Gli utenti di Tripadvisor scelgono i migliori hotel

Condividi questo articolo su :

Tra le tante comunità che stanno fiorendo su Internet, non potevano mancare quelle dei viaggiatori, che si scambiano dritte e consigli sui luoghi visitati, le compagnie aeree, gli hotel. In tema di sistemazioni alberghiere, una delle community più numerose e vivaci è quella di TripAdvisor, che come ogni anno ha eletto i suoi Travellers’ Choice Awards: i premi ai migliori (e peggiori) alberghi del mondo.

Tra le tante comunità che stanno fiorendo su Internet, non potevano mancare quelle dei viaggiatori, che si scambiano dritte e consigli sui luoghi visitati, le compagnie aeree, gli hotel. In tema di sistemazioni alberghiere, una delle community più numerose e vivaci è quella di TripAdvisor, che come ogni anno ha eletto i suoi Travellers’ Choice Awards: i premi ai migliori (e peggiori) alberghi del mondo.

Da ieri, sul sito è disponibile un papiro in .pdf in cui sono segnalati più di trecento alberghi a denominazione d’origine controllata e verificata dagli utenti, suddivisi in varie categorie: dagli hotel extra-lusso a quelli che offrono il miglior rapporto qualità-prezzo, da quelli dove spendere un weekend romantico a quelli particolarmente indicati per una vacanza in famiglia.

Qualche verdetto? Se avete un bel po’ di soldi da spendere, non ci sono dubbi, la sistemazione lussuosa migliore la trovate al Los Alto de Eros di Tamarindo, in Costa Rica. Se oltre a un portafoglio ricco avete anche un partner speciale con cui andare in viaggio, la soluzione numero uno è invece il Legends Hotel alle isole Mauritius, al vertice della classifica degli alberghi più romantici. Se invece volete puntare su una sistemazione più rustica, ecco la Locanda Orseolo di Venezia, vincitrice assoluta nella categoria delle locande e dei bed & breakfast.

Un’altra dozzina di strutture italiane compare nelle varie classifiche. C’è la Locanda dell’Amorosa di Sinalunga, vicino a Siena, ventunesima nella Top 100 degli alberghi extralusso ma anche decima in quella degli hotel europei più romantici. C’è l’Hotel Vecchio Asilo di San Gimignano (sempre nel Senese), che entra nella Top 5 continentale del rapporto qualità/prezzo. E ce ne sono altri, sparsi soprattutto per i dolci declivi toscani, tra i canali di Venezia o sulla costiera amalfitana (non a caso tra le mete turistiche del nostro paese preferite dagli stranieri).

Un sito come TripAdvisor non serve però solo a eleggere i migliori paradisi terrestri. La sua più grande utilità sta probabilmente nell’aiutare gli utenti a evitare le fregature, segnalando anche gli alberghi più scadenti o deludenti. Quante volte vi è capitato di tornare inorriditi o arrabbiati da un viaggio per colpa di una camera infestata da scarafaggi o di un servizio diverso da quello promesso sui depliant? Su TripAdvisor chiunque può scrivere la recensione di un albergo e avvertire dell’eventuale pericolo gli altri membri della comunità che stanno organizzando la loro vacanza.

Ecco quindi che nel comunicato distribuito dall’ufficio stampa del sito compare anche la lista delle maglie nere: i peggiori alberghi italiani secondo il giudizio insindacabile del pubblico. Due sono a Firenze (Grand Hotel Majestic, Ascot) e tre a Roma (Anglo Americano, Marcus, Acropoli) e le ragioni del pollice verso sono svariate. Ma basta navigare pochi minuti sul sito per trovare decine di altre implacabili (e in molti casi utilissime) stroncature.

La domanda nasce spontanea: c’è da fidarsi? Non è che le recensioni e i giudizi sono scritti dagli albergatori stessi, che cercano di infiocchettare i propri servizi e screditare quelli dei rivali? “Le recensioni – positive e negative – su hotel, ristoranti e destinazioni vengono controllate prima di essere messe online”, spiega Lorenzo Brufani, portavoce di TripAdvisor Italia (la versione italiana del sito ha da poco aperto i battenti). “Utilizziamo un sofisticato sistema tecnologico che ne verifica l’attendibilità”.

Il controllo dall’alto è una buona cosa, ma come in tutte le comunità online la vera forza sta nei numeri. TripAdvisor vanta cinque milioni di utenti registrati, più di dieci milioni di giudizi e oltre venticinque milioni di visitatori mensili. “Più siamo, più vinciamo”, era il vecchio slogan di un presidente di una squadra di calcio. “Più siamo, più valiamo”, si potrebbe tradurre per i network sociali di Internet, dove l’accuratezza e la credibilità dei servizi sono direttamente proporzionali proprio alla partecipazione degli utenti. Se una recensione è negativa o positiva, ti può venire il dubbio sulla sua fondatezza. Se ad esserlo sono trenta, allora puoi iniziare a fidarti.

Fonte: www.lastampa.it

Hits: 2

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: