Grecia – Il Dodecanneso

Condividi questo articolo su :

Leros, Karpathos, Caso, Piscopi, Calchi, Tilos, Nisiro: solo alcune delle isole dello splendido arcipelago greco, in una girandola di eventi, ma anche pace, silenzio e tanto, tanto mare.

L’atmosfera mistica di Patmos, punteggiata di chiesette, terra di monaci ortodossi con folte barbe e tuniche nere. I riflessi accecanti del sole a Kastellorizo (Castelrosso), resa celebre da Mediterraneo, il film premio Oscar di Gabriele Salvatores. Gli scogli e i porticcioli di Simi, le spiagge di Kos, la patria di Ippocrate, il padre della medicina.

Leros, Karpathos, Caso, Piscopi, Calchi, Tilos, Nisiro: solo alcune delle isole dello splendido arcipelago greco, in una girandola di eventi, ma anche pace, silenzio e tanto, tanto mare.

L’atmosfera mistica di Patmos, punteggiata di chiesette, terra di monaci ortodossi con folte barbe e tuniche nere. I riflessi accecanti del sole a Kastellorizo (Castelrosso), resa celebre da Mediterraneo, il film premio Oscar di Gabriele Salvatores. Gli scogli e i porticcioli di Simi, le spiagge di Kos, la patria di Ippocrate, il padre della medicina.

E ancora, il castello veneziano sulla rocca di Astypalea, le morbide spugne e gli incantevoli fondali marini di Kalimnos, le colline dolci di Lipsi, le meraviglie archeologiche, le tracce dell’r r architettura coloniale italiana (come l’ex Grande albergo delle rose e l’ex Teatro Puccini) e i santuari del turismo di massa a Rodi.

E poi Leros, Karpathos, Caso, Piscopi, Calchi, Tilos, Nisiro e decine di isolotti disabitati. Il Dodecanneso, l’arcipelago della Grecia che guarda all’Asia minore, è un tesoro tutto da scoprire, basta evitare le spiagge più affollate. Ogni anno i charter scaricano decine di migliaia di visitatori sulle coste e nei villaggi turistici di Rodi, l’isola più grande e il capoluogo, ma per trovare un angolo di paradiso bastano due o tre ore di traghetto.

In nave o sul caicco, la vacanza è in crociera Se in tempi di crisi la parola d’ordine è low cost, il fondatore della compagnia aerea Easyjet, Stelios Haji-Ioannou, ci ha visto lungo. La sua EasyCruise  propone una crociera di tre o quattro notti a poche centinaia di euro attraverso il mar Egeo e le sue meraviglie: Dodecanneso, Cicladi e Turchia.

La filosofia della nave, più o meno, è la stessa degli aerei: qualità e comfort sì ma niente fronzoli, i trattamenti di bellezza si pagano a parte. Partenze da Atene e da Kusadasi, in Turchia. Con Rotte di Portolano, invece, la crociera è in barca a vela o in caicco, la due alberi di origine turca in legno e molto spaziosa.

Scegliendo la rotta dell’arcipelago delle dodici isole si può salpare da Rodi (Marina Mandraki) o dalla nuova marina dell’isola di Kos. Spinti dal Meltemi, il vento che soffia da nordest, il caicco tocca l’isola di Simi con i suoi porti pittoreschi, e poi Patmos, Arki, Lipsos, Leros, Kalimnos. Un viaggio piacevole tra esplorazioni, vita notturna e relax.

Tra natura e cultura Se adorate i villaggi turistici globalizzati, con piscina e animatori attivi a ogni ora del giorno, state alla larga da Agrotravel. Si può anche affittare un piccolo appartamento sull’isola di Kalymnos, per imparare l’antica arte della tessitura da una donna che nel suo laboratorio prosegue l’attività tramandata dalla nonna e dalla zia.

Oppure sull’isola di Leros, dove la famiglia Karpathakis, i cui dolci oggi vengono esportati in tutta Europa, ha da sempre la sua pasticceria e il suo laboratorio artigianale. E così via, una piccola scoperta continua. I classici della gastronomia greca e i piatti tipici del Dodecanneso Una buona notizia per i crociati anti-tabacco.

Dal primo luglio in Grecia è vietato fumare nei luoghi pubblici, quindi anche in caffè, bar e ristoranti.

Fonte: www.repubblica.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: