: siete nella splendida Corfù e volete finire la serata con una sontuosa cena di pesce. Nessuno ve lo vieta, ma attenzione: il pesce fresco nei ristoranti dell’isola è sempre stato caro, ma di recente è diventato carissimo. Viene venduto a peso, quindi prima di comprarlo è consigliabile farsi dire il prezzo al chilo ed essere presenti al momento della pesatura per evitare spiacevoli sorprese.

 

Atene, certe notti… evitabili

Atene, certe notti meravigliose

Nel quartiere della Pláka, alberghi e agenzie viaggi propongono serate all’insegna del folclore greco, spesso però non autentico. Per ammirare le vere danze popolari greche, vi consigliamo di recarvi al teatro Dóra Strátou.

 

Lisbona, allori e dolori

Nel tollerante Portogallo è legale il possesso di quantità minime di cannabis per uso personale. Ma attenzione: a Lisbona, soprattutto nella Baixa, è facile incontrare persone che tentano di sfruttare l’ingenuità dei turisti rifilando loro dell’alloro triturato.

 

Santorini: denaro da buttare?

Santorini, uno scorcio che vale il viaggio

Arrivati nella splendida Santorini, può capitare di sentirsi i re del mondo e di sopravvalutare il proprio budget. Non disperdetelo inutilmente! Evitate di prenotare una gita organizzata in pullman nel primo quarto d’ora di permanenza. Vi accorgerete presto che anche con gli autobus di linea è possibile raggiungere tutte le località e che se si è in 4 conviene prendere un taxi. Anche per le auto a noleggio è meglio confrontare le varie offerte.

 

Barcellona, gli imbroglioni della Rambla

Barcellona, a spasso sulla Rambla

La Rambla è uno dei posti più vivi di Barcellona. Il suo unico aspetto negativo è che qui non sempre tutte le forme di vita sono gradevoli. Se degli improvvisati amici del cuore vi invitano a partecipare a un gioco di fortuna, per esempio, lasciate stare. Non fatevi attirare neppure dai negozi economici, pronti a promettervi il migliore souvenir catalano: la qualità ha il suo prezzo, ovunque.

 

Berlino, non cascateci proprio qui!

Berlino, verso l’Oberbaumbrücke

Le strade intorno alle stazioni delle nostre città abbondano di questo tipo di trappola, quindi non salite a Berlino per cascarci! Di cosa parliamo? Semplice, del gioco delle tre scatolette. Davanti a un pubblico di ignari spettatori, un gruppo di uomini finge di vincere con grande facilità al gioco. Non lasciatevi ingannare dalla presenza di altri giocatori e curiosi perché ovviamente fanno parte della banda.

 

Londra, attenti al cab

Siete a Londra, senza dubbio

Se la sera non ci sono taxi in vista e magari piove, la tentazione è quella di prendere al volo il primo minicab che offre i suoi servizi: “Need a cab?” Farlo comporta però qualche rischio: a differenza dei black cabs, i cui proprie- tari devono sostenere un impegnativo knowledge test, immatricolare un mini-cab è cosa che può fare quasi chiunque. Rischiate di imbattervi in autisti che non conoscono né l’inglese né le strade di Londra.

 

Praga, prudenza sulla metro

Praga, stazione Malostranská

Nell’elegante Praga, le trappole per turisti non mancano di ingegnosità. Sulla metropolitana alcuni borseggiatori si fingono normali viaggiatori ‘agendo’ nascosti dietro una cartina della città dispiegata di fronte a loro; altri si appostano nelle vie laterali e, dichiarandosi poliziotti in borghese, cercano di confiscare il “denaro falso” che portate con voi…

Napoli, falso in agguato

A costo di sfiorare un vecchio luogo comune, lo ricordiamo: Napoli è una delle capitali mondiali del falso. Ovunque vedrete in offerta borse di Gucci e Prada, occhiali Ray-Ban o polo Lacoste, ma non bisogna lasciarsi tentare dai prezzi stracciati. Dal 2005 una legge consente di multare non solo i venditori, ma anche gli acquirenti di articoli contraffatti.

Fonte articolo originale

Hits: 8

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: