Firenze: Le piste ciclabili sono sul web

Condividi questo articolo su :

Piste ciclabili, la solita odissea. Oltre ai tratti perennemente invasi dalle auto (vedi via Tornabuoni), 15 dei 61 chilometri che si snodano in città hanno qualcosa che non va: buche (vedi via Villamagna), percorso sconnesso, colore rosso e strisce bianche sbiadite (via Lungo l´Affrico), tratti scomparsi dopo i lavori alle fognature o ai marciapiedi (è accaduto in viale Strozzi).

Piste ciclabili, la solita odissea. Oltre ai tratti perennemente invasi dalle auto (vedi via Tornabuoni), 15 dei 61 chilometri che si snodano in città hanno qualcosa che non va: buche (vedi via Villamagna), percorso sconnesso, colore rosso e strisce bianche sbiadite (via Lungo l´Affrico), tratti scomparsi dopo i lavori alle fognature o ai marciapiedi (è accaduto in viale Strozzi).

«Circa 45 chilometri sono di nuova realizzazione o sistemati di recente», fanno sapere proprio dagli uffici di Palazzo Vecchio. Il resto è il calvario quotidiano delle centinaia di fiorentini che inondano di e-mail le associazioni dei ciclisti e di telefonate il call center del Comune. «In 4 anni le piste sono quasi raddoppiate, da 34 chilometri nel 2004 ai 61 attuali.

E´ un lavoraccio: entro la primavera del 2009 rimetteremo a posto questi 15 chilometri che ancora necessitano di interventi» alza le mani da Palazzo Vecchio l´assessore all´ambiente Claudio Del Lungo, che intanto è già corso ai ripari: da qualche settimana c´è una task force di operai specializzati che lavorano solo sulla manutenzione delle corsie preferenziali per ciclisti. «Sono due operai della Sas (la spa che gestisce la sosta di superficie e la manutenzione stradale, ndr) che agiscono nei punti difficili – spiega l´assessore – girano con vernice rossa per ripristinare il colore delle piste dove è scomparso, tappano le buche. Lavorano sulla base delle segnalazioni dei cittadini, quindi chiunque noti punti disastrati è invitato a comunicarcelo subito».

Intanto le piste ciclabili di Firenze sbarcano sul web: da ieri su internet si può consultare la nuova mappa delle strade dei ciclisti. E´ costantemente aggiornata, ci sono i tratti di piste già costruiti ma anche quelli che si stanno costruendo o che verranno costruiti a breve: e il pregio è che lì le buche e le auto selvagge non ci sono. Basta andare sul sito del Comune (www.comune.fi.it ) e collegarsi all´assessorato all´ambiente, inserire il nome di una strada per vedere apparire la pista relativa o i collegamenti ciclabili utili, ma anche le rastrelliere (entro fine anno i posti bici saranno 13 mila, erano 6700 nel 2004) e le stazioni di ricarica per bici elettriche (entro giugno saranno disponibili di nuovo i contributi del Comune per chiunque voglia comprarle).

Entro l´autunno sarà pronto il bando per il "bike sharing" sul modello Barcellona: in 50 punti della città saranno a disposizione 800 bici che ognuno (con una apposita card e un abbonamento, 35 euro l´anno) potrà usare e poi lasciare nei punti di raccolta a disposizione di tutti. La prima mezz´ora, per gli abbonati, sarà gratuita; le successive costeranno dai 30 ai 50 centesimi. Il servizio entrerà in funzione nella prossima primavera. Nel frattempo, entro l´estate i punti noleggio attualmente disponibili aumenteranno: oltre a quelli di piazza Stazione, Ghiberti e stazione Campo Marte, a breve uno nuovo in Santa Croce, mentre quello di piazza del Cestello trasloca in piazza della Calza.

Fonte: www..repubblica.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: