Il galateo sugli aerei

Condividi questo articolo su :

Prendere un aereo per spostarsi oggi è un’abitudine sempre più frequente, che fa sì che spesso i mezzi siano affollati, caotici e rumorosi: in questo tipo di viaggio la pazienza e l’autocontrollo vengono spesso messi a dura prova ma, se non volete rischiare di far parte di una delle categorie più odiate in volo, ecco alcune regole da seguire del galateo sugli aerei.

Prendere un aereo per spostarsi oggi è un’abitudine sempre più frequente, che fa sì che spesso i mezzi siano affollati, caotici e rumorosi: in questo tipo di viaggio la pazienza e l’autocontrollo vengono spesso messi a dura prova ma, se non volete rischiare di far parte di una delle categorie più odiate in volo, ecco alcune regole da seguire del galateo sugli aerei.

Partiamo dall’inizio, ovvero dalla fila che si segue per salire a bordo: è inutile spingere nel tentativo di accaparrarsi un posto. I biglietti sono numerati e non c’è il rischio di restare in piedi come in autobus. Una volta che avete trovato il vostro posto, sedetevi prima possibile: i corridoi degli aerei sono stretti e impediscono il passaggio di due persone contemporaneamente. Se perdete tempo cercando la Settimana Enigmistica, gli occhiali o le cuffie dell’iPod, rischiate di bloccare gli altri passeggeri. Nella scelta del posto, siate lungimiranti: se in volo vi annoiate a morte e sentite il bisogno di fare due passi ogni ora, oppure se avete la necessità di andare spesso in bagno, scegliete il posto corridoio per evitare di disturbare i vostri vicini di posto. Un’altra regola di buona educazione vuole che il sedile sia reclinato il giusto: a nessuno fa piacere ritrovarsi sacrificato tra due sedili.

Un capitolo a parte è rappresentato dai bambini: se viaggiate con i vostri figli, ricordate che la cabina è un luogo pubblico. Anche se è giusto che gli altri passeggeri siano più comprensivi nei confronti dei più piccolo, questo non vuol dire che a loro debba essere consentito di disturbare con schiamazzi e rumori. Rumori molesti sono quelli dei cellulari: anche se in volo gli apparecchi devono essere spenti, è ormai un’abitudine accenderli quando appena le ruote hanno sfiorato terra. Cinque minuti in più d’attesa non sono troppi. Stesso discorso vale per le cinture di sicurezza: bisogna tenerle allacciate fino a quando le hostess non comunicano di slacciarle, anche perchè le porte di certo non si apriranno prima del tempo.

L’applauso all’atterraggio

Il galateo sugli aerei non si deve dimenticare neanche quando si è praticamente arrivati, ovvero al momento dell’atterraggio. E’ vero che quando le ruote del carrello toccano la pista, anche i passeggeri più rodati si rilassano e lasciano scorrere via la tensione, ma l’applauso al pilota è sicuramente da bocciare

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: