Il Dipartimento di Stato USA sconsiglia i viaggi in Messico

Condividi questo articolo su :

Il governo degli Stati Uniti ha consigliato  ai propri cittadini di non viaggiare verso  alcune zone del Messico, dove la violenza causata dai cartelli del narcotraffico sta dando vita a delle vere ed inconcepibili  barbarie, come nel recente caso di Tamaulipas, dove sono state rinvenute delle fosse comuni con i corpi martoriati di 177 persone.

Il governo degli Stati Uniti ha consigliato  ai propri cittadini di non viaggiare verso  alcune zone del Messico, dove la violenza causata dai cartelli del narcotraffico sta dando vita a delle vere ed inconcepibili  barbarie, come nel recente caso di Tamaulipas, dove sono state rinvenute delle fosse comuni con i corpi martoriati di 177 persone.

L’avvertenza di viaggio emessa dal Dipartimento Di Stato Americano, avverte che gli  stati messicani dove è sconsigliato viaggiare sono: Tamaulipas y Michoacán, Sonora, Chihuahua, Coahuila, Sinaloa, Durango, Zacatecas, San Luis Potosí  e Jalisco.
 
Il numero di cittadini statunitensi assassinati in Messico  è aumentato dai 35 registrati nel  2007 ai  111  nel 2010. Più di un terzo degli statunitensi assassinati nel 2010 in  Messico hanno perso  la vita a Città Juárez e Tijuana.

Questo aumento,  associato  alla terribile ondata di violenza che sta colpendo il Messico, ha fatto “rimpiazzare”  l’avvertenza di viaggio che il Dipartimento di Stato Americano fece nel settembre dello scorso anno, con quest’ultima, richiamando e rinvigorendo  quindi, l’attenzione dei propri cittadini,  se intenzionati a viaggiare verso il Messico.

Il Dipartimento di Stato, si legge nella nota ufficiale,  raccomanda ai cittadini statunitensi di viaggiare  in Messico,  solamente  in ore diurne  evitando strade isolate,  e di percorrere autostrade a pagamento, sempre se possibile.

Il Messico sta vivendo  un’incessante ondata di violenza che ha lasciato  35 mila morti dal 2006, nonostante le promesse ed i risultati positivi a riguardo della lotta al narcotraffico espressi dal presidente Felipe Calderon.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: