Le città low cost per chi viaggia zaino in spalla

Vuoi risparmiare anche in vacanza? Ci sono delle città che offrono moltissimo a prezzi piccolissimi.

Zaino in spalla, calcolatrice interiore attivata e tanta voglia di viaggiare. Perché ok avere pochi soldi e farsi i conti in tasca da soli, ma da quando esistono i voli low cost sempre più appassionati scelgono di partire portandosi il minimo indispensabile e visitare quante più destinazioni convenienti possibili. Con tante, troppe dolenti note per il portafoglio: molte delle città più famose hanno prezzi proibitivi per dormire, per mangiare, anche solo per gironzolare tra trasporti pubblici (quando funzionano, ehm) e posti imperdibili. Ma le mete low cost di ripiego non sono mai deludenti, anzi, possono essere delle vere e proprie miniere di divertimento per chi parte con pochi spiccioli ma non vuole rinunciare al bello del viaggio: è dal presupposto del risparmio senza perdere in bellezza per appassionati backpackers che Alpha Travel Insurance ha calcolato quali sono le 5 città più economiche d’Europa da visitare assolutamente con lo zaino in spalla (e pochi soldi a disposizione).

Il Backpacker Index, così lo hanno chiamato, è fatto di parametri ben precisi: 1 notte in ostello, 2 viaggi coi mezzi pubblici, 1 visita ad un posto di interesse a pagamento, 3 pasti e 2 birre (mmm, misera come quantità ma ok, si può comprendere la rigidità statistica). I dati delle 56 città analizzate sono stati raccolti in un pratico Excel che si può liberamente consultare per scoprire le differenze, da città a città e da paese a paese. La palma del posto vietato agli spiantati di ogni età va a Zurigo. La Svizzera sarà anche un paese sicurissimo ma le sue sono tra le città più costose d’Europa, e la spesa a Zurigo supera i 90 euro al giorno. La più economica è una città che in realtà in Europa non c’è politicamente, e che tradizionalmente è una meta turistica molto ambita. E l’Italia? La città più economica dello Stivale è Napoli, che si piazza al 25esimo posto in classifica generale: nella meraviglia dei suoi vicoli e della sua storia strepitosa si spendono mediamente 54 euro al giorno. Più in basso (e quindi più care) Roma, Firenze e Milano, che pagano lo scotto di essere mete turistiche più che conosciute. Le 5 città più economiche da visitare, comunque, vanno davvero tenute d’occhio.

Bucarest, Romania – 23,83 euro/giorno

Poco considerata da molti europei snob, Bucarest può essere una vera e propria sorpresa e un discreto punto di partenza per un viaggio anche più lungo (è il naturale hub per la Transilvania). È anche la 6° città per popolazione dell’Unione Europea. con Specialmente se si amano i musei molto ben tenuti (come il Museo nazionale di arte rumena, che ha sede nell’antico Palazzo Reale) e si ha una passione per i mezzi pubblici, che nella capitale della Romania funzionano egregiamente. Vale la pena visitare la vecchia Casa del Popolo, vale a dire il secondo edificio più esteso del mondo dopo il Pentagono.

Belgrado, Serbia – 23,28 euro/giorno

La capitale della Serbia non sarà forse la città più bella d’Europa, ma sfodera un calore umano e un’accoglienza che non ha davvero eguali. I segni della recente guerra dell’ex Yugoslavia si vedono ancora, in alcuni punti anche molto da vicino, ma Belgrado è una città vivissima, piena di festival di ogni tipo e con musica ad ogni angolo. L’extra è la varietà di stili architettonici mescolati in allegria, tra antiche costruzioni ottomane, realismo socialista di palazzoni mastodontici e, qua e là, nascosti gioiellini di ispirazione art nouveau.

Cracovia, Polonia – 22,69 euro/giorno

Probabilmente amici viaggiatori l’avranno magnificata centinaia e centinaia di volte: Cracovia è spesso saldamente nelle classifiche delle città meno care ma con la maggiore offerta di tutta Europa. Oltre ai prezzi accessibili pressoché per tutti, Cracovia è una città deliziosa: la città vecchia merita più di un passaggio tra chiese, musei e la spettacolare piazza Rynek Główny, la piazza da mercato più grande di tutto il continente con lati di circa 200 metri di lunghezza. È anche un viaggio gastronomico: l’offerta di bar, ristoranti, locali e pub farebbe girare la testa a chiunque.

Kiev, Ucraina – 21,96 dollari/giorno

Dimenticate tutti gli stereotipi e i pregiudizi che avete imparato sulla capitale dell’Ucraina: Kiev sta coltivando la sua storia e la sua cultura in modo incredibile e per i viaggiatori low cost è una meta molto piacevole, oltre che favolosamente economica. Vale la pena fare il raffronto partendo da bar, localini e caffè nei quali ci si gode pranzo e bevuta a prezzi super contenuti. Da non perdere i nuovi quartierini di artisti, la città fantasma e le stranissime statue che punteggiano i viali della città.

Istanbul, Turchia – 17,98 dollari/giorno

Nonostante sia una di quelle città imperdibili per molti, Istanbul continua ad essere una meta low cost non da poco, specialmente per i backpackers. Ci sono molti sconti e parecchie offerte, sopratutto se si sa trattare un po’, sulle visite a siti storici come Aya Sofia o se si gironzola pigramente in posti cool come Kadikoy. La situazione politica non è delle più rosee, eppure ad Istanbul sta aprendo il nuovo aeroporto con la missione di diventare uno dei principali hub tra Asia ed Europa.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: