Golf in Egitto

Condividi questo articolo su :

L’Egitto non ha una lunga tradizione golfistica, ma cresce in fretta e soprattutto stupisce. 
Fino a pochi anni solo l’elite egiziana e gli stranieri residenti avevano il culto dello swing, oggi questo sport strategico per la promozione turistica del Paese. Il Ministero del Turismo Zoheir Garranah vuole raddoppiare campi da golf e visitatori stranieri in un decennio. 

L’Egitto non ha una lunga tradizione golfistica, ma cresce in fretta e soprattutto stupisce. 
Fino a pochi anni solo l’elite egiziana e gli stranieri residenti avevano il culto dello swing, oggi questo sport strategico per la promozione turistica del Paese. Il Ministero del Turismo Zoheir Garranah vuole raddoppiare campi da golf e visitatori stranieri in un decennio. 

I punti di forza dei paese: una stagione golfistica più lunga di quella italiana, la vicinanza al nostro paese e soprattutto prezzi abbordabili. Senza dimenticare che gli immobili affacciati sul campo da golf valgono in media il 20-30% in più dell’investimento analogo in altre zone e la domanda immobiliare interna, in forte espansione, rende la scommessa un successo. Il campo più spettacolare è quello di Mena House Oberoi: 9 buche a poche centinaia di metri dalle piramidi di Giza, nel parco del celebre hotel che ha ospitato i collqui tra Churchill, Roosvelt e Chiang Kai-Shek alla fine del 1943, oltre che vari membri della famiglia reale inglese.

Il golf and country club cairota per eccellenza è invece il Katameya Heights: 27 buche a cui si affiancherà nel 2008 il nuovissimo complesso "Katameya Dunes". Il Mirage City JW Marriott, un altro 27 buche, tra i più impegnativi del paese, fa parte dell’hotel Marriott, sulla circonvallazione che collega il Cairo con l’aeroporto internazionale. Meno impegnativo, sempre al Cairo, il campo di Golf City, mentre il Dreamland Golf Resort, 27 buche disegnate da Karl Litten, è il più lungo della capitale e tra i più difficili. 
Il complesso più ambizioso del paese è il Soleimanyah Golf Village, a circa 50 km dal centro del Cairo: 36 buche. Sempre a poca distanza dalla capitale, scendendo verso sud lungo il canale di Suez, si trova il 18 buche del resort Stella di Mare

Paesaggio mozzafiato sul Mar Rosso al Gary Player Cascades di Soma Bay, tra i più amati dai giocatori stranieri, mentre a El Gouna, a pochi chilometri da Hurgada, si giocano 18 buche tra i laghetti e villette lungo un percorso disegnato da Michael Graves. Lì si svolgerà in autunno la finale del torneo golfitaliano.it. Lungo la strada per Naama Bay, nel Sinai meridionale, si gioca al Jolie Ville Hotel and Golf Resort, che ha già ospitato un evento PGA Challenge Tour e un torneo per Senior PGA. Vicino a Luxor si gioca al Royal Valley.

Hits: 2

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: