Le fontane più belle del mondo: 10 progetti spettacolari

Condividi questo articolo su :

Dagli Stati Uniti all’Europa, le fontane contemporanee che uniscono arte e design danno spettacolo. E diventano nuovi landmark urbani, pensati per dare nuove energie alle nostre città celebrandone i luoghi simbolo.

Da strutture funzionali e artistiche a grandiosi progetti che uniscono public art e landscape design. Quella delle fontane artistiche è una storia antica di secoli, eppure sempre nuova. Perché anno dopo anno si arricchisce di progetti innovativi, all’avanguardia per estetica e tecnologia. Monumentali, barocche o minimaliste: ogni epoca ha visto cimentarsi con questi arredi urbani grandi artisti, architetti, designer. Negli ultimi anni, poi, si è assistito al progressivo avvicinamento di queste strutture a settori creativi trasversali come il performative design, la land art e l’arte relazionale. Sempre più spettacolari per estetica e dimensioni, le fontane contemporanee identificano spesso nuovi landmark urbani; oppure diventano attrazioni pensate per celebrare la memoria storica delle città che le ospita. Ne abbiamo selezionate 10 tra le più spettacolari disseminate a ogni latitudine del pianeta, dall’Europa agli Stati Uniti. Ecco il nostro grand tour online. 

1) Crown Fountain (Chicago, Illinois)

Progettata dall’artista catalano Jaume Plensa, questa fontana architettonica nel Millennium Park di Chicago è una dichiarazione d’amore alla città. Si compone infatti di due svettanti strutture dotate di schermi a LED che mostrano fotografie dei volti degli abitanti di Chicago. Ogni torre getta acqua in un’imponente piscina comune per un intervallo di 13 minuti.

Crown Fountain, un progetto di Public Art firmato dall’artista catalano Jaume Plensa. È il landmark più significativo di Chicago. © Getty Images.

2) The Dubai Fountain (Dubai, Emirati Arabi Uniti)

Situata ai piedi del Burj Khalifa a Downtown Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, questa fontana danzante consiste in un sistema di fontana coreografate. Progettata da WET Design, nota azienda californiana che ha messo a punto anche le fontane del Bellagio Hotel Lake di Las Vegas, vanta un design unico: illuminata da ben 6.600 luci e 50 proiettori colorati, è lunga 275 metri e spruzza acqua fino 150 metri d’altezza. I suoi spettacoli son-et-lumiére oscillano a ritmo di musica, con giochi d’acqua che danzano a ritmo di classici arabi e musica contemporanea.

Le spettacolari fontane danzanti ai piedi del Burj Khalifa a Dubai. © Getty Images.

3) Alfa (National Museum of Qatar, Quatar)

In dialogo con l’architettura del Museo Nazionale del Qatar progettato dall’architetto Jean Nouvel, l’artista francese Jean-Michel Othoniel ha creato un’installazione monumentale. Realizzate con perle di metallo dipinto di nero, 114 sculture suddivise in 9 gruppi di fontane disegnano suggestivi arabeschi nel paesaggio, a evocare la bellezza rarefatta della calligrafia araba. La pratica artistica di Othoniel, che comprende commissioni sia pubbliche che private, assume una dimensione architettonica, con grandi installazioni in giardini e siti storici di tutto il mondo.

Alfa, il progetto dell’artista Jean-Michel Othoniel per il National Museum of Quatar di Doha disegnato dall’architetto Jean Nouvel. © The Artist.

4) Fontaine des automates (Parigi, Francia)

Situata in piazza Igor Stravinsky, a pochi passi dal Centre Pompidou, questa fontana, nota anche come “Fontaine des automates”, è stata realizzata nel 1983 da Jean Tinguely e Niki de Saint Phalle. Il progetto è un omaggio al compositore russo Stravinsky, il cui celebre balletto intitolato La sagra della primavera andò in scena per la prima volta a Parigi, nel 1913. Oggi, tra suoni e colori, ingegno e ironia, 16 coloratissime sculture in alluminio danzano animate da suggestivi giochi d’acqua.

Questa fontana è ornata da sedici opere di scultura, che muovono e spruzzano acqua, rappresentando le opere del compositore Igor Stravinsky. Si trova vicino al Centre Georges Pompidou. © Getty Images.

5) Charybdis (Sunderland, Inghilterra; Ruwi, Sultanato dell’Oman)

Firmata dallo scultore britannico William Pye nel 2000, questa fontana si trova nella cittadina inglese di Sunderland, e dà il benvenuto ai visitatori all’ingresso di un Hotel con Spa. L’opera accoglie gli ospiti con un sorprendente effetto ottico, caratterizzato dal movimento repentino dell’acqua che dà vita a un vortice cangiante. Nel 2012, una fontana con il medesimo concept – Charybdis II -, è stata installata a Ruwi, il più importante quartiere degli affari di Mascate, Sultanato dell’Oman.

Charybdis, la fontana più iconica creata dall’artista britannico William Pye. © The Artist.

6) El Alamein Memorial Fountain (Sidney, Australia)

Design minimalista per la fontana più iconica realizzata dell’architetto australiano Bob Woodward. Ispirata alle forme di un dente di leone, quest’opera fu costruita nel 1961 a Sidney per commemorare i soldati che avevano combattuto nelle battaglie della Seconda Guerra Mondiale a El Alamein, in Egitto. Sue fontane caratterizzano numerosi landmark australiani, dalla Morshead Fountain al Royal Botanic Garden di Sidney alle Forecourt Cascades, High Court of Australia, Canberra.

El Alamein Memorial Fountain, Sidney, Australia. È considerata l’opera più iconica dell’architetto australiano Bob Woodward.

7) Pineapple Fountain (Charleston, USA)

Situata nel cuore del Charleston Waterfront Park, South Carolina, questa fontana affacciata sul lungomare è diventata un monumento imperdibile fin dalla sua inaugurazione nel 1990, dopo l’uragano Hugo. Il progetto di riqualificazione del waterfront porta la firma del team Sasaki, che si è aggiudicato, tra gli altri, l’ambito premio Award dell’American Society of Landscape Architecture. L’iconico Ananas è simbolo tradizionale di ospitalità nella Carolina del Sud.

Pineapple Fountain, Charleston Waterfront Park, South Carolina, USA. Il design porta la firma di Sasaki.

8) Unisphere (New York, USA)

Tra i simboli più iconici (e longevi) del quartiere di Queens, New York, l’Unisphere è una fontana scultorea in acciaio inossidabile che rappresenta la Terra. La sfera, che misura 43 metri di altezza e 37 di diametro, è stata installata nel 1964 per l’Esposizione Universale di New York. È il più grande globo scolpito del mondo. Il soggetto dell’opera, concepita nel pieno della Space Age, prende spunto dal tema della fiera: «pace attraverso la comprensione». Gli anelli in acciaio rendono omaggio, rispettivamente, a Yuri Gagarin, il primo uomo nello spazio, John Glenn, il primo americano a orbitare attorno alla Terra, e Telstar, il primo satellite per le comunicazioni.

Unisphere, la fontana scultorea installata a New York. Simbolo di Expo di New York 1964.

9) God, our Father, on the Rainbow (Stoccolma, Svezia)

Progettata dallo scultore svedese Carl Milles (allievo di Rodin a Parigi), questa fontana, installata a Nacka Stand, un sobborgo sulla via principale che si avvicina al centro di Stoccolma, in Svezia, è stata concepita come monumento di pace per celebrare la fondazione delle Nazioni Unite. Affacciata sul mare e alta ben 24 metri, fu inaugurata nel 1995 e realizzata da Marshall M. Fredericks, scultore americano per molti anni assistente di Milles, cui si deve il design originale della fontana.

God, our Father, on the Rainbow, la fontana disegnata da Carl Milles.

10) Ira Keller Fountain Park (Portland, USA)

Originariamente noto come Auditorium Forecourt o Forecourt Fountain, questo parco è stato aperto negli anni ’70. Inizialmente faceva parte dell’Auditorium municipale. Nel 1978 fu ribattezzato Ira Keller Park. Il progetto del parco e della fontana è stato realizzato dallo studio di Landscape Design Lawrence Halprin & Associates. La principale fonte d’ispirazione furono le Cascades of the Columbia River Gorge, situate sul lato orientale di Portland. Obiettivo: portare il mito dei grandi spazi liberi nel cuore delle metropoli americane. Il design collega diversi spazi pubblici: la Source Fountain progettata da Angela Danadjieva, la Lovejoy Plaza, Pettygrove Park, e, infine, la Ira Keller Forecourt Fountain. Ada Louise Huxtable, critico di architettura del New York Times ha definito il progetto «uno degli spazi urbani più importanti dal Rinascimento».

Keller Fountain Park è un parco cittadino nel centro di Portland, in Oregon (USA). Progetto di Lawrence Halprin & Associates, © photo: Lawrence Halprin & Associates.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: