Festa a Siena

Condividi questo articolo su :

Siena non è “solo” questo e vuole ricordarlo. Ecco, allora, un’imponente kermesse studiata per celebrare i 700 anni dalla traduzione in volgare del Costituto Senese, l’insieme di norme e leggi che regolavano nel 1300 la vita della Repubblica di Siena. L’intera città si mobiliterà, quindi, per dare vita a itinerari storici ed enogastronomici, rievocazioni dei mercati medievali nella storica Piazza del Campo, mostre d’arte, concerti, spettacoli teatrali.

Siena non è “solo” questo e vuole ricordarlo. Ecco, allora, un’imponente kermesse studiata per celebrare i 700 anni dalla traduzione in volgare del Costituto Senese, l’insieme di norme e leggi che regolavano nel 1300 la vita della Repubblica di Siena. L’intera città si mobiliterà, quindi, per dare vita a itinerari storici ed enogastronomici, rievocazioni dei mercati medievali nella storica Piazza del Campo, mostre d’arte, concerti, spettacoli teatrali.

La città del Sì (questo è il nome della manifestazione) prende il via il 12 settembre con il ritorno a Palazzo Pubblico dell’originale manoscritto del Costituto: verrà esposto nella Sala del Buongoverno, dove si possono ammirare i celeberrimi affreschi del Lorenzetti dedicati agliEffetti del buono e del cattivo governo in città e in campagna. Tra gli appuntamenti, da segnare in agenda per la giornata inaugurale, c’è La veglia del Costituto. In piazza del Duomo (dalle 21), Giobbe Covatta, partendo dalla predica che San Bernardino tenne in piazza del Campo, sfornerà riflessioni lucidamente amare e corrosive sul Buon Governo e sulla sua attualità. Stefano Saletti metterà in musica 10 sonetti del poeta maudit Cecco Angiolieri (quello di S’io fosse foco…) e Monica Guerritore proporrà un percorso dall’Inferno di Dante (con un omaggio alla senesissima Pia de’ Tolomei) per arrivare all’Infinito.

Ultimo, non per importanza, l’intervento multimediale di Sergio Carrubba che proietterà immagini ispirate al Medioevo sulle mura dell’antico Spedale di Santa Maria della Scala. Anche a teatro il Medioevo la fa da padrone e gli spettacoli proposti sono, tra gli altri, un Robin Hood (il musical di Beppe Dati con Manuel Frattini), il Macbeth (di e con Gabriele Lavia), Polvere di Bagdad (musical liberamente tratto da Le mille e una notte, con Massimo Ranieri, musiche di Mauro Pagani e la regia di Maurizio Scaparro). Il 18 settembre, poi, prenderà il via la rassegna cinematografica Sì è cinema , con alcune delle più belle e famose pellicole di ambientazione medievale. Particolare attenzione al regista Mario Monicelli e a Roberto Rossellini: tra le pellicole in programma, il dittico burlesco L’Armata Brancaleone e Brancaleone alle Crociate , e Francesco, giullare di Dio. Non poteva poi mancare Non ci resta che piangere di Massimo Troisi e Roberto Benigni.

La festa per il Costituto continuerà fino a maggio 2010: tutti i weekend (dal venerdì alla domenica) si ripeteranno appuntamenti ed eventi pensati per coinvolgere sia senesi doc che turisti. I visitatori, su prenotazione, potranno partecipare ai tour negli antichi Terzi (la storica divisione amministrativa della città) alla scoperta degli angoli meno conosciuti del centro storico. I più curiosi avranno anche modo di scoprire i tesori delle Contrade che per la prima volta apriranno ai “non-contradaioli” le porte dei Musei e degli Oratori. Siena, città gotica per eccellenza, si divertirà a fare indovinare l’età di alcuni dei suoi più famosi palazzi, con la Caccia al Gotico. E a tavola? Anche gli chef senesi sono in festa per celebrare il compleanno del Costituto: nei ristoranti con il marchio La Città del Sì sarà possibile degustare specialità medievali, oltre a scoprire i piatti e i prodotti tipici di Siena.

Info: tel. 0577.29.22.30, www.comune.siena.it .

Fonte: www.corriere.it

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: