La Londra di Notting Hill

Condividi questo articolo su :

Il film Notting Hill – ha reso Portobello il mercato più famoso della Gran Bretagna e Notting Hill uno dei quartieri più vogue di Londra (con conseguente aumento dei prezzi). Chi è passato da Londra e non ha cercato la libreria di Hugh Grant? Il cinema fa moda ed è capace di rilanciare anche aree “malfamate”, non solo grazie ai percorsi turistici alla scoperta di location cinematografiche. Una pellicola cinematografica porta soldi e visibilità: una pubblicità gratuita che ha reso celebri Notting Hill, South Kensington ed ora la Brick Lane.

Il film Notting Hill – ha reso Portobello il mercato più famoso della Gran Bretagna e Notting Hill uno dei quartieri più vogue di Londra (con conseguente aumento dei prezzi). Chi è passato da Londra e non ha cercato la libreria di Hugh Grant? Il cinema fa moda ed è capace di rilanciare anche aree “malfamate”, non solo grazie ai percorsi turistici alla scoperta di location cinematografiche. Una pellicola cinematografica porta soldi e visibilità: una pubblicità gratuita che ha reso celebri Notting Hill, South Kensington ed ora la Brick Lane.

La Brick Lane è una lunga strada nel cuore di Shoreditch, quartiere ad est della City, fino a poco tempo fa abitato quasi esclusivamente da indiani. E di una storia indiana parla l’omonimo film Brick Lane, diretto da Sarah Gavron sulla base del romanzo di Monica Ali (in Italia tradotto con Sette mari, tredici fiumi) ed uscito a Londra lo scorso novembre. Da noi arriverà nel corso del 2008, dopo l’antemprima al Torino Film Festival.

Grazie al libro e al film la Brick Lane è stata “bonificata”, e se Portobello è un grande mercato delle pulci, con tante bancarelle dedicate all’antiquariato e al cibo, Camden Town è il quartiere “alternativo”, punk e country allo stesso tempo, allora Shoreditch è il quartiere dell’arte e della moda. Fino a cinque anni fa i londinesi lo evitavano, ora lo chiamano Corner glamour dell’East end, perchè ancora non è stato preso d’assalto dalle frotte di turisti.

Nelle varie traverse della Brick Lane si nascondono negozi unici di oggetti, abiti di design e veri e propri musei di eccentricità, come il Beyond Rétro, il Rokit, l’Evil Cathedral e il The Lazy Ones. Da lunedì a venerdì c’è il mercato multietnico di Spitafields, sostituito la domenica dal Sunday Up Market (un garage, per il resto della settimana). Negozi, ristoranti, gallerie d’arte, locali e music-shop. Shoreditch è una continua sorpresa per chi non si lascia intimorire dall’aspetto ancora un po’ “malfamato”, le ruspe lavorano senza sosta e i nuovi edifici in costruzione promettono di essere bellissimi. Molti risultano già venduti e i prezzi, come da copione, si stanno alzando.

Fonte: www.panorama.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: