EveryTrail, il Gps dialoga con la rete e diventa multimediale

Condividi questo articolo su :

Digitalizzati, i viaggiatori moderni lo sono già: in qualunque trasferta portano con sé l’ultimo modello di fotocamera, una minuscola videocamera o il videofonino che le racchiude tutte. Poi, una volta a casa, si siedono davanti al pc e lasciano scorrere i ricordi, annotando sul blog (chi non ne ha uno?) pensieri, emozioni, strade, percorsi. Un fiume di informazioni, allegorie, suoni onomatopeici spesso corredato da immagini e clip fatte in casa, perché le parole non bastano mai per raccontare tutto ciò che si è visto e vissuto.

Digitalizzati, i viaggiatori moderni lo sono già: in qualunque trasferta portano con sé l’ultimo modello di fotocamera, una minuscola videocamera o il videofonino che le racchiude tutte. Poi, una volta a casa, si siedono davanti al pc e lasciano scorrere i ricordi, annotando sul blog (chi non ne ha uno?) pensieri, emozioni, strade, percorsi. Un fiume di informazioni, allegorie, suoni onomatopeici spesso corredato da immagini e clip fatte in casa, perché le parole non bastano mai per raccontare tutto ciò che si è visto e vissuto.

Tutto questo è già preistoria: oggi non si è veri globe-trotter senza un dispositivo Gps nello zainetto, magari integrato nel cellulare. E non per la paura di perdersi nelle insidie del mondo, ma per trasformare il viaggio in un’esperienza multimediale, seguita chilometro dopo chilometro, immagine dopo immagine, fino a creare un vero e proprio reportage interattivo dell’itinerario scelto. Da mostrare e condividere con il resto del mondo, in perfetto stile web 2.0.

Già il nome la dice lunga: EveryTrail è una piattaforma online che permette di trasferire dati Gps registrati durante il proprio itinerario, aggiungendo via via foto, commenti o appunti, dando vita così a un resoconto multimediale del viaggio. Personalissimo, estremamente preciso e ad alta tecnologia: una volta in rete il percorso viene visualizzato sulla mappa satellitare di Google, un filo rosso costellato di iconcine di macchine fotografiche che indicano il punto esatto in cui poter ammirare un paesaggio o un’alba mozzafiato.

A esaminare i ‘racconti di viaggio‘ presenti sul sito – oltre 300 in pochi mesi di attività – si direbbe che gli ideatori americani di EveryTrail abbiano raccolto le aspirazioni di un folto ed eterogeneo gruppo di viaggiatori, tutti con la passione delle ‘attività fuori porta’: escursionisti, motociclisti, velisti, bikers o runners, ma anche gente normale, di ogni angolo del pianeta.

E gli autori, anche loro instancabili entusiasti delle gite all’aria aperta, si compiacciono con se stessi: "Per anni, di ritorno dal viaggio, abbiamo trascorso ore a creare pagine web con i nostri resoconti, ma fotografie e parole non erano mai sufficienti, ci lasciavano insoddisfatti. Fino a quando ci siamo accorti che potevamo far dialogare meglio tecnologie come il Gps, il mapping e la rete". Intuizione semplice ed efficace. "L’unico modo per condividere realmente l’esperienza del viaggio", spiegano, "è quello di poter raffigurare nella maniera più precisa possibile l’itinerario percorso, lasciando parlare le immagini nel loro contesto geografico naturale, lungo il sentiero battuto, annotando solo le cose fondamentali".

Diventa allora un piacere scoprire i luoghi guardati con gli occhi degli altri, conoscere il punto esatto in cui si può godere di una stupenda vista sull’oceano, magari andare a verificare con i propri occhi, senza il rischio di sbagliare latitudine o longitudine. Dagli Stati Uniti all’Asia, dall’Europa all’America Latina, i viaggiatori hanno imbracciato fotocamera e gps, indossato scarpe comode e giacca a vento. E via.

Così Prathman (questo il suo nickname) ha documentato con immagini spettacolari un’escursione in bicicletta lungo il Lake Tahoe, California: 72 miglia partendo dal sud e girandovi intorno in senso orario, con qualche pausa per una gita in canoa. Alecms, invece, ha noleggiato una moto per percorrere l’intera costa nord di Maui, nel cuore del Pacifico: accanto alle immagini spettacolari, ecco i commenti degli utenti che gli chiedono indirizzi utili per noleggiare scooter sull’isola. Incantevoli anche le foto postate da Foppe, splendida narrazione di una navigazione intorno alla Grecia, così come quelle di Joost – uno dei viaggiatori più attivi – che ha scalato la vetta del Cerro Vicuña, in Cile.

Di suggestioni e consigli ce ne sono davvero per tutti, anche per chi non possiede ancora il Gps: questa categoria di viaggiatori – tecnologicamente arretrati – dovrà annotare con precisione le coordinate di luoghi che costituiscono il sentiero, per poi postare il tutto sul web e ricreare il proprio itinerario multimediale. Oppure – ed è la soluzione più comoda – pazientare ancora un po’, più o meno fino alla notte di Natale.

Sito: www.everytrail.com 

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: