Il flop dell’ hotel Plaza

Condividi questo articolo su :

Dai frac con i guanti bianchi agli hamburger con cipolla, cetrioli e patatine fritte. In meno di sei anni, il mitico hotel Plaza di New York che si affaccia su Central Park, storicamente uno dei più prestigiosi della Grande Mela, da destinazione da sogno si è trasformato in una sorta di appendice elegante e semivuota di un centro commerciale deserto e sotterraneo, presto invaso dai fast food.

Dai frac con i guanti bianchi agli hamburger con cipolla, cetrioli e patatine fritte. In meno di sei anni, il mitico hotel Plaza di New York che si affaccia su Central Park, storicamente uno dei più prestigiosi della Grande Mela, da destinazione da sogno si è trasformato in una sorta di appendice elegante e semivuota di un centro commerciale deserto e sotterraneo, presto invaso dai fast food.

Ne parla oggi con ampio rilievo il New York Times, secondo cui è diventato difficile sostenere che il sogno dell’ imprenditore israeliano Isaac Tshuva di trasformare il grande albergo dell’hitchcockiano Intrigo Internazionale o di Mamma ho perso l’aereo in un lussuoso condominio e centro commerciale sia andato in porto. E’ vero che l’albergo in senso stretto (solo una parte delle stanze di allora) ultimamente è stato quasi sempre pieno; come é vero che le sale da ballo, tra cui il ‘Grand Ballroom’ della famosa superfesta di Truman Capote, continua ad attirare decine di feste di matrimonio.

Ed i famosi bar, come l’ovattato Oak Bar, continuano a servire come prima i loro famosi cocktail. Ma è anche vero che il più famoso ristorante dell’albergo, il Palm Court, meta dei personaggi alla Grande Gatsby, ha chiuso i battenti in dicembre (ma pare dovrebbe presto riaprire), mentre la vendita degli appartamenti, nonostante l’en plein degli anni scorsi, sta creando seri problemi. Dopo un restauro costato 450 milioni di dollari, Tshuva era riuscito a vendere tutti gli appartamenti, 181 complessivamente, per la somma da capogiro di oltre 1,3 miliardi di dollari, a prezzi ben al di sopra di quelli di mercato. Ma molti appartamenti sono stati rivenduti, spesso con ingenti perdite. Il Nyt cita il caso recente dell’appartamento 409, venduto a ben 8,5 milioni di dollari in meno rispetto a 18 mesi fa, al momento del primo acquisto. Tra i clienti insoddisfatti spiccano quelli (a dir vero un po’ ingenui) che avevano acquistato appartamenti nei piani alti dell’edificio, per poi scoprire che si tratta delle ex stanze per il personale dell’albergo (simili alle ‘chambre de bonne’ dei palazzi parigini).

Hanno il soffitto basso e poche finestre, e sono impossibili da trasformare in ampie penthouse con vista sul parco. E’ andata male anche al centro commerciale ricavato sotto all’albergo. Non è riuscito ad attirare le grandi firme (i proprietari puntavano tra l’altro su Gucci, ma la società fiorentina si è installata al pianoterrra della vicina Trump Tower), e alcuni negozi hanno già chiuso. Ora tocca alla ‘Food Court’, con sushi e fast food, rilanciare il centro commerciale, accanto ai negozi. Ma sono in molti a storcere il naso.

Fonte: www.ansa.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: