La cucina dell’ Ecuador

Condividi questo articolo su :

Un nuovo modo di viaggiare "assaporando" la meta ci porta in Ecuador dove tre itinerari ad hoc lasciano scoprire tutte le varianti del gusto andino. Dal mercato tradizionale di Quito per acquistare i prodotti da cucinare insieme allo chef, agli indirizzi più "in" dove testare tipici piatti ecuadoregni creati con alimenti locali.

Un nuovo modo di viaggiare "assaporando" la meta ci porta in Ecuador dove tre itinerari ad hoc lasciano scoprire tutte le varianti del gusto andino. Dal mercato tradizionale di Quito per acquistare i prodotti da cucinare insieme allo chef, agli indirizzi più "in" dove testare tipici piatti ecuadoregni creati con alimenti locali.

Viaggiare "assaporando". Perché no? Quando il viaggiatore è particolarmente goloso e curioso e quando la meta offre profumi e sapori davvero unici come l’Ecuador, l’esperimento vale la pena di essere fatto. Anche perché la cucina locale è tra le più varie del Sud America, gli ingredienti sono semplici ma genuini e gli chef dimostrano inventiva e fantasia rivisitando la cucina tradizionale e trasformandola in una cucina moderna. La cucina ecuadoriana tradizionale consiste principalmente in zuppe e stufati, frittelle di grano, riso, uova e verdure.

Tra le specialità locali vi sono il caldo de pates, una zuppa a base di zampe di bovino, il lechón, il maialino da latte. A queste prelibatezze gli chef aggiungono un po’ di creatività e, annaffiando i loro piatti con ottimo vino, conquistano anche i palati più esigenti. Ecco perché, in Ecuador, stanno nascendo dei veri e propri programmi di viaggio a misura di gourmet, come quelli proposti, ad esempio, dall’operatore Ruta 40. Sono tre in tutto e sono strutturati in modo da partecipare attivamente e seguire le fasi dalla preparazione alla cottura. La degustazione è accompagnata dalla presenza di sommelier per degustare gli ancora poco conosciuti vini ecuadoregni.

Si può scegliere ad esempio di scoprire i mercati e il desayuno ecuadoregno. L’esperienza culinaria in questo caso inizia al mattino con la visita di uno dei principali mercati locali di Quito, un insieme di colori, sapori, aromi e suoni in grado di inebriare tutti i sensi. La mattinata prosegue con il vero e proprio shopping "culinario" tra le bancarelle in cui, con l’aiuto della guida, si possono acquistare i migliori prodotti tra cui frutta e verdura per noi sconosciuta. Terminata la spesa, ci si sposta in cucina dove, con l’aiuto di uno chef, si cucinerà un pranzo tipico ecuadoregno.

L’exclusive gourmet cousine è invece una giornata dedicata a chi vuole assaporare e conoscere la migliore cucina di livello dell’Ecuador. La mattina è dedicata alla visita della splendida Quito coloniale, con il monastero di San Francesco, la chiesa d’oro Gesuita, il museo Mena Caamano, la Piazza Benalcazar. Si pranza all’Hotel Plaza Grande nel cui interno vi è uno dei più rinomati ed esclusivi ristoranti del paese. Tempo per rilassarsi, per poi proseguire l’esperienza gastronomica in uno tra i ristoranti top di Quito. E, qui c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Nella zona più "in" della città, ad esempio c’è il ristorante Alkimia con un menù latino-mediterraneo e creazioni nate dal genio dello chef Julio Avendaño.

Infine, per gli appassionati di vino, ecco il wine testing around Quito. I partecipanti saranno ospiti all’Estancia Chaupi per la degustazione dei migliori vini ecuadoregni. Le specialità della gastronomia locale, invece, si gustano al La Marmite Restaurant, conosciuto per la sua qualità di cucina. Una passeggiata digestiva avrà come scenario gli indimenticabili giardini Pakakura, habitat di oltre 500 specie di piante, tra cui molte varietà di orchidee.

Per chi invece volesse andare da solo alla scoperta dei sapor dell’Ecuador, due ultimi suggerimenti. Innanzitutto il ranch Rumiloma, sui pendii della montagna Pichincha, con una vista straordinaria su Quito e un cibo di qualità. Infine, sempre in città, Zazu, famoso per la creatività dei suoi chef peruviani Moscoso e Hugo Tsuda Miyagawa.

Indirizzi e link utili

Hacienda Rumiloma
Calle Obispo Díaz de la Madrid, Quito
Te : 00593/ 2 2548206

Zazu
Mariano Aguilera 331, Quito
Tel : 00593/ 2 2543559

Alkimia
Calle Valladolid n24, Quito
www.alkimiarestaurante.com

Ecuador Tourism Board
www.ecuadortouristboard.com

Ecuador Ministry of Tourism
www.vivecuador.com

Fonte: www.ilsole24ore.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: