Gli Italiani in hotel

Condividi questo articolo su :

Puntigliosi ed esigenti: per stare bene in un hotel gli italiani vorrebbero ritrovare un ‘pezzo’ della propria casa e una delle cose piu’ importanti e’ la prima colazione, vissuta come un momento di wellness, dove rilassarsi e prendersi cura del proprio benessere. Lo scelgono sempre piu’ spesso su Internet (76,4%), e tra gli elementi discriminanti ci sono prezzo, posizione e servizi.

Puntigliosi ed esigenti: per stare bene in un hotel gli italiani vorrebbero ritrovare un ‘pezzo’ della propria casa e una delle cose piu’ importanti e’ la prima colazione, vissuta come un momento di wellness, dove rilassarsi e prendersi cura del proprio benessere. Lo scelgono sempre piu’ spesso su Internet (76,4%), e tra gli elementi discriminanti ci sono prezzo, posizione e servizi.

E’ quanto emerge da uno studio promosso da Nestle’ Professional, che attraverso il suo Osservatorio ha promosso una ricerca con 500 interviste a italiani tra i 18 e i 65 anni che, per trasferte di lavoro o in occasione di vacanze, frequentano strutture alberghiere. Quando arrivano in camera, gli italiani controllano tutto (41%), a caccia di ogni piccolo difetto o ‘mancanza’ che faccia loro rimpiangere la propria casa.

Questo non vuol dire certo che non amino gli alberghi, anzi, molti di loro sognano di ‘portarsi a casa’ oggetti ed esperienze vissute in hotel, prima fra tutte la prima colazione. Se per il 27,2% e’ infatti un’occasione per mangiare cose sfiziose, per il 25% rappresenta l’ottimo anche dal punto di vista nutrizionale e del benessere, tanto che il 76,4% dedica alla colazione in hotel tra i 15 e i 30 minuti (contro i 5 minuti della colazione a casa o al bar). Ecco allora che la prima colazione in albergo diventa anche un momento di socializzazione, non a caso molti sognano di dividere questo ‘momento’ con i propri beniamini.

C’e’ infatti chi vorrebbe dividerlo con la Bellucci, la Canalis, la Marcegaglia o Isabella Ferrari e chi invece sogna un breakfast all’insegna delle risate con Fiorello, Benigni o Gerry Scotti. Quali sono i criteri piu’ importanti che gli italiani utilizzano nella scelta di un hotel? Senza dubbio oggi per l’81,2% degli italiani il prezzo e’ la prima discriminante, al secondo posto c’e’ la ‘posizione’ dell’albergo (75,2%), seguita dai servizi offerti (60,2%). Per quanto riguarda poi gli ‘strumenti’ che utilizzano per la scelta, a dominare e’ ormai Internet (76,4%), che ha ormai ampiamente superato le agenzie di viaggio (25,6%). Giunti all’hotel, sono moltissimi a sentire subito la nostalgia di casa e inizia la caccia ai ‘difetti’ della camera. Un intervistato su due (54,2%) trova il letto dell’albergo ‘scomodo’, cosi’ come il 39,8% rimpiange il bagno di casa, giudicando quello della camera troppo piccolo.

Il cahier de doleances non finisce naturalmente qui: il 39,4% giudica insufficiente l’isolamento acustico e il 36,8% dice che gli mancano gli ‘spazi’ di casa e che la camera d’albergo e’ troppo piccola. Ma la vita in albergo piace agli italiani: oltre all’idromassaggio (45,2%), alla sauna (37,4%) e al servizio in camera (28,4%), il dato piu’ rilevante e’ che quasi un intervistato su due (46%) vorrebbe rivivere a casa la prima colazione tipica dell’hotel. I motivi? Se per il 27,2% e’ un’occasione per mangiare cose sfiziose, per uno su quattro (25%) e’ soprattutto un momento di benessere per affrontare gli impegni quotidiani al meglio.

Fonte: www.viaggi-oggi.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: