Capodanno in Polinesia

Condividi questo articolo su :

Scendi dall´aereo, incredibilmente atterrato su una manciata di detriti corallini, e ti ritrovi lì, su una striscia di sabbia con un´incredibile distesa d´acqua ai due lati: di qua il blu del Pacifico, di là le cerulee acque della laguna che caratterizza l´isola di Rangiroa, arcipelago delle Tuamotu.
 

Scendi dall´aereo, incredibilmente atterrato su una manciata di detriti corallini, e ti ritrovi lì, su una striscia di sabbia con un´incredibile distesa d´acqua ai due lati: di qua il blu del Pacifico, di là le cerulee acque della laguna che caratterizza l´isola di Rangiroa, arcipelago delle Tuamotu.
 
"Isole lontane nell´Oceano", questo significa Tuamotu, e in effetti ci si sente proprio sperduti quaggiù, nel più spettacolare dei 78 atolli di una Polinesia ancora selvaggia. È talmente sottile la striscia di terra emersa che l´atollo sembra galleggiare: non supera mai i 300 metri di larghezza, "sbriciolato" in 240 motu (isolotti) che circondano un´incredibile laguna, la più grande al mondo dopo quella di Kwajalein, Micronesia, tanto ampia che potrebbe contenere l´intera Tahiti.

Rangiroa è un paradiso poco conosciuto e a lungo "dimenticato" perché non offre sistemazioni di lusso fatta eccezione per il KiaOra Resort&Spa, appena riaperto dopo una lunga ristrutturazione. Tuttavia, se siete in cerca di spiagge bianchissime su cui sonnecchiare coccolati dal servizio di un lussuoso cinque stelle, questo non è il luogo per voi. La ricchezza di Rangiroa è sott´acqua, e chi viene fin qui lo fa soprattutto per snorkeling e immersioni: quelle nei suoi passe (passaggi che permettono alle acque di oceano e laguna di mescolarsi) sono tra le più belle al mondo, tra mante, pesci Napoleone, razze leopardo, barracuda, cernie, delfini e soprattutto squali: decine le varietà. Due i centri di immersione, Six Passengers e Top Dive.
 
 Per scoprire Rangiroa non c´è che la barca. Solo così si raggiungono le Sabbie rosa, area della laguna in cui l´acqua si fa bassissima e trasparente, colorata dai toni pastello dei banchi di sabbia che cambiano continuamente forma, a seconda della corrente e dei venti. Poco lontano c´è il motu degli uccelli, una sorta di chiassosa mega-nursery sotto palme da cocco, e la Lagoon Bleu, paradiso dello snorkeling.

Fonte articolo originale

Condividi questo articolo su :

Benvenuto su ZonaViaggi.it !

Tieniti sempre informato sulle nostre novità seguendoci sui social