Escape room: le migliori in Italia per una fuga dall’ordinario

Da Trieste a Bari, ecco le “stanze della fuga” dove farsi rinchiudere per mettersi alla prova e vivere avventure da brivido. A tempo determinato

Più è inquietante, più ci si diverte. E allora perché non passare la serata in un hotel infestato dagli spiriti, in un manicomio abbandonato, nella casa di un serial killer? Viene dagli Stati Uniti la febbre dell’escape room, letteralmente “stanza della fuga”, gioco di squadra che mette alla prova abilità strategiche e capacità intuitive. Una fuga dal quotidiano che si traduce nella sfida a liberarsi da una o più stanze in cui i concorrenti (da due a dieci, secondo il regolamento) vengono rinchiusi.

Le escape room nascono dall’idea di Takao Katoe, appassionato di manga, che nel 2008 in Giappone ha iniziato a proporre giochi di fuga da bar e locali, riempiendoli di indizi. Il gioco è stato immediatamente importato in America e poi anche in Europa, Italia compresa: oggi sono decine le escape room aperte da Nord a Sud, per rispondere ai gusti e alle esigenze di un pubblico che spazia dai giovani alle famiglie, passando per scolaresche e lavoratori in missione team building.


Escape room da brivido: gli indirizzi migliori in Italia

BOLOGNA: IL TESTAMENTO DEL NONNO – La prova perfetta per gli aspiranti detective e gli amanti dei rebus strizzacervello è l’escape room “Il testamento del nonno”, a Bologna. Un ricco imprenditore, scienziato e viaggiatore del mondo, muore lasciando un impero commerciale con svariati milioni. Restano solo 60 minuti per trovare il suo testamento prima che arrivi la polizia…

MILANO: MANIAC PALACE – Tre piani, 52 stanze, oltre 4 mila metri quadri di spazio di gioco. Sono questi i numeri del Maniac Palace di Milano, la più grande escape room d’Italia. L’obiettivo dei giocatori – fino a 20 contemporaneamente – sarà quello di risolvere tutti gli enigmi presenti all’interno dell’edificio, così da riuscire a trovare il modo di fuggire dal Maniac Palace entro un’ora e mezza, tempo messo a disposizione dal serial killer che li ha rapiti uno ad uno.
Condividi questo articolo su :
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: