Ice hotels

Condividi questo articolo su :

Bastano vestiti caldi e un buon sacco a pelo. E l’avventura tra i ghiacci può iniziare. Anche se la neve continua a scarseggiare, per gli amanti dell’avventura estrema le offerte non mancano. Ad incominciare dal luogo dove alloggiare: un "caldo" igloo. Per vivere un’esperienza semplicemente unica, tra il silenzio dei ghiacci e panorami mozzafiato.
 

Bastano vestiti caldi e un buon sacco a pelo. E l’avventura tra i ghiacci può iniziare. Anche se la neve continua a scarseggiare, per gli amanti dell’avventura estrema le offerte non mancano. Ad incominciare dal luogo dove alloggiare: un "caldo" igloo. Per vivere un’esperienza semplicemente unica, tra il silenzio dei ghiacci e panorami mozzafiato.
 
Anche se molti, di fronte all’idea di trascorrere la notte tra i ghiacci, storcono il naso, non si tratta di un’impresa "polare". Infatti, le proprietà isolanti della neve e l’aria che rimane imprigionata nella cupola dell’igloo rendono l’interno meno inospitale di quanto si pensi. Infatti, la temperatura all’interno della costruzione di ghiaccio non scende mai sotto lo zero, anche quando fuori le temperature precipitano a -20°C. Anzi, di notte, grazie al calore sprigionato dai corpi, l’atmosfera diventa più piacevole. E forse anche romantica.
 
Italia
 Veneto. Non sono molte le offerte in Italia. Certamente, fino alla scorsa stagione invernale, l’hotel-igloo più noto è quello di Piancavallo in Friuli, organizzato dall’Accademia Alpina. Quest’anno l’Accademia si è trasferita a Misurina (Bl) e realizzerà sulle montagne bellunesi il Dolomiti Igloo Village a quasi 1.800 metri d’altitudine. Le costruzioni di ghiaccio si trovano in località Lago Antorno nei pressi dell’omonimo hotel dove gli ospiti degli igloo si rifocillano. Le casette polari, infatti, sono utilizzate esclusivamente per trascorrere la notte. Dal villaggio di ghiaccio ci si sposta per escursioni rigorosamente su racchette da neve, si seguono corsi di nivologia e i più temerari possono cimentarsi nello "snowrafting".
 
Alto Adige. Altro spettacolare villaggio igloo è quello in Val Senales. Dalla località Maso Corto si raggiunge in funivia a quota 3mila il rifugio Bella Vista. Qui gli igloo sono arredati, con tanto di letto di ghiaccio ricoperto da pelli di pecora, comodini e candele. Nel rifugio vicino è possibile riscaldarsi nella sauna. Il tutto in un’atmosfera avventurosa ma prima di tutto romantica. Ogni igloo è realizzato per ospitare due persone che potranno dormire abbracciate in un sacco a pelo matrimoniale. Il luogo ideale per le coppie che vogliono trascorrere una breve vacanza alternativa sotto un cielo pieno di stelle e lontano da qualsiasi rumore.
 
Sempre tra i ghiacci ma non in igloo è la proposta dell’hotel Drumlerhof a Campo Tures. Gli ospiti dell’albergo che vogliono provare emozioni forti, possono trascorrere la notte sotto la neve in alcune gallerie realizzate in quota dove sono state create vere e proprie camere da letto. Si dorme su un materasso isolante e in un sacco a pelo imbottito con la piuma d’oca. Gli organizzatori rassicurano: "dopo appena un minuto da quando si è chiusa la zip e indossando un leggero pigiama, si avverte la piacevole sensazione di calore che aumenta come se si dormisse nel letto tradizionale". All’esterno una casa in legno assicura un rifugio in caso di emergenza. Qui lo staff sorveglia che la notte trascorra in tutta sicurezza, ravvivando il fuoco e tenendo pronte bevande calde, le stesse che daranno il buongiorno agli ospiti coraggiosi. Tutto questo accompagnato da una cena sotto un tetto di stelle. Per il momento possono usufruire dell’offerta solo i clienti dell’albergo che abbiano prenotato un soggiorno di almeno sette notti in hotel.

Umbria. Per chi invece vuole abbandonare anche l’ultimo briciolo di comodità, sugli Appennini è possibile, dal 7 gennaio, vivere un’esperienza veramente estrema. Tra i monti Sibillini, nei pressi di Norcia (Pg), all’interno del Parco nazionale è possibile svolgere un’escursione con le ciaspole: immergersi nei punti più remoti, realizzare un igloo grazie all’aiuto di una guida, e trascorrere la notte sotto un tetto di mattoni di ghiaccio. A questo si aggiunge un breve corso di orientamento con la bussola e attraverso la disposizione delle stelle in cielo. Il campo è organizzato dall’associazione Sibillini Adventure.
 
Le Alpi
 La Svizzera. Per quanto riguarda l’arco alpino, la Svizzera la fa da padrona. Nel paese di Heidi e del Gruviera, gli hotel-igloo sono ben cinque, uno più spettacolare dell’altro, realizzati da Iglu-Dorf GmbH. Nel paradiso per le vacanze di Davos-Kloster il villaggio Iglu-Dorf si inserisce nell’area sciistica di Parsenn. Tutt’intorno si trovano quattro aree sciistiche  collegate tra loro. Qui gli ospiti potranno dormire in semplici igloo o in vere e proprie suite di ghiaccio, con pareti scolpite in bassorilievo. Alcuni igloo dispongono anche di vasca idromassaggio e bagno privato.
 
Posizionato nella parte più bella del lago Trübsee, nel villaggio di ghiaccio di Engelberg ci si può sentire in cima al mondo anche se si è a "soli" 1800 metri di altitudine. L’assenza di luce artificiale esalta il luccichio delle stelle, che accendono la notte insieme ai brillanti cristalli di ghiaccio che volano lievi nell’aria. Durante il giorno ci si può divertire allo "snowXpark" dove è possibile affittare moto da neve elettriche o volare con il parapendio.
 
Se a Gstaad le emozioni più belle si possono vivere nella jacuzzi in mezzo alla neve e nella sauna, a St. Moritz nella località Muottas Muragl è possibile da quest’inverno pernottare per la prima volta  nell’hot-Iglu, dotato di una stufa svedese e con tetto trasparente che consente di guardare il cielo stellato. Anche a Zermatt sarà possibile dormire sotto un tetto trasparente, dove lo spettacolare paesaggio caratterizzato dalla vetta del Cervino, rende il cielo di notte magico.
 
Austria. Nel Tirolo settentrionale, a metà strada tra Innsbruck e Monaco di Baviera, nella SkiWelt Wilder Kaiser – Brixental, il villaggio Alpeniglu offre pernottamenti a partire dalla notte di Capodanno 2012 fino a fine marzo. Qui c’è anche un bar di ghiaccio. Il bianco villaggio costituito da 18 igloo è situato alla stazione a monte di Hochbrixen, dove è facilmente raggiungibile anche dagli sciatori notturni. Così gli ospiti potranno assaporare la fonduta sul tavolo di ghiaccio trasparente e cristallino o un cocktail da bere in bicchieri rigorosamente di ghiaccio, apprezzare l’esposizione di sculture di neve, oltre, ovviamente, a dormire nella suite igloo. Ogni anno, artisti internazionali del ghiaccio, creano in loco vere e proprie opere d’arte, diverse ogni anno. Il tema di questa stagione è il "viaggio nel tempo".

Germania. Anche in Baviera è possibile vivere l’esperienza dell’hotel-igloo. Come quelli svizzeri, anche questo villaggio di ghiaccio è realizzato dalla Iglu-Dorf GmbH. Gli ospiti possono dormire in igloo per due o in vere e proprie suite di ghiaccio decorate e attrezzate. Alcune dispongono anche di vasca idromassaggio e bagno privato. Il villaggio igloo, situato sulla più alta montagna tedesca Zugspitze, in soli quattro anni di vita è già diventato un cult. La vista sui quattro paesi di frontiera è sensazionale, e dopo una notte in vetta l’accogliente ristorante SonnAlpin, completamente in legno con vista su Inntal, è il posto ideale per una prima colazione finalmente al caldo.
 
Nel nord scandinavo
 Svezia. Gli autentici hotel di ghiaccio sono nati nei paesi del Nord Europa. Il più noto si trova in Svezia, a Jukkasjärvi, poco lontano da Kiruna, nella Lapponia a 200 km dal circolo polare artico. Da più di vent’anni in questa località sorge ogni anno l’Icehotel. Ben 62 camere, realizzate utilizzando ben 900 tonnellate di ghiaccio e addirittura 21.500 tonnellate di neve. Questo singolare hotel si alimenta esclusivamente con energie rinnovabili. Aprirà il 3 dicembre e rimarrà in funzione almeno fino ai primi giorni di aprile.
 
Norvegia. Più a nord, in Norvegia, al confine con la Russia e vicino alla costa frastagliata che si affaccia sul mare di Barents, sorgerà anche in questa stagione invernale il Kirkenes Snow Hotel ed il Bjorli Ice Hotel. Quest’ultimo, che è il più grande albergo di ghiaccio della Norvegia, a tre ore di auto da Trondheim, si trova al centro di un parco naturale unico nel suo genere, a ben 1250 metri sul livello del mare.
 
Finlandia. Il più particolare e decisamente meno freddo è l’Arctic Resort Kakslauttanen. All’interno del comprensorio naturalistico del Parco Nazionale Urho Kekkonen, nella Lapponia Finlandese è possibile vivere un’esperienza unica nel suo genere: dormire in un igloo di vetro ammirando il magnifico fenomeno dell’Aurora Boreale. Il Resort, aperto tutto l’anno, dispone di 31 cottage in legno indipendenti, ciascuno con camino e sauna privata. Ogni inverno lì accanto viene realizzato il villaggio igloo: 20 abitazioni ed un’interessante esposizione con sculture di ghiaccio realizzate da artisti lapponi ed internazionali. Agli igloo tradizionali vengono aggiunti quelli in vetro. Adagiati su pelli di renna e protetti da caldi sacchi a pelo si potrà ammirare il cielo stellato e, se il tempo lo permette, lo straordinario fenomeno dell’aurora boreale. Per una notte veramente magica e gelata.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social