Irlanda, 10 mete da non perdere

Ring of Kerry, il re dei percorsi

Un meraviglioso percorso ad anello che parte da Killarney e attraversa i più bei paesaggi dell’isola. Panorami mozzafiato e un grandioso litorale ne fanno il numero uno tra i percorsi più scenografici d’Irlanda. Percorretelo con l’aiuto della nostra carta stradale!

Blarney Castle, vi troverete a parlarne!

Nell’Irlanda dei castelli tutti conoscono questa enorme fortezza. Il motivo? Perché tutti desiderano baciare la Blarney Stone, un blocco di calcare carbonifero che si trova nelle fortificazioni del Castello, e ricevere il dono dell’eloquenza. Non vi garantiamo il successo, però vi assicuriamo che racconterete a tutti questa esperienza.

Cliffs of Moher, un grandioso baluardo

Le pareti di roccia si gettano a precipizio nell’Atlantico. Straordinaria la vista dal basso dai traghetti turistici, quando lo sguardo sale dall’acqua verso l’alto. Molto probabilmente avrete già ammirato questo prodigio della natura in molte fotografie, ora è il momento di un incontro ravvicinato!

Kilkenny, ai piedi del castello

La più bella cittadina del paese è incantevole per la sua posizione sul fiume e per il suo nucleo medievale dai vicoletti stretti e gli edifici secolari. Su tutto spicca la mole imponente e aggraziata del Kilkenny Castle, le cui origini risalgono al XII secolo.

Trinity College & Book of Kells

Al Trinity College è conservato il Libro di Kells, un manoscritto miniato di valore inestimabile. È esposto in una teca di vetro e le pagine vengono girate secondo un calendario regolare. Il Trinity si trova a Dublino ed è un luogo che incute, giustamente, un po’ di soggezione. Pensate, qui hanno studiato personalità come Samuel Beckett e Oscar Wilde.

National Museum of Ireland, incontro con i vichinghi

L’esterno è un’attrazione per la mirabile architettura, l’interno custodisce tesori di valore inimmaginabile, motivo di orgoglio per tutti gli irlandesi. Tra i molti reperti provenienti dall’antichità, sono molto interessanti quelli che appartengono alla preistoria irlandese, all’età vichinga e al Medioevo. La sezione dedicata alla storia naturale farà la gioia dei bambini!

Newgrange, prodigi preistorici

La tomba del Neolitico apre un’affascinante finestra sul passato irlandese e aspetta i visitatori una volta l’anno per un’esperienza incredibile. Durante il solstizio d’inverno, infatti, il corridoio di 19 metri che conduce alla camera interna viene illuminato dal sole al suo sorgere.

Giant’s Causeway: un lavoro gigantesco

40.000 colonne di basalto con più di 60 milioni di anni. Non c’è da stupirsi se l’Unesco ha dichiarato questo luogo Patrimonio naturale dell’Umanità. La suggestiva conformazione del ‘Selciato del gigante’ ha ispirato la leggenda di antiche battaglie tra colossi e titani. E se, invece, fosse soltanto opera della natura?

Rock of Cashel: anima d’Irlanda

Mito e storia si incontrano a 65 m di altezza sulla vetta su cui sorgono una torre circolare, una chiesa e un castello. Per gli irlandesi è uno dei luoghi distintivi della loro isola, benedetto anche da Saint Patrick. Arrivare fino a qui significa essere davvero nel cuore d’Irlanda!

Dingle Peninsula, a scuola di gaelico

La bellezza aspra, il mito della libertà e dell’avventura caratterizzano la penisola più settentrionale tra le cinque situate nell’estremo sud ovest dell’Irlanda. in questo territorio magico, nel quale la natura regna ancora sovrana, non mancano insediamenti archeologici della preistoria e rovine medievali,  preistorici e rovine di edifici medievali. Curiosità: questa è un’area gaeltacht, il che significa che vi sentirete ancora parlare comunemente l’antico gaelico.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: