Guida per giramondo: come organizzare l’itinerario del vostro grande viaggio

Condividi questo articolo su :

Da Londra a Sidney? Da Il Cairo a Cape Town? Il giro del mondo in ottanta giorni? Viste le grandi possibilità, organizzare il viaggio dei sogni di due o più mesi potrebbe essere disorientante. Sia che abbiate a vostra disposizione due, sei, dodici o diciotto mesi per viaggiare, potete evitare che il vostro tour si trasformi in un incubo tra visti dimenticati, voli persi o itinerari inflessibili grazie a idee e consigli concreti per aiutarvi a sfruttare al meglio il vostro tempo prezioso.

Un ragazzo con maglia e cappello azzurri si aggira con lo zaino in Asia Il mondo è nelle tue mani, quindi prepara lo zaino e inizia ad esplorare! © Jaromir Chalabala / Shutterstock

Se avete due mesi…

Due mesi sono sufficienti per esplorare un continente. Questo potrebbe significare viaggiare su strada attraversando l’Africa da Il Cairo a Cape Town (fermandovi per cercare i gorilla di montagna in Uganda o Ruanda e accamparvi all’ombra del Kilimanjaro) oppure scoprire le meraviglie del Sud America: da Machu Picchu e le “linee” nella pampa di Nazca fino alle Isole Galápagos.

Se non avete mai esplorato l’Europa, considerate un “grand tour” delle sue città principali, i numerosi collegamenti vi possono portare ovunque da Amsterdam a Zagabria, creando l’ambiente perfetto per i viaggiatori meno esperti. Come alternativa, se state fuggendo dal freddo di casa vostra, potreste considerare il caldo sud-est asiatico, che si rivela anche un’ottima meta per i viaggiatori con budget ridotto.

Due mesi è un arco di tempo ideale per attraversare on the road il Nord America: affittate una macchina e scoprite gli Stati Uniti e la parte orientale del Canada in otto settimane.

Mani di ragazza con smalto nero indicano un punto sulla cartina dell'Islanda Sei mesi potrebbero necessitare di un po’ più di organizzazione, ma lasciate spazio alle improvvisazioni © sergey causelove / Shutterstock

Se avete sei mesi…

In questa finestra potreste attraversare un paio di continenti muovendovi via terra. L’“hippie trail”, aperto a metà degli anni ‘50, è un itinerario caratteristico che attraversa l’Europa e il Medio Oriente continuando in Nepal, India e nel lontano Oriente. I conflitti bellici in Medio Oriente hanno reso la strada più complicata di un tempo, ma oggi è comunque possibile percorrerne la maggior parte in modo sicuro.

Partite da Londra o da Parigi e dirigetevi verso Istanbul seguendo la strada del famoso Orient Express. Zigzagando verso la Turchia potrete visitare i canali di Amsterdam, la torre di Pisa, il Castello di Bran in Romania e molto altro. Investite in un pass Eurail per un unico biglietto economico e flessibile che vi aiuterà a muovervi tranquillamente in treno per l’Europa.

Uno scorcio di Varanasi al tramonto vista da un barca sul fiume Varanasi vi aspetta alla fine dell’ “hippie trail” © Roop_Dey / Shutterstock

Il percorso classico si divide dopo Istanbul con la possibilità di dirigervi a nord attraversando Teheran e Lahore verso l’India e il Nepal oppure di proseguire verso la Siria, la Giordania, l’Iran e il Pakistan (il percorso che al momento molti governi sconsigliano a causa di tensioni politiche e motivi di sicurezza). La via verso il Nepal può essere completata con un minimo di sei – otto settimane. Una volta arrivati, ammirate la maestosa catena montuosa dell’Himalaya per poi dirigervi in India per altre tre – quattro settimane, visitando le leggendarie fortezze del Rajasthan, il Taj Mahal e la città di Varanasi.

Con tutto questo tempo a disposizione, il desiderio di vedere il più possibile può essere forte. Ma sei mesi passeranno sorprendentemente veloci e vorrete lasciare un po’ di spazio alla spontaneità: non potete mai sapere dove nuovi amici, nuove esperienze e nuovi hobby potrebbero portarvi. Potrebbe essere utile fare una lista dei paesi e delle città da vedere assolutamente e le attività o esperienze che morite dalla voglia di fare e poi usate queste come base di partenza per il vostro itinerario, lasciando spazio alla vostra creatività man mano che viaggiate.

Due moto si dirigono su strada tra le valli Proseguire via terra potrebbe essere un ottimo modo per rallentare il ritmo del vostro viaggio © Soloviova Liudmyla / Shutterstock

Se avete un anno…

Con un anno a disposizione per viaggiare vorrete organizzare un’avventura che faccia il giro del mondo. Un modo per farlo potrebbe essere quello di scegliere una via più corta, come l’“hippie trail” per esempio, e percorrerla molto lentamente, aggiungendo diverse deviazioni al percorso principale. Per esempio da Istanbul potreste volare in Egitto, vedere le Piramidi di Giza e in India potreste percorrere il sud del paese, rilassarvi sulle spiagge di Goa oppure alloggiare in un ashram.

Ovviamente non tutti vogliono seguire un percorso già fatto. Molti optano per l’acquisto di un biglietto aereo RTW (Round the World) che costa intorno ai 2000 € e che vi permette di visitare una dozzina di luoghi, più di quanto sarebbe possibile fare con un viaggio fai da te con lo stesso budget. Se pianificate ogni volo con sufficiente distanza l’uno dall’altro, potreste poi prenotare voli nazionali per esplorare le regioni più in profondità. In alternativa, i giramondo più intraprendenti possono decidere di prenotare solo il primo volo e poi lasciarsi guidare dalle sensazioni personali e dalle idee del momento.

Una ragazza con la coda legge un libro rilassata sulla sdraio di una spiaggia Non dimenticatevi di rilassarvi e godervi le giornate nel vostro anno in giro per il mondo © Nomad_Soul / Shutterstock

Il segreto è dividere il viaggio in sezioni facilmente gestibili: avete il vantaggio del tempo, quindi non stressatevi. Destinate almeno un mese per ogni destinazione e considerate trasformare i voli in viaggi su strada, combinando l’avventura con mezzi di trasporto più alla mano. Dividete il vostro viaggio in trimestri o in stagioni e scegliete un tema per ciascuno, un po’ come in Mangia, prega, ama. Potete lasciarvi andare e divertirvi per un paio di mesi, dedicarvi al volontariato in una fattoria per qualche altro mese e poi imparare qualcosa di nuovo. Avere qualche obbiettivo divertente e raggiungibile vi aiuterà ad evitare di pensare di aver “sprecato” un anno.

Tra il fermento di organizzare, la preparazione e i timbri sul passaporto, ricordatevi di includere momenti di relax. Poche persone possono riuscire a portare avanti l’energia e l’entusiasmo iniziale no stop per un anno intero, quindi ritagliate una settimana qua e là per stare tranquilli e rilassarvi – perché non coccolarvi un po’ in una camera privata di lusso o in un appartamento? Ricordatevi inoltre di intervallare ambienti urbani con fughe nella natura selvaggia.

Volontari nel fango lavorano e aiutano nella natura Il volontariato potrebbe aggiungere al vostro viaggio un forte obiettivo © Dilok Klaisataporn / Shutterstock

Se avete più di diciotto mesi…

Avendo abbastanza tempo per circumnavigare il mondo due volte, due anni significa lasciare il lavoro e partire senza una meta precisa in testa. Questo richiede un ritmo più tranquillo – considerando che alcuni impiegano un anno intero per esplorare una nazione molto estesa come gli Stati Uniti, la Cina o l’India.

Mentre vi spostate in giro per il pianeta, provate a fare di una nuova città la vostra “casa” temporanea: nulla permette di conoscere appieno un luogo come viverci davvero quotidianamente. Ambientatevi, studiate una nuova lingua oppure dedicatevi al volontariato, ma potete anche fare qualcosa per voi stessi e iniziare a dipingere, scrivere oppure semplicemente viverci. Muoversi di continuo può essere stancante e dopo un po’ i panorami tendono a diventare sfuocati. Conoscere a fondo un luogo può essere a volte ancora più appagante che semplicemente spuntare cento attrazioni diverse dalla vostra lista.

Fonte articolo originale

Hits: 16

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: