La 5 strada è sempre più viva

Condividi questo articolo su :

Una delle poche isole felici dove la grave crisi economica degli Stati Uniti sembra essere mai arrivata, la Fifth Avenue, una delle arterie più trafficate del centro di Manhattan, a New York, continua a pulsare affari come sempre. Gravida di negozi all’ultima moda e di veri e propri templi dello shopping, la via che si estende da Central Park verso sud, per qualche chilometro vetrine interrotte soltanto dalla facciata della cattedrale di San Patrizio.

Una delle poche isole felici dove la grave crisi economica degli Stati Uniti sembra essere mai arrivata, la Fifth Avenue, una delle arterie più trafficate del centro di Manhattan, a New York, continua a pulsare affari come sempre. Gravida di negozi all’ultima moda e di veri e propri templi dello shopping, la via che si estende da Central Park verso sud, per qualche chilometro vetrine interrotte soltanto dalla facciata della cattedrale di San Patrizio.

La via continua ad attirare clienti da tutto il mondo (un serpentone da 22.000 all’ora nei giorni di punta) e a fare affari come se caro petrolio e instabilità dei mercati finanziari, la crisi del credito, non esistessero.

Con il dollaro debole, d’altronde, soprattutto i turisti non possono che approfittare dei saldi estivi e dei nuovi capi d’abbigliamento esposti già per l’autunno, anche se ci sono quaranta gradi. E la Fifth Avenue, proprio come Times Square, resta uno dei luoghi sacri del turismo di massa a Manhattan. I commercianti confidano nella linfa vitale della moda e continuano ad aprire nuovi negozi su entrambe i lati della 49esima strada, che fa da spartiacque tra cantieri di culto come Gucci e Cartier a nord e grandi magazzini Circuit City e Best Buy a sud.

E’ stato appena inaugurato l’ultimo negozio di Gucci nella torre Trump, mentre FAO Schwarz, il più bel negozio di giocattoli, continua ad espandersi dietro l’Apple Store, aperto 24 ore su 24. L’abbigliamento di qualità, sotto il marchio di Juicy Couture, aprirà un nuovo negozio nel mese di ottobre, e così farà anche la catena Tommy, che aggiungerà altri quattro piani al negozio dello stilista Tommy Hilfiger.

Lo dice anche Alan Schmerzler, agente di Cushman & Wakefield, uno dei maggiori service provider immobiliari: "Non puoi dire di essere stato a New York finché non capiti sulla Fifth Avenue". Non c’è recessione che tenga.

Fonte: www.alice.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: