Da New York al North Carolina

Condividi questo articolo su :

È il nuovo mito delle vacanze in auto: 10 giorni di viaggio, con lo spirito di Kerouac, dalle atmosfere vittoriane di Cape May alle spiagge delle Outer Banks, al Parco Nazionale delle Great Smoky Mountains .

Addio Miami e Caraibi. Gli abitanti delle grandi città della East Coast, anche i fanatici di New York, hanno scoperto località vicine negli Stati del New Jersey e della North Carolina.

È il nuovo mito delle vacanze in auto: 10 giorni di viaggio, con lo spirito di Kerouac, dalle atmosfere vittoriane di Cape May alle spiagge delle Outer Banks, al Parco Nazionale delle Great Smoky Mountains .

Addio Miami e Caraibi. Gli abitanti delle grandi città della East Coast, anche i fanatici di New York, hanno scoperto località vicine negli Stati del New Jersey e della North Carolina.

Dove trovano non solo mare, natura e ottima ospitalità, ma anche una parte delle loro radici in questo itinerario di 2000 chilometri. Scelgono Cape May, nella punta più a sud del New Jersey, località di villeggiatura della classe agiata di Philadelphia nell’Ottocento, con case vittoriane perfettamente preservate e l’atmosfera immobile delle tranquille città di mare. Si avventurano nelle Outer Banks, la lunga striscia d’isole che fa da barriera alla costa della North Carolina, terra di pirati e navi affondate, ancora visibili sulle sue coste, che ha ospitato la prima colonia inglese, misteriosamente sparita nel nulla, e dove i fratelli Wright hanno spiccato il primo volo. Fanno un road trip sulla Blue Ridge Parkway, strada panoramica tra le montagne dei Cherokee e dei pionieri.

Pittoresca Cape May – Qui, a sole tre ore di auto da New York, il fascino e i dettagli del passato rimangono intatti, le giornate scorrono tranquille e pigre, con bagni di sole sulla ventilata spiaggia sabbiosa, passeggiate lungomare e giri in bicicletta nel paese. Una visita con i bambini in cima al faro, ancora funzionante, o un giro sui trolley, i tram tradizionali, ad ammirare le meraviglie architettoniche, sono attività sempre popolari. Ma negli ultimi anni Cape May si è adeguata a un turismo più raffinato: grazie ai boutique hotel e alla cucina gourmand, è entrata nella mappa di bon vivant e buongustai, lanciata anche dal New York Times, che ha incoronato i suoi ristoranti come i migliori del New Jersey. Lo storico Congress Hall ospita da due secoli famiglie in villeggiatura, nelle cabanas sulla spiaggia con servizio completo: corsi di yoga all’aperto, una spa e una lounge con musica dal vivo. Poco distante, stessa proprietà per il Virginia Hotel, in un edificio del 1879 ristrutturato, che, per garantire la pace ai suoi ospiti, come Candace Bushnell, autrice del libro Sex and the City, non ammette bambini sotto i dodici anni. Nel suo elegante ristorante, Ebbitt Room, propone cucina "new american" e un’ampia scelta di vini locali. Gli habitué di Cape May preferiscono, però, il brunch di uova e pancake dell’impareggiabile Mad Batter, il ristorante del Carroll Villa Hotel, o una scorpacciata di pesce nella Lobster House sul pontile, atmosfera nautica a un passo dal mercato.

Outer Banks, onde e dune di sabbia – Proseguendo a sud della costa atlantica, verso la North Carolina, è difficile trovare nelle Outer Banks il mood tranquillo di Cape May in estate. Con una popolazione di soli 40.000 abitanti, accolgono nella bella stagione ben 5 milioni di turisti, grazie ai chilometri di spiaggia libera e alle strutture ideali per le vacanze budget in famiglia, in particolare in paesini come Kitty Hawk e Nags Head. Il boom dello sviluppo negli ultimi vent’anni ha coinvolto anche località meno turistiche come Corolla, un tempo villaggio tranquillo noto per i cavalli selvaggi, purtroppo ora in pericolo di estinzione. A sud di Corolla, la cittadina di Duck accoglie ora un turismo più agiato, con case da milioni di dollari e l’unico resort della zona, il Sanderling, con spa, campi da tennis e accesso ai percorsi di golf. A Duck si trova anche il miglior ristorante della zona, il Blue Point, che serve prelibato food del sud, come pesce gatto fritto e frittelle di granchio. Hatteras, invece, è il luogo prediletto dagli appassionati di vela e surf, dove pare si trovino condizioni perfette. Vento forte, onde giganti e dune di sabbia attirano chi ha il senso dell’avventura, ma anche famiglie che vogliono una vacanza di solo mare. Di giorno preparano provviste, canne da pesca e giochi da spiaggia e partono per Cape Point, raggiungibile solo con un fuoristrada e dove si trova il faro più alto degli Stati Uniti. A quaranta minuti di traghetto da Hatteras, Ocracoke è l’isola più a nord: la sua spiaggia è stata votata tra le migliori del paese. Il villaggio di pescatori che fu quartier generale del pirata Barbanera è meno isolato di un tempo, e accoglie ogni estate un numero crescente di turisti che pernottano nei b&b intorno al marina, come il Castle di Silver Lake. Sembra un castello di sabbia sul porto e offre l’uso di biciclette, il mezzo di trasporto preferito sull’isola. Appena fuori dal villaggio, le 13 miglia di spiaggia sono uno dei rari luoghi dove godere del mare e della sabbia in piena solitudine.

On the road, tra parchi e montagne – Dalla cultura marittima degli Outer Banks alle montagne interne di Virginia e North Carolina, con la Blue Ridge Parkway, che unisce il parco nazionale delle Great Smoky Mountains, il più visitato del Paese, al Shenandoah National Park. Il nastro di asfalto di 469 miglia è raramente trafficato e riserva sorprese a ogni curva. Un paradiso per gli amanti della natura e delle passeggiate in montagna, che seguono i sentieri dei parchi o si avventurano nella foresta fitta di pini, querce e betulle alla scoperta di cascate nascoste. La regione è ricca di storia e cultura, con una grande comunità di artigiani, i cui lavori sono rappresentati al Folk Art Center (nel Southern Highland Craft Guild, fermata must della Parkway, milepost 382) e nei negozietti delle cittadine circostanti. In particolare, Asheville sta vivendo una crescente popolarità con il mondo dell’arte in fermento e un boom delle aziende vinicole nei dintorni. Per fermarsi a dormire, Sourwood Inn, nelle alture intorno ad Asheville, ha camere con camino e balconcino sul bosco. Sempre nelle vicinanze di Asheville, il ristorante e albergo Pisgah Inn è a 5000 piedi di altura, e offre la miglior vista sulla Blue Ridge Park­way e un’ottima trota di montagna. Infine, l’incantevole Chetola Inn di Blowing Rock, storica cittadina di villeggiatura con diverse attrazioni, dalla pesca di lago al golf, dal rafting all’equitazione.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: