La nuova Queen Elizabeth è quasi pronta a salpare

Condividi questo articolo su :

Varo tecnico nei cantieri italiani per la nave-simbolo della marineria britannica. Oltre 90mila tonnellate, 294 metri, degna erede delle gloriose "queen" targate Cunard, la compagnia inglese che compie 170 anni. Sarà in servizio a ottobre.

Una nuova nave da crociera… nobile come si conviene a una vera regina, ma allo stesso tempo made in Italy. Oggi nello stabilimento Fincantieri di Monfalcone si è infatti tenuto il varo tecnico di "Queen Elizabeth", la nave da crociera che sarà consegnata il prossimo autunno alla società armatrice Cunard Line, brand del Gruppo Carnival.

Varo tecnico nei cantieri italiani per la nave-simbolo della marineria britannica. Oltre 90mila tonnellate, 294 metri, degna erede delle gloriose "queen" targate Cunard, la compagnia inglese che compie 170 anni. Sarà in servizio a ottobre.

Una nuova nave da crociera… nobile come si conviene a una vera regina, ma allo stesso tempo made in Italy. Oggi nello stabilimento Fincantieri di Monfalcone si è infatti tenuto il varo tecnico di "Queen Elizabeth", la nave da crociera che sarà consegnata il prossimo autunno alla società armatrice Cunard Line, brand del Gruppo Carnival.

Dopo "Queen Victoria", costruita a Marghera nel 2007, "Queen Elizabeth", definita come la "nave dell’anno", è la prima unità che lo stabilimento di Monfalcone realizza per Cunard, nonché la seconda "Regina" che Fincantieri consegnerà al celebre brand inglese. Cunard Line è la compagnia-simbolo della tradizione e dello stile classico britannico, con una lunga storia che risale al 1840. Proprio quest’anno celebra i suoi 170 anni e vanta una gloriosa tradizione di servizio transatlantico con liner che hanno scritto le pagine importanti della storia della marineria.

Madrina del varo è stata Florence Dennie Farmer, moglie di Willie Farmer dipendente di Cunard dal lontano 1963, l’unico nella compagnia ad aver prestato servizio su tutte le "regine" della flotta. Secondo un’antica consuetudine marinara, il momento del varo è stato preceduto dalla tradizionale e beneaugurante "coin ceremony", che proprio per celebrare l’importanza di "Queen Elizabeth" ha visto la posa di ben tre monete. Una del 1938, per ricordare l’anno del varo della prima "Queen Elizabeth". Una seconda del 1967, anno in cui è stata varata "Queen Elizabeth 2". E la terza del 2010, che sarà l’anno della nuova "Queen Elizabeth".

La nave ha una lunghezza di circa 294 metri e una stazza di circa 90.400 tonnellate di stazza lorda. E’ la seconda nave più grande finora commissionata dalla società armatrice dopo "Queen Mary 2", ed è una delle più grandi navi panamax, cioè in grado di transitare attraverso il canale di Panama. La nuova unità, come la nave che l’ha preceduta, "Queen Victoria", è la naturale evoluzione degli "ocean liner" di Cunard. Dotata di un elevato numero di luxury suite e mini suite, potrà ospitare nelle sue 1.046 cabine oltre 2.500 ospiti assistiti da 1.097 membri dell’equipaggio e sarà allestita secondo standard elevatissimi con la massima cura nelle finiture. 

Con il varo odierno di "Queen Elizabeth", Fincantieri prosegue la prestigiosa collaborazione con il mercato d’oltremanica, per il quale negli anni ha realizzato 16 prestigiose navi. Dal 1990 ad oggi Fincantieri ha consegnato 51 navi da crociera, di cui 47 per i sei marchi principali del gruppo Carnival. Altre 12 unità sono in corso di costruzione o saranno realizzate negli stabilimenti del gruppo entro il 2012.

Fonte: www.repubblica.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: