Dove ammirare le stelle cadenti

Dalle Alpi alle isole della Sicilia: ecco la classifica dei luoghi migliori in Italia

A mezzanotte e dintorni tutti con il naso all’insù a riveder le stelle. Rito magico e scaramantico, quello degli astri cadenti, che continua a far impazzire milioni di italiani, come un Superenalotto dell’anima, dove non si vincono milioni di euro ma desideri. Ieri era San Lorenzo, una volta clou degli avvistamenti. Oggi non più, perché da anni la Terra attraversa lo s c i a m e d e l l a cometa Swift-Tuttle con un po’ di ritardo. Ed è la notte tra il 12 e il 13, dicono gli astronomi, la migliore per vedere più scie luminose possibili.

Dalle Alpi alle isole della Sicilia: ecco la classifica dei luoghi migliori in Italia

A mezzanotte e dintorni tutti con il naso all’insù a riveder le stelle. Rito magico e scaramantico, quello degli astri cadenti, che continua a far impazzire milioni di italiani, come un Superenalotto dell’anima, dove non si vincono milioni di euro ma desideri. Ieri era San Lorenzo, una volta clou degli avvistamenti. Oggi non più, perché da anni la Terra attraversa lo s c i a m e d e l l a cometa Swift-Tuttle con un po’ di ritardo. Ed è la notte tra il 12 e il 13, dicono gli astronomi, la migliore per vedere più scie luminose possibili.

Dove? «In luoghi al riparo dall’inquinamento luminoso —spiega Roberto Parisio del Circolo astrofili del Planetario di Milano — anche perché quest’anno luna all’ultimo quarto, ci metterà lo zampino e rischiarerà una parte di cielo». Dunque tutti a caccia di luoghi «segreti» per l’avvistamento migliore. Che possono essere montagne, colline, spiagge, altopiani. Ecco una top ten, da Nord a Sud, di alcuni dei migliori luoghi per i voyeur del cielo. Una classifica provvisoria, ovviamente, perché il maltempo e pure qualche nuvola passeggera potrebbero rovinare la festa. Anche se il meteorologo Giampiero Maracchi, ordinario di climatologia all’Università di Firenze, tranquillizza: «Sino a fine settimana non ci dovrebbero esser nuvole e pioggia. Semmai qualche problema di foschia a bassa quota».

Uno degli osservatori naturali più belli è Pian Rosa, a quasi 3.550 metri, nel comune di Valtournenche, in Valle d’Aosta. «Qui la visuale è straordinaria — spiega Parisio— però le temperature sono invernali e di notte anche ad agosto difficilmente si superano i due gradi. Come del resto sul Passo dello Stelvio, altro luogo unico per gli avvistamenti ». Decisamente meno rigida la temperatura sul Passo del Giovà, valico dell’Appennino ligure, ai confini tra Emilia, Liguria, Lombardia e Piemonte. Qui esiste un punto di osservazione del Circolo astrofili di Milano. Altro luogo simbolo è Perinaldo borgo collinare in provincia di Imperia. È la patria di Giandomenico Cassini, scienziato del 1700, chiamato dal re di Francia come astronomo di corte. Chi invece preferisce la magia dei laghi, su quello di Massaciuccoli, a Torre del Lago (Viareggio), tanto caro a Giacomo Puccini, ci sono vecchi capanni di caccia riparati dalla luce. In Toscana si può anche sbarcare sull’isola di Giannutri, «scoglio» di 2,3 chilometri quadrati, raggiungibile via traghetto da Porto Santo Stefano. Qui gli antichi romani guardavano il cielo dalla Villa Domizia le cui rovine sono ancora visitabili.

Sul Monte Cimone (Modena) accanto alla stazione meteorologica la visuale è splendida. Come indimenticabile è trascorrere la notte delle stelle a Castelluccio di Norcia, in Umbria, altopiano famoso per le fioriture. A Sud infine ci sono due luoghi ideali, entrambi in Sicilia. L’Isola di Marettimo provincia di Trapani e Serra La Nave, sull’Etna, (Catania). Per la visione meglio essere sdraiati e ben coperti. Un ultimo consiglio: affrettatevi, anche le stelle cadenti non sono infinite. «Precipitando nell’atmosfera terrestre le particelle solide e di gas, i residui che formano la coda della cometa diventano sempre meno e dunque lo spettacolo delle scie è meno intenso — spiega l’astronoma Margherita Hack —. In futuro scomparirà del tutto ». Quando? Tranquilli, se ne riparlerà tra milioni di anni.

Fonte: www.corriere.it

Condividi questo articolo su :
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: