In vacanza con il Jet Sharing

Condividi questo articolo su :

Se siete tra quelli che mal sopportano i ritardi degli aerei, le file al check in e i possibili vicini di poltrona rumorosi e invadenti il jet-sharing fa per voi. Avete capito bene, jet – sharing, stesso concetto del car-sharing – condividere un auto con altre persone senza esserne proprietari – ma con un oggetto diverso: un jet privato.

Tutto parte come spesso accade in rete e negli Stati Uniti dove sta prendendo sempre più piede Social Flights (sono 4 mila finora gli iscritti), il social network per viaggiare, senza essere per forza dei nababbi o parenti di qualche Hilton, a bordo di voli privati.

Se siete tra quelli che mal sopportano i ritardi degli aerei, le file al check in e i possibili vicini di poltrona rumorosi e invadenti il jet-sharing fa per voi. Avete capito bene, jet – sharing, stesso concetto del car-sharing – condividere un auto con altre persone senza esserne proprietari – ma con un oggetto diverso: un jet privato.

Tutto parte come spesso accade in rete e negli Stati Uniti dove sta prendendo sempre più piede Social Flights (sono 4 mila finora gli iscritti), il social network per viaggiare, senza essere per forza dei nababbi o parenti di qualche Hilton, a bordo di voli privati.

Diventando membro della comunità infatti si entra automaticamente a far parte di una travel tribe nella quale poter individuare persone con le nostre stesse esigenze di spostamento e coordinate di partenza (destinazione, date…) e decidere di dividere con loro il viaggio su un velivolo privato da noleggiare, ammortizzando  così le spese ma senza rinunciare al comfort
 
Mettiamo conto che da New York abbiamo bisogno di andare a Los Angeles: se troviamo 9 persone con le nostre stesse necessità e altre 10 che invece devono fare il percorso inverso (da Los Angeles a New York) potremo dividere in 20 le spese per l’affitto di un jet da 10 posti e assaporare il lusso di volare su un aereo tutto nostro (o quasi!). Lo jet sharing è una pratica che si sta diffondendo soprattutto in America dove spesso anche gli spostamenti quotidiani sono caratterizzati da lunghe distanze, ma anche in Europa c’è già qualche esempio come la società di charter britannica Jet Connections.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: