Gita nel Monferrato

Condividi questo articolo su :

Dall’antichissima abbazia romanica di Santa Giustina a Sezzado, fondata dal re longobardo Liuprando, al parco ottocentesco del castello di Giarole, fino alle cappelle del Sacro Monte di Crea: moltissimi i luoghi segreti del Monferrato che, insieme a cantine e ristoranti, apriranno al pubblico per la nuova edizione di Golosaria.

Dall’antichissima abbazia romanica di Santa Giustina a Sezzado, fondata dal re longobardo Liuprando, al parco ottocentesco del castello di Giarole, fino alle cappelle del Sacro Monte di Crea: moltissimi i luoghi segreti del Monferrato che, insieme a cantine e ristoranti, apriranno al pubblico per la nuova edizione di Golosaria.

La manifestazione organizzata dal Club Papillon di Paolo Massobrio, che ha nel binomio enogastronomia – cultura il suo punto di forza, quest’anno si divide in due fine settimana: il primo dedicato all’alessandrino, il secondo all’astigiano. Inizio venerdì 6, con una merenda nel cascinale di Rocca Civalieri a Quattordio, e un omaggio a Cesare Pavese al Ristorante del Santuario di Serralunga di Crea, insieme agli scrittori Lorenzo Mondo e Gianfranco Lauretano. Per festeggiare anche l’8 marzo, il filo conduttore degli spettacoli sarà la figura di Anne d’Alençon, ultima marchesa del Monferrato ed esempio raro di donna di potere del Rinascimento italiano. Sabato 7 alle 10, nel teatro di palazzo Callori a Vignale, la marchesa incontra i bambini delle scuole elementari col Teatro del Rimbalzo.

A seguire nel palazzo, l’inaugurazione della mostra dedicata alle eccellenze gastronomiche di tutta Italia, con degustazione dei vini dell’enoteca regionale del Monferrato, e pranzo con polenta, agnolotti e salamini organizzato dalla Pro Loco. Nel pomeriggio, mentre Vignale resta il regno dell’eno-gastronomia, la rievocazione storica si sposta al castello di Camino, con figuranti, giocolieri, musicanti, artigiani. Anche qui comunque le papille non saranno mortificate, grazie alle degustazioni di vini dello Champagne abbinati a farinata, muletta e altre specialità locali.

Moltissime le manifestazioni collaterali, in tutto il territorio. Fra le altre, il raduno di moto Guzzi a Castellazzo Bormida che, dopo il rituale appuntamento al Santuario della Madonnina dei centauri, terminerà con un giro tra tutti i castelli monferrini aperti per l’occasione. Ad Acqui Terme, la libreria Cibrario e l’associazione Tre-T organizza letture sulla convivialità con degustazioni e incontri legati al femminile. A Solonghello, la Locanda dell’Arte presenta il documentario "Adotta un ricordo", in omaggio alla donna nel Monferrato. A Oviglio, il castello è reale aperto con la partecipazione di artigiani alimentari della zona. Visitabili anche i castelli di Rosignano, Sannazzaro a Giarole, Razzano ad Alfiano Natta, Gabiano e Frassinello. Inoltre, cantine, ristoranti, bed and breakfast della zona propongono per l’occasione menu e offerte speciali.

Sabato 14 e domenica 15 marzo, Golosaria continua a Moncucco Torinese e Montiglio Monferrato.

Programma completo su www.golosaria.it

Fonte: www.lastampa.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: