Il festival della Scienza a Genova

Condividi questo articolo su :

La curiosità è il tema-guida del Festival della scienza che si è aperto il 25 Ottobre a Genova e proseguirà fino al 6 novembre con oltre 500 appuntamenti tra mostre, laboratori, dibattiti e spettacoli. Si inizia con la presentazione in anteprima di Ciao Robot (www.ciaorobot.org), un film documentario sui robot che presenta i risultati di una ricerca della scuola di robotica di Genova.

La curiosità è il tema-guida del Festival della scienza che si è aperto il 25 Ottobre a Genova e proseguirà fino al 6 novembre con oltre 500 appuntamenti tra mostre, laboratori, dibattiti e spettacoli. Si inizia con la presentazione in anteprima di Ciao Robot (www.ciaorobot.org), un film documentario sui robot che presenta i risultati di una ricerca della scuola di robotica di Genova.

Sono robot lontani dall’immaginario rappresentato nei film: non sono antropomorfi, non compiono azioni spettacolari ma aiutano l’uomo in molte attività quotidiane.

 All’anteprima sarà presente anche il team Explosive ordinary disposal (Eod) dell’Aeronautica militare che impiega i robot nelle operazioni di sminamento in Afghanistan e in Libano. Il 6 novembre a La Spezia si potrà sperimentare il pilotaggio dei Rov, piccoli robot sottomarini.

Le lezioni dell’Antartide

Giovedì  26 la scienza d’alta quota verrà raccontata da Agostino da Polenza, alpinista di fama mondiale e presidente del Comitato Ev-K2-CNR che rievocherà la sua esperienza sull’Everest. Stefano Aliani, ricercatore dell’Istituto di scienze marine del Cnr di Genova, nell’incontro «La memoria dell’Antartide» spiegherà come è possibile comprendere il clima del passato, e prevedere quello futuro, attraverso lo studio dei ghiacciai. Il 1° novembre al centro del dibattito sarà il mutamento climatico, spesso in questi ultimi tempi al centro di un dibattito mediatico tanto intenso quanto fuorviante: «CO2: colpevole o innocente?» è l’interrogativo a cui cercherà di rispondere Teodoro Georgiadis, dell’Istituto di biometeorologia del Cnr di Bologna.

La ricerca «cenerentola»

Il convegno «Scienza e società», in programam domani,  affronta il grande tema che lega lo sviluppo di un paese alla ricerca. «Da quasi mezzo secolo il nostro è l’unico paese a economia avanzata ad aver scelto un percorso di sviluppo senza ricerca», sostiene Manuela Arata, presidente del Festival e a capo dell’Ufficio promozione e sviluppo collaborazioni del Cnr. «È necessario recuperare il terreno perduto e l’unico modo è realizzare un ambiente adatto all’innovazione attraverso un forte investimento in ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e alta formazione».

La scimmia testimonial

E ancora, Cristiano Castelfranchi, direttore dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione (Istc) del Cnr di Roma, interverrà il 2 novembre alla conferenza «Curiosità e sorpresa nella scienza e nella vita quotidiana». Ospite del Festival sarà anche la primatologa Elisabetta Visalberghi, dell’Istc-Cnr, che racconterà la sua esperienza sul campo con i cebi, scimmie che vivono in Sud America. E, in tema di curiosità, caratteristica solitamente attribuita alle scimmie,  i cebi dai cornetti del centro primati dell’Istc, fotografati con gli asterischi rossi, simboli della manifestazione, sono anche diventati testimonial del festival.

La cucina e il metodo

Dalla curiosità dei cebi a quella dei bambini con il laboratorio ludo-didattico «Il libro delle curiosità», curato da Tecnoscienza.it, progetto Cnr-Museo di fisica dell’università di Bologna, che spiega il mondo della scienza attraverso esperimenti buffi e divertenti.  Per concludere, «Sapori di scienza», curato, tra gli altri, dall’Istituto nazionale di fisica della materia del Cnr di Genova, che si compone di due grandi filoni, «Scienza in cucina» e «La scienza del gusto». E’ un programma di laboratori, conferenze ed eventi sul filo conduttore dell’alimentazione: dalle materie prime, alla qualità degli alimenti ai sapori, sino ai processi e le reazioni chimiche che intervengono nella cucina di un piatto.

Gli ospiti

Il Festival della scienza è anche un’occasione per dialogare con le star della sicenza italiana. Tra gli ospiti ci sono anche Domenico Parisi dell’Istc-Cnr, Enrico Ferrero, ricercatore Isac-Cnr, lo storico delle scienze Enrico Bellone, il matematico Piergiorgio Odifreddi, gli astrofisici Giovanni Bignami e Margherita Hack, i filosofi della scienza Mauro Dorato e Giulio Giorello.

link: www.festivalscienza.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: