Il New Jersey contro gli sms in auto

Condividi questo articolo su :

Da oggi in guidatori che verranno colti nell’atto di telefonare o mandare messaggini potranno essere fermati senza aver commesso nessun’altra infrazione. 
 
Lo stato del New Jersey ha varato una nuova legge che consente alla polizia stradale di fermare un guidatore nel caso esso venga colto mentre telefona senza auricolare o mentre manda un sms. Il New Jersey è il quarto Stato americano, compreso New York, a lanciare una campagna di "tolleranza zero" nei riguardi degli automobilisti che usano il telefonino mentre guidano.

Da oggi in guidatori che verranno colti nell’atto di telefonare o mandare messaggini potranno essere fermati senza aver commesso nessun’altra infrazione. 
 
Lo stato del New Jersey ha varato una nuova legge che consente alla polizia stradale di fermare un guidatore nel caso esso venga colto mentre telefona senza auricolare o mentre manda un sms. Il New Jersey è il quarto Stato americano, compreso New York, a lanciare una campagna di "tolleranza zero" nei riguardi degli automobilisti che usano il telefonino mentre guidano.

La pratica è vietata dal 2004, ma era considerato un reato di secondo livello, ovvero imputabile solo nel caso si venisse fermati per un altro motivo. Ma da oggi anche solo mandare un messaggino sarà sufficiente per far accostare il guidatore e multarlo fino a 100 dollari, anche se nessun altra infrazione è stata commessa.

Agli automobilisti rimane garantita la possibilità di parlare la cellulare ma solamente con dispositivi che consentano a entrambe le mani di restare libere. In realtà le statistiche sugli incidenti stradali dimostrano che auricolari e dispositivi Bluetooth non rendono la conversazione in macchina più sicura. Nel 2006 quasi la metà dei 3,5 mila incidenti automobilistici in New Jersey hanno riguardato l’uso di telefonino con auricolari. "E’ la conversazione in sé che distrae – spiega Russ Rader, dell’Istituto Assicurativo per la Sicurezza sulle Autostrade – Quando parliamo al telefono siamo in un altro posto".

Fonte: www.lastampa.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: