Il parco della Sila

Condividi questo articolo su :

Tra alberi-gigante e scoiattoli, tra laghi da attraversare con battelli elettrici e orchidee selvatiche, una full immersion nel verde. E qua e là borghi ricchi di storia e di tradizione.

«Maestra, guarda lassù, c’è Cip e Ciop». Il piccolo Marco indica con la manina, due scoiattolini che si arrampicano veloci tra le fronde di un albero e subito scompaiono. «Ma perché sono neri?». L’insegnante spiega così ai suoi alunni che questi vispi roditori hanno il nome scientifico di Vulgaris Sciurus e che si differenziano dai famosi Cip e Ciop, protagonisti dei cartoni animati, non solo per il colore ma anche per una macchia bianca al collo. In dialetto si chiamano "Zaccanella", per la loro vivacità.

Tra alberi-gigante e scoiattoli, tra laghi da attraversare con battelli elettrici e orchidee selvatiche, una full immersion nel verde. E qua e là borghi ricchi di storia e di tradizione.

«Maestra, guarda lassù, c’è Cip e Ciop». Il piccolo Marco indica con la manina, due scoiattolini che si arrampicano veloci tra le fronde di un albero e subito scompaiono. «Ma perché sono neri?». L’insegnante spiega così ai suoi alunni che questi vispi roditori hanno il nome scientifico di Vulgaris Sciurus e che si differenziano dai famosi Cip e Ciop, protagonisti dei cartoni animati, non solo per il colore ma anche per una macchia bianca al collo. In dialetto si chiamano "Zaccanella", per la loro vivacità.

Se ne trovano solamente nel Parco Nazionale della Sila, in Calabria, uno degli altipiani tra i più estesi (oltre 74 mila ettari compresi tra le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone), ed è una specie diversa da quella conosciuta nel resto d’Italia e d’Europa: sono più grandi nel corpo e nella coda.

 I bambini che quotidianamente raggiungono il centro visite del parco, a Cupone (in località Spezzano della Sila, sul lago Cecita, ingresso 2 euro), ne sono entusiasti, ma vederli saltare da una parte all’altra dei rami, è uno spettacolo che affascina anche i grandi. Sono loro i protagonisti del parco insieme al lupo, simbolo storico e pure buono, perché come si legge su un cartello all’ingresso "il lupo cattivo esiste solo nelle favole". Ovunque, invece, si ammira la mascotte ufficiale, ribattezzata Silotto da Silva. Il centro visitatori, al cui progetto ha contribuito Alberto Angela, è stato costruito all’interno di una segheria del 1939, con ancora visibili le "rotaie" che portavano i carrellini della legna e i macchinari di una volta.

 Vi è un orto botanico, accessibile anche ai non vedenti, con pannelli esplicativi delle varie essenze, un giardino geologico, un museo dell’albero. Un’occasione per scoprire un parco nazionale presieduto, unico caso in Italia, da una donna, Sonia Ferrari, anche docente di marketing all’università della Calabria. «Stiamo cercando, ci dice, di rendere fruibile la conoscenza del territorio ad una platea molto ampia, garantendo l’arricchimento esperienziale e cognitivo anche a soggetti più svantaggiati. Fra le azioni realizzate, un protocollo d’intesa fra il Parco e l’Unione Italiana Ciechi di Cosenza, e la dotazione di due sedie "Joelette" per il trasporto di persone con problemi motori». 
 

 Da qui parte un sentiero naturalistico che fa immergere subito nella fitta foresta di pini laricio silani, caratterizzati da un tronco con le tipiche incisioni a spina di pesce che servivano per la raccolta della resina. Vi è poi un sentiero didattico (circolare di 3 km), con le varie didascalie alle piante e ancora diversi osservatori faunistici per vedere da vicino caprioli, daini e cervi per salire lungo un crinale dove un’area ospita alcuni esemplari di lupo, quello vero. Qui, sabato 27 luglio, si terrà una delle tre serate di jazz ispirato alle sonorità nordiche (rientra nel circuito della 12° edizione del Peperoncino Jazz Festival, rassegna musicale itinerante nelle più belle località calabresi), con i jazzisti norvegesi Trygve Seim e Andreas Utnem.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: